Afgoi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Afgoi
città
Afgooye
Afgoi nel 1856
Afgoi nel 1856
Localizzazione
Stato Somalia Somalia
Regione Basso Scebeli
Distretto Afgooye
Territorio
Coordinate 2°07′N 45°07′E / 2.116667°N 45.116667°E2.116667; 45.116667 (Afgoi)Coordinate: 2°07′N 45°07′E / 2.116667°N 45.116667°E2.116667; 45.116667 (Afgoi)
Altitudine 84 m s.l.m.
Abitanti 65 461 (2005)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Somalia
Afgoi

Afgoi (in somalo Afgooye) è una città della Somalia, appartenente alla regione del Basso Scebeli e capoluogo dell'omonima provincia.

Collocazione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Afgoi è situata 25 km a ovest della capitale Mogadiscio[1]. Si trova sul fiume Uebi Scebeli, che ne attraversa il centro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel Medioevo Afgoi e gran parte della zona circostante della Somalia meridionale erano governate dallo Stato Ajuuraan[2]. Successivamente la città passò sotto l'amministrazione del Sultanato di Geledi nel XIX secolo. È all'incirca da questo periodo che si tiene ogni anno ad Afgoi il festival di arti marziali Istunka[3].

All'inizio del XX secolo Afgoi fu inclusa nella Somalia Italiana. Gli italiani occuparono la città nel 1908 e contestualmente abolirono il mercato di schiavi che ivi si teneva[4]. In epoca coloniale la città era attraversata dalla linea ferroviaria Mogadiscio – Villaggio Duca degli Abruzzi.

Negli Anni 1980 la città divenne meta frequente degli investitori stranieri provenienti dai paesi del Golfo Persico, in particolare l'Emiro del Kuwait soleva farvi visita durante il Ramadan.

Dopo l'inizio della guerra civile somala nel 1991, parti della città divennero luoghi di rifugio per molti sfollati della Somalia meridionale[5].

Il 25 maggio 2012 l'esercito somalo, sostenuto dalle forze dell'AMISOM, ha ripreso la città scacciando i terroristi di Al-Shabaab, che avevano stabilito una base nell'area. Non sono state riportate perdite civili nell'offensiva. La liberazione della città è considerata una vittoria significativa, dato che Afgoi dava ai guerriglieri accesso diretto a Mogadiscio.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 la popolazione di Afgoi era di 65.461 abitanti. La città è abitata da numerosi clan somali, e da alcune minoranze. I gruppi prevalenti sono i Digil e i Mirifle, sottoclan dei Rahanweyn, i Wacdaan Cismaan sottoclan dei Mudulood, e i clan Loobage, Gaaljiecel e Garre.

Geodesia[modifica | modifica wikitesto]

Afgoi è un datum geodetico della Somalia.

Cittadini noti[modifica | modifica wikitesto]

Era nato a Mogadiscio ma originario di Afgoi Mustafa Mohamed Moalim, primo aviatore militare della Somalia, capo dell'Accademia dell'Aeronautica militare e capo Operazioni dell'Aeronautica stessa.

Si ritirò ad Afgoi Mukhtar Mohamed Hussein, Presidente della Somalia ad interim destituito da Siad Barre nel 1969.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ International Institute for Mesopotamian Area Studies, Monographic journals of the Near East, (Undena Publications: 1981), p.78
  2. ^ Lee V. Cassanelli, The Shaping of Somali Society: Reconstructing the History of a Pastoral People, 1600-1900, (University of Pennsylvania Press: 1982), p.102.
  3. ^ Lee V. Cassanelli, The Shaping of Somali Society: Reconstructing the History of a Pastoral People, 1600-1900, (University of Pennsylvania Press: 1982), p.271.
  4. ^ I.M. Lewis, A Modern History of Somalia, fourth edition (Oxford: Currey, 2002), p. 87
  5. ^ Ahmed Mooge e Patrick Gallagher, Civilian casualties mount in Mogadishu in Los Angeles Times, 22 ottobre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]