André Le Nôtre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di André Le Nôtre eseguito da Carlo Maratta

André Le Nôtre (Parigi, 12 marzo 1613Parigi, 15 settembre 1700) è stato un architetto del paesaggio francese, tra i principali della stagione barocca.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Famoso cortigiano e amico del Re Sole, era figlio d'arte, essendo stato suo padre Jean Le Nôtre giardiniere di Luigi XIII. Fu giardiniere del re Luigi XIV dal 1645 al 1700, contribuendo alla costruzione e all'ideazione dei giardini di Versailles, come quelli di altre nobili residenze francesi. Nel 1664 venne incaricato da Jean-Baptiste Colbert di abbellire i Giardini delle Tuileries ed egli ne prolungò la prospettiva con nuovi filari di alberi, dando corpo a quello che diverrà l'attuale viale degli Champs-Elysées.

Le Nôtre operò anche in Italia quando, nel 1681, fu chiamato da Emanuele Filiberto di Savoia, che gli commissionò il rifacimento del parco del Castello di Racconigi, collaborando con il celebre architetto Guarino Guarini che si occupò della contestuale ristrutturazione della residenza.

Le Nôtre è anche artefice della trasformazione dei giardini parigini mediante un disegno che introduce un sistema di assi visivi e una varietà di forme. Prima delle trasformazione fatte da Le Nôtre i giardini esistenti erano progettati in maniera tipicamente rinascimentale mediante la successione di quadrati e rettangoli statici.

Alla morte la sua salma venne inumata nella cappella Saint-André della chiesa di Saint-Roch a Parigi

Opere[modifica | modifica sorgente]

Giardini[modifica | modifica sorgente]

Orangerie del Castello di Versailles

Viali[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 49234418 LCCN: n/80/113060