Alma mater

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il motto universitario, vedi Università di Bologna.
Alma mater, opera di Lorado Taft, nel campus dell'Università dell'Illinois (Urbana-Champaign)

La locuzione latina Alma mater (in Italiano: "madre nutrice") venne utilizzata nella Roma antica come titolo per la dea madre, come Cerere e Cibele[1], e nel Cristianesimo medioevale per indicare la Beata Vergine Maria.

Nel Medioevo divenne soprannome per indicare l'Università[1] , insieme ad espressioni simili mater universitas, alma universitas, alma mater studiorum[1]. Quest'uso medievale raramente sopravvive ancora nei paesi anglosassoni[1] , dove l'espressione è usata per riferirsi all'università e al college che una persona ha frequentato e presso la quale si è laureato . Rispettivamente nei paesi di lingua tedesca (o comunitari) si riferisce all'università locale . Può come termine volgare, riferirsi all'inno di tale scuola universitaria.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il termine è derivato dal motto Alma Mater Studiorum (che significa "Madre Nutrice degli Studi") della più antica università del mondo: l'Università di Bologna, fondata nel 1088.[2]

Origine[modifica | modifica sorgente]

Foto dell'Alma mater posta di fronte alla libreria Low Memorial nel campus della Columbia University

l'origine della parola "ALMA MATER" è latina, con uso smodato e preposto della preposizione "madre" (Mater) . Mentre il primo uso noto , ad oggi, della parola è dell'anno 1651 circa.

L'Alma mater sui gradini dell'Università de l'Avana a Cuba.

Associazioni[modifica | modifica sorgente]

i termini utilizzati in associazione con Alma Mater , sono soprattutto rime poetiche come ad esempio : sopra l'acqua, acqua pesante , acqua santa , in acque profonde , in brutte acque , latte ed acqua , acqua oligominerale, acqua e chinino.... In genere quasi tutti termini venivano usati soprattutto in poemi medievali e dialetti medievali castellani ed anche presso le corti reali dall'anno 1090 in poi[3] [4]

« Le cime dei monti popolate di chiostri e di castelli
alle cui falde si agita una vita incomposta di popolo
L'abate come scende dall'altare indossa la corazza e
l'armi per guidare le sue schiere alla mischia
Il monaco canta inni a Dio, alla Vergine, ai Santi e sulla
medesima melodia ripete in un ode che sa
di peccato di un poeta pagano »
« maledice al sapere antico e ne
raccoglie sollecito e trascrive pazientemente i codici
Ivi il canto tuo che celebra Alessandro Magno
rimpiange la distruzione di Troia
invoca i lieti fantasmi della mitologia greco-romana;
o esalta le gesta d'un principe,
o condanna d'infamia il tradimento »
(Virgilio nel Medio Eco : insigne opera)

Usi in accademia[modifica | modifica sorgente]

Come riferimento a un'istituzione accademica[modifica | modifica sorgente]

Igea, la dea della salute del 290 a.C nella copia romana dei musei capitolini

In molte lingue moderne è una locuzione utilizzata in riferimento a un'accademia[5]; la statua bronzea, sui gradini della libreria Low Memorial della Columbia University, è una rappresentazione antropomorfa dell'Alma Mater ed è conosciuta anche con questo nome. Nella lingua americana si riferisce all'università frequentata.

Altro bronzo di Alma Mater è sui gradini dell'ingresso monumentale della Universidad de La Habana, a L'Avana, Cuba. La statua bronzea è del 1919 su progetto di Mario Korbel, venne installata in posizione panoramica nel 1927 su direzione dell'architetto Raul Otero. Viene considerata una delle meraviglie dell' isola di Cuba.

Quello di Alma mater è pure il titolo con il quale viene chiamata la Pontificia Università Gregoriana, quale più antica e prestigiosa tra le università pontificie . Un esempio in Mater et Magistra, è dell'enciclica del Santo Pontefice Giovanni XXIII sulla questione sociale alla luce della dottrina cristiana[6][7]. La lettera enciclica (Qui) conferma che i primi giureoconsulti sono i Pontefices (sommi pontefici o papi) depositari della Religione e del Diritto ed i soli abilitati ad emettere la «responsa» (giudizio). La formula di salus populi suprema lex è sia sacrale che giuridica , vist'anche che la venerazione di dei a sfondo autoctono ritiene : «la medicina sia invenzione degli dei e degna di essere dedicata al cielo» . La formula è giuridica poiché il Quirite reputa la Suprema Lex come retto e razionale comportamento di emanazione divina in armonia alla natura umana. La Dea salute è quindi una divinità solo italica, solo ad interesse medico che risiede nell'olimpo dei primi nella penisola italiana[8][9]

Come inno[modifica | modifica sorgente]

In aggiunta, Alma mater è l'inizio dell'inno di un istituto scolastico. Per esteso, indica quel particolare genere musicale . Utilizzato negli Stati Uniti e nel Regno Unito, spesso si riferisce all'intero inno universitario.

Gaudeamus igitur[modifica | modifica sorgente]

Il Gaudeamus igitur è considerato l'inno universitario internazionale, adottato ufficialmente in Italia in occasione dei Saecularia octava di Bologna 1888, risuona sui campi universitari mondiali. Le prime strofe dell'inno:

« Gaudeamus igitur,

Iuvenes dum sumus; Gaudeamus igitur, Iuvenes dum sumus; Post iucundam iuventutem, Post molestam senectutem Nos habebit humus. Nos habebit humus »

« Ubi sunt, qui ante nos

In mundo fuere? Ubi sunt, qui ante nos In mundo fuere? Vadite ad superos, Transite ad inferos, Ubi iam fuere. Ubi iam fuere.... »

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Alma Mater, Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani
  2. ^ Storia dell'Università di Bologna
  3. ^ Umberto Ronca, Cultura medievale e poesia latina nei secoli XI e XII, memoria premiata dalla reale Accademia dei Lincei
  4. ^ Il testo completo a fronte
  5. ^ "Alma Mater":Definizione su Dictionary.com - Revisione 11 luglio 2011
  6. ^ Nota introduttiva: «Mater et Magistra di tutte le genti» , la Chiesa è stata istituita da Gesù Cristo perché tutti, lungo il corso dei secoli, venendo al suo seno ed al suo amplesso, trovassero pienezza di più alta vita e garanzia di salvezza. A questa Chiesa, colonna e fondamento di verità, il suo santissimo Fondatore ha affidato un duplice compito quello di generare figli, di educarli e reggerli, guidando con mater provvidenza la vita dei singoli come dei popoli (salus popoli), la cui grande dignità ebbe nel massimo rispetto e tutela della salute, ebbe sollecita
  7. ^ La Chiesa, attua il comando del suo fondatore Cristo, che si riferisce soprattutto alla salvezza eterna umana: «Io sono la via, la verità e la vita» ma altrove vedendo la follia prorompe nelle parole: «Ho compassione di questa follia» a preoccuparsi dei vizi terreni dei popoli . Né il Redentore dimostra questa cura soltanto con le parole, ma con la sua vita, quando per sedare la fame della folla moltiplicò miracolosamente il pane e i pesci
  8. ^ Igea è la dea della salute e dell'igiene personale . Nella religione greca e romana, il culto di Igea è associato a quello del padre Asclepio, tutelando in questo modo l'intero stato di salute dell'individuo. Igea viene invocata per prevenire malattie e danni fisici ; Asclepio per la cura delle malattie e la guarigione
  9. ^ Altra dea a cui i romani invocavano per malattie fisiopatologiche fu Salus, a cui venne eretto un tempio romano e il culto citato da Cicerone nel 293 a.C . alla dea Salus si chiedeva la guarigione da malattie quali Febris, Ascessum,Pestilensis, e verso altre persone ci si rivolgeva attraverso l'augurale Salutis quotidiano. Da questo il culto del Salus popoli venne espanso, unificando le due divinità Salus-Igea in un'unica dea, ed un'unica adorazione popolare.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alma mater studiorum :la presenza femminile dal XVIII al XX secolo : ricerche sul rapporto donna/cultura universitaria nell'Ateneo bolognese, editore CLUB, anno 1988 pagg.258
  • Università di Bologna, Alma mater studiorum saecularia nona: MCMLXXXVIII; Magna Charta Universitatum, Bologna, 18 Settembre 1988, editore Cartiere Fedrigoni, anno 1988 pagg. 31 - consultato
  • Carlo Calcaterra, Alma mater studiorum: l'università di Bologna, edito da Zanichelli anno 1948
  • Italo Scardovi (statistica matem.) ,Alma Mater Studiorum: rivista scientifica dell'università di Bologna,tomo III e tomo I , autore Università di Bologna, editore Université, anno 1990 di pagg. 325

Biblio Cultura medievale[modifica | modifica sorgente]

  • Virgilio nel Medio Evo , Livorno, 1872, cap I, pag 254 con la cit. La povertà di codesti studi in Italia fu già deplorata dai Comparenti nell' insigne opera.
  • G. Paris, La Poesie du moyenàge , Parigi, 1885 a pag. 4 e 22.
  • Xovati, Cormina meda aevi, Firenze, 1883

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]