Albuca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Albuca
Albuca shawii.jpg
Albuca shawii
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Liliidae
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Sottofamiglia Scilloideae
Tribù Ornithogaleae
Genere Albuca
L., 1762
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Asparagaceae
Sottofamiglia Scilloideae
Specie

Albuca L., 1762[1] è un genere di piante appartenente alla famiglia Asparagaceae (già incluso nelle Liliaceae dalla classificazione tradizionale e nelle Hyacinthaceae dalla Classificazione APG II[2]), che comprende circa 150 specie di piante rustiche o semi-rustiche bulbose.

Il nome albuca deriva dal latino albus per il fatto che la prima specie descritta recava fiori bianchi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

I fiori, di colore bianco o giallo, si sviluppano su uno stelo lungo e rigido ed emanano un lieve profumo. Le foglie sono nastriformi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Sono piante originarie dell'Africa e della penisola arabica[3].

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

Il terriccio necessario per la coltivazione deve essere molto drenante e composto da due parti di terra concimata unita a sabbia, più una parte di torba e una parte di foglie. I bulbi dell'albuca possono essere coltivati sia in vaso che in terra.

  • Per la coltivazione in vaso: nel mese di novembre vanno deposti i bulbi in numero di tre o quattro a una profondità di circa 6 cm tenendo poi il vaso al buio fino all'inizio della germinazione. Verranno innaffiati regolarmente fino alla fioritura, dopo di che le irrigazioni dovranno essere sospese.
  • Per la coltivazione in terra, i bulbi dovranno essere interrati alla fine dell'inverno e tolti poi in autunno solo dopo che le foglie saranno cadute. Nei climi miti i bulbi possono essere tenuti in terra avendo cura di ripararli nel periodo invernale con protezioni di plastica, foglie secche, ecc.

Alcune specie coltivate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carlo Linneo, Sp. Pl., ed. 2., 1: 438. 1762 (settembre 1762)
  2. ^ Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III in Botanical Journal of the Linnean Society 161(2 ): 105–121, 2009, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00996.x. URL consultato il 27 febbraio 2014.
  3. ^ Albuca in World Checklist of Orchidaceae, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 27 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica