Amblypygi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Amblypygi
Amblypigid.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Amblypygi
Famiglie

Gli amblipigi (Amblypygi) sono un ordine di aracnidi che comprende 5 famiglie.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Gli amblipigi presentano un largo cefalotorace, un corpo appiattito e sono privi di appendice caudale. I pedipalpi possono essere di due forme: corti e tozzi o lunghi e sottili, atti comunque alla predazione, sono aguzzi, spinosi, composti da sei segmenti, sono utilizzati per afferrare e trattenere la preda la quale viene mangiata da i chelicheri, fauci composte da due segmenti, posti sul cefalotorace tra i pedipalpi. Sono muniti di quattro paia di occhi uno mediano e tre paia laterali, quattro paia di zampe di cui il paio anteriore, molto lungo e sottile, si è evoluto in un organo di senso usato come antenne. La vita degli amblipigi si svolge di notte, predano altri artropodi. I piccoli di amblipigi appena usciti dalle uova si ritrovano in una tasca ventrale nell'addome della femmina ed in seguito assumono lo stesso comportamento degli scorpioni salendo sul dorso della madre. Questi aracnidi sono privi di pungiglione e non mordono. Inoltre vivono negli escrementi dei pipistrelli siti in una grotta situata al largo delle coste di Sumatra, quando le femmine partoriscono i piccoli, capita a volte che questi non si reggano forte alla madre e cadano al di sotto finendo in pasto degli amblipigi che li divorano nell'arco di trenta secondi.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

sottordine Paleoamblypygi
sottordine Euamblypygi

La principale famiglia degli amblipigi è quella dei frinidi che comprende circa 52 specie.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi