Anthony Weiner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anthony Weiner
Anthonyweiner.jpg

Membro della Camera dei Rappresentanti - New York, distretto n.9
Durata mandato 3 gennaio 1999 - 17 giugno 2011
Predecessore Chuck Schumer

Dati generali
Partito politico Democratico
Tendenza politica Progressista

Anthony David Weiner (New York, 4 settembre 1964) è un politico statunitense, ex membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato di New York.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine ebraica, figlio di un avvocato e di una insegnante, inizialmente Anthony Weiner cercò di diventare meteorologo, ma i suoi interessi si spostarono presto verso la politica. Dopo il college divise una stanza con il futuro conduttore Jon Stewart; i due rimasero in ottimi rapporti, tanto che con la sua trasmissione Stewart appoggiò Weiner nelle elezioni.

Dopo aver preso un bachelor, Weiner cominciò a lavorare come collaboratore del deputato Chuck Schumer.

Nel 1991 fu eletto consigliere comunale della città di New York e mantenne il posto fino al 1998. In quell'anno infatti Chuck Schumer abbandonò la Camera dei Rappresentanti per affrontare Al D'Amato nella corsa al Senato. Weiner quindi si candidò per conquistare il seggio di Schumer e vinse le elezioni.

Politicamente, Weiner è favorevole all'aborto e si batte per estendere il programma Medicare a tutti i cittadini statunitensi. Nel 2002 ha votato a favore dell'impiego delle forze armate in Iraq, ma successivamente ha dichiarato di essersi pentito e ha chiesto il ritiro delle truppe. Più volte ha espresso pesanti critiche contro l'Arabia Saudita.

Nel 2005 Weiner si è candidato a sindaco di New York, ma è stato sconfitto nelle primarie; nel 2009 invece ha ritirato all'ultimo momento la sua candidatura.

Weiner è sposato con Huma Abedin, collaboratrice personale di Hillary Clinton. È anche molto amico dell'attore Ben Affleck, conosciuto mentre cercava ispirazione per il suo ruolo di deputato nel film State of Play.

In seguito allo scandalo sessuale che l'ha coinvolto a causa delle rivelazioni della pornostar Ginger Lee[1] e delle sue foto hard postate su Twitter, il 17 giugno 2011 si è dimesso dalla Camera dei Rappresentanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ginger Lee

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]