Anastomosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Un'anastomosi (dal greco anastómōsis sbocco) è una comunicazione tra vasi sanguigni dello stesso livello. Il termine è anche usato impropriamente per indicare un insieme di fibre nervose che escono da un nervo per congiungersi ad un altro. A seconda della loro posizione nel sistema circolatorio si possono classificare in tre gruppi:

  • anastomosi veno-venose
  • anastomosi artero-arteriose
  • anastomosi artero-venose

Anastomosi veno-venose[modifica | modifica sorgente]

Fistole che mettono in comunicazione due vene. L'esempio classico è quello delle anastomosi che mettono in comunicazione tra loro le vene grande safena e piccola safena. La funzione di questi canali è la miglior ripartizione della pressione idrostatica del sangue tra le valvole dei due complessi venosi e la propagazione della spinta che i muscoli ossei forniscono al sangue delle safene interne con la loro contrazione alle safene esterne per aiutarlo nella sua risalita verso il cuore.

Anastomosi artero-arteriose[modifica | modifica sorgente]

Fistole che mettono in comunicazione due arterie. L'intestino tenue è irrorato grazie a una rete anastomotica che garantisce il continuo e costante flusso di sangue anche in caso di occlusione parziale o totale di un'arteria. Nella circolazione fetale è molto importante il canale anastomotico del Botallo, che mette in comunicazione l'arteria polmonare con l'aorta per deviare il flusso sanguigno dalla circolazione polmonare (pressoché assente) a quella sistemica.

Anastomosi artero-venose[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di fistole che mettono in comunicazione un'arteria con una vena. L'afflusso di sangue ai capillari sottocutanei, ad esempio, è regolato da anastomosi più profonde dotate di dispositivi sfinteriali che si aprono quando la temperatura corporea tende ad essere alta, per favorire la dispersione di calore, e si chiudono quando è troppo bassa. In questo modo il sangue passa/non passa in superficie ed evita/favorisce il trattenimento di calore.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]