Antonio Molinari (pittore italiano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Molinari (Venezia, 21 gennaio 16553 febbraio 1704) è stato un pittore barocco italiano.

David e Abigail
Il testamento di Catone Uticense. Olio su tela, 151 x 195 cm. Collezione M (Collezione Privata)

Figlio del pittore Giovanni Molinari, fu apprendista presso Antonio Zanchi a Venezia. Fu molto influenzato dai dipinti dei pittori napoletani come Luca Giordano. Le sue tele, spesso di grosse dimensioni, raffigurano tipicamente scene tumultuose, religiose e mitologiche. Questo influenzò a sua volta il suo pupillo, Giovanni Battista Piazzetta.

Fra i suoi lavori ci sono: Gesù sfama i cinquemila (1690; Chiesa di San Pantalone, Venezia), Morte di Uzzah (c. 1695; Chiesa di Santa Maria degli Angeli a Murano); Combattimento di Centauri e Lapiti (c. 1698, Ca' Rezzonico).

Fu priore del Collegio dei pittori, di cui divenne sindaco nel 1699; in precedenza (nel 1696) figurava come “avichario e deputato” della Scuola del Santissimo a San Cassiano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Wittkower, Rudolf (1993). Pelican History of Art, Art and Architecture Italy, 1600-1750. 1980. Penguin Books Ltd. pp. pp349-350.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 36875399