Ansedonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ansedonia
frazione
Ansedonia vista dall'Argentario
Ansedonia vista dall'Argentario
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Grosseto-Stemma.png Grosseto
Comune Orbetello-Stemma.png Orbetello
Territorio
Coordinate 42°24′38″N 11°17′19″E / 42.410556°N 11.288611°E42.410556; 11.288611 (Ansedonia)Coordinate: 42°24′38″N 11°17′19″E / 42.410556°N 11.288611°E42.410556; 11.288611 (Ansedonia)
Abitanti 88 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 58015
Prefisso 0564
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Ansedonia

Ansedonia è una rinomata località turistica, situata sull'omonimo promontorio a sud-est del comune di Orbetello di cui è frazione, nelle vicinanze delle rovine dell'antica città romana di Cosa.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

La città romana di Cosa costituisce le vestigia della moderna località di Ansedonia. Nell'area archeologica sono degne di nota le Mura di Cosa, il Museo Archeologico Nazionale e le opere ingegneristiche della Tagliata Etrusca e dello Spacco della Regina.

Tra le varie ville lussuose di epoca moderna che caratterizzano la località, si ritrovano alcune tracce di storia in alcuni monumenti isolati. Tra questi sono da ricordare la Torre di San Pancrazio e la Torre di San Biagio, di origini medievali, presso la quale si trova la Cappella di San Biagio costruita in epoca tardo-medievale su un antico mausoleo romano.

La Tagliata Etrusca è una notevole opera di ingegneria, risalente al periodo etrusco-romano. Si tratta di un canale tagliato nella roccia lungo la costa a sud-est del promontorio, ideato per evitare l'insabbiamento dell'antico porto creando un sistema di contro-correnti provenienti dal mare e dal canale emissario del non lontano Lago di Burano.

Questa notevole opera ingegneristica era completata dallo Spacco della Regina, una grande spaccatura del promontorio soprastante che si sviluppa lungo alcuni cunicoli scavati artificialmente.

Nella zona è degna di nota anche la cinquecentesca Torre della Tagliata, edificio che venne trasformato in abitazione nei secoli successivi e nel quale dimorò anche Giacomo Puccini.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Aldo Mazzolai, Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura, Le Lettere Firenze, 1997

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]