Amadou Toumani Touré

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amadou Toumani Touré
Amadou Toure.jpg

Presidente del Mali
Durata mandato 8 giugno 2002 –
22 marzo 2012
Primo ministro Ahmed Mohamed ag Hamani
Ousmane Issoufi Maïga
Modibo Sidibé
Cissé Mariam Kaïdama Sidibé
Predecessore Alpha Oumar Konaré
Successore Amadou Sanogo (come Presidente del Comitato Nazionale per la Restaurazione della Democrazia e dello Stato)

Durata mandato 26 marzo 1991 –
8 giugno 1992
Primo ministro Soumana Sacko
Predecessore Moussa Traoré
Successore Alpha Oumar Konaré

Dati generali
Partito politico Indipendente
Amadou Toumani Touré

Amadou Toumani Touré (Mopti, 4 novembre 1948[1]) è un politico maliano, presidente del Mali dal 2007 al 2012. Generale dell'esercito, rovesciò nel 1991 Moussa Traoré, precedente capo di stato militare, e gestì il potere nell'anno seguente; successivamente si presentò alle elezioni del 2002, che vinse sostenuto da un'ampia coalizione, ed è stato rieletto nel 2007. Il 21 marzo 2012 un colpo di stato lo solleva dal potere.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver frequentato le scuole a Mopti e successivamente a Bamako, Touré entrò nell'esercito e divenne membro del corpo dei paracadutisti, salendo rapidamente di grado; dopo diversi corsi d'addestramento in Unione Sovietica e in Francia divenne nel 1984 comandante del corpo.

Nel marzo 1991, dopo che alcune manifestazioni pubbliche erano state violentemente represse, partecipò ad un colpo di stato contro l'allora presidente Moussa Traoré, e divenne il leader del comitato di transizione, assumendo le funzioni di capo di stato. Organizzò l'assemblea nazionale che, tra il 29 luglio e il 12 agosto 1991 scrisse la costituzione del Mali e le elezioni presidenziali e legislative dell'anno successivo. Dopo di esse lasciò il potere al neo-eletto presidente, Alpha Oumar Konaré, guadagnandosi l'appellativo di "Soldato della Democrazia".[2]

Nel giugno 2001 divenne inviato speciale del segretario generale dell'ONU Kofi Annan nella Repubblica Centrafricana dopo il fallito colpo di stato in questo paese.

Dopo aver lasciato l'esercito nel settembre 2001, ricominciò la sua carriera politica candidandosi alla presidenza dello stato nelle elezioni del 2002; dopo aver ottenuto la maggioranza relativa al primo turno, con il 28,71% dei voti,[3] vinse il ballottaggio con il 64,35%, sconfiggendo l'altro candidato Soumaila Cissé.[4] Touré iniziò il suo mandato l'8 giugno.

Nominò primo ministro Ahmed Mohamed ag Hamani (in seguito sostituito da Ousmane Issoufi Maiga nell'aprile 2004 e poi da Modibo Sidibé il 28 settembre 2007), e scelse ministri provenienti da tutti i partiti politici del paese.

Ha fondato la Fondation pour l'enfance una fondazione a favore dell'infanzia, che guida insieme alla moglie, Toure Lobbo Traore.

Il 27 marzo 2007 Touré ha annunciato la sua ricandidatura alla presidenza nelle elezioni del 2007; secondo i risultati, annunciati il 12 maggio, Touré ha vinto le elezioni con 71,20% dei voti, contro il 19,15% del principale oppositore, Ibrahima Boubacar Keïta.[5] Sebbene Keïta e altri tre candidati non abbiano riconosciuto i risultati ufficiali,[6] le elezioni sono state giudicate libere e valide da osservatori internazionali.[7] L'8 giugno 2007, Touré ha giurato per il suo secondo mandato, in una cerimonia cui hanno preso parte altri sette presidenti africani.[8]

Il 21 marzo 2012 un colpo di stato militare lo solleva dal potere designando qualche giorno dopo presidente ad interim il presidente dell'Assemblea nazionale Dioncounda Traoré.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze maliane[modifica | modifica sorgente]

Gran maestro e cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale del Mali - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro e cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale del Mali
Gran Maestro dell'Ordine al merito della salute - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al merito della salute
Gran Maestro dell'Ordine al merito agricolo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al merito agricolo

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo)
— novembre 2005
Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 2009
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco)
— 13 febbraio 2012[9]
Ordine di José Martí (Cuba) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di José Martí (Cuba)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) "Malian President announces his candidacy for next elections", African Press Agency, 27 marzo 2007.
  2. ^ (EN) Country profile: Mali. URL Consultato il 2 giugno 2009
  3. ^ (FR) "1er tour de l'élection présidentielle au Mali : Verdict de la Cour Constitutionnelle", L'Essor, 9 maggio 2002. URL consultato il 2 giugno 2002.
  4. ^ Mali. Presidential Election 2002. URL consultato il 2 giugno 2002.
  5. ^ (FR) "Présidentielle au Mali: la Cour constitutionnelle valide la réélection de Touré", AFP (Jeuneafrique.com), 12 maggio 2007.
  6. ^ (FR) "Mali: l'opposition conteste la présidentielle sans attendre les résultats", AFP (Jeuneafrique.com), 1 maggio 2007.
  7. ^ (EN) Nick Tattersall, "Toure camp claims election win", Reuters (IOL), 1 maggio 2007.
  8. ^ "Re-elected Malian president sworn-in, 7 peers attend ceremony", African Press Agency, 8 giugno 2007.
  9. ^ n° 3668 of 13th February 2012

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente del Mali Successore
Moussa Traoré 26 marzo 1991 - 8 giugno 1992 Alpha Oumar Konaré I
Alpha Oumar Konaré 8 giugno 2002 - 21 marzo 2012 Dioncounda Traoré II

Controllo di autorità VIAF: 39177771 LCCN: no/2008/24831

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica