Alien Autopsy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alien Autopsy
Titolo originale Alien Autopsy
Paese di produzione Germania, Regno Unito
Anno 2006
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere commedia
Regia Jonny Campbell
Soggetto William Davies
Sceneggiatura William Davies
Produttore Alexandra Arlango

William Davies, Joel Hatch, Mark Hubbard, Michael Kuhn, Malcolm Ritchie, Ray Santilli, Gary Shoefield, Jill Tandy, Barnaby Thompson, Mark Wolfe, Colleen Woodcock

Fotografia Simon Chaudoir
Montaggio Oral Norrie Ottey
Effetti speciali John Humphreys, John Humphries
Musiche Murray Gold
Scenografia Grenville Horner
Costumi Rhona Russell
Trucco Konnie Daniel, Laura Leppanen, Julie Nightingale, Tinks Reding
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Alien Autopsy è un film parodia del 2006 diretto da Jonny Campbell. Si tratta di una ricostruzione scherzosa della genesi del filmato Autopsia di un alieno (Alien autopsy) presentato da Ray Santilli, che mostra un'autopsia fatta ad un corpo di un presunto extraterrestre.

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'inglese Ray Santilli, venditore di cassette pirata, si reca a Cleveland con l'amico Gary Shoefield per acquistare a basso prezzo vecchi cimeli di Elvis Presley con lo scopo di rivenderli a Londra al doppio del prezzo originale.

A Cleveland, Ray incontra Harvey, ex membro dell'esercito americano, che sostiene di possedere un raro video che potrebbe interessare il ragazzo. Harvey porta Ray a casa sua e gli mostra un filmino girato da lui stesso negli anni quaranta. Nel filmino viene mostrata la vera autopsia di un essere extraterrestre. Harvey chiede a Ray 30 000 dollari per liberarsi una volta per tutte della pizza di pellicola. Ray, entusiasta dell'affare che sta per concludere, torna in albergo da Gary, per raccontargli tutto.

L'unico problema adesso è trovare i 30 000 dollari da dare ad Harvey. I due ragazzi decidono di chiederli a Laszlo Voros, un feroce strozzino omosessuale fanatico di UFO. Ray e Gary si rendono conto troppo tardi che è ormai impossibile vedere il girato, a causa del deterioramento della pellicola; chiedono aiuto ad un esperto, ma anch'esso sostiene che le possibilità di recuperare il girato sono ben poche. Messi alle strette da Voros, che intendeva vedere al più presto il video, Ray e Gary decidono di rigirare la scena dell'autopsia in casa della sorella di Gary, aiutati da parenti e amici.

I due realizzano una sorta di "remake" del video di Harvey, spacciandolo per originale e vendendolo a tutte le stazioni televisive del mondo per diverse migliaia di dollari; così facendo Ray Santilli e Gary Shoefield si arricchiscono diventando due vere e proprie celebrità.

Il video viene trasmesso dalle emittenti televisive di tutto il mondo il 28 agosto 1995.

Un giorno, si presenta a casa di Ray il proiezionista al quale avevano chiesto aiuto, dicendo di aver recuperato parte del girato della pellicola originale. Ray e Gary, stanchi della vita da celebrità, non hanno intenzione di ricominciare tutto quanto daccapo e decidono di seppellire la pellicola originale, sperando che nessuno la trovi mai.

Slogan promozionali[modifica | modifica sorgente]

  • «What Are You Looking At?»
  • «Be Prepared To Be Stitched Up.»
  • «The truth isn't out there»
  • «Tutto il mondo ci è cascato.»

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema