Aelita (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aelita
Titolo originale Aelita
Aelita.jpg
Locandina del film omonimo tratto dal romanzo
Autore Aleksej Nikolaevič Tolstoj
1ª ed. originale 1922
1ª ed. italiana 1982
Genere Romanzo
Sottogenere Fantascienza
Lingua originale russo
Ambientazione Marte

Nel 1922 in Russia, Aleksej Nikolaevič Tolstoj (1883 - 1945) pubblica il suo primo romanzo (ne seguirà un altro) di tratti fantascientifici: Aelita. In Italia arriverà molto più tardi, nel 1982 nell'antologia Noi della galassia pubblicata dagli Editori Riuniti.

Il successo in patria fu tale che il suo nome ebbe molto eco e influenzò la scelta dei futuri padri come nome da dare alle loro figlie.

Nel 1924 il regista Jakov Protazanov (1881 - 1945) ne fa un adattamento cinematografico girando il film Aelita,[1] considerato il primo kolossal sovietico di fantascienza.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia racconta del viaggio su Marte di due sovietici, ed al loro arrivo sul pianeta scoprono l'esistenza di vita aliena intelligente.

Gusev, che aveva esperienza come soldato, visto che aveva partecipato alla Rivoluzione d'Ottobre cerca di rovesciare la tirannia del luogo. L'altro, Los si innamora di Aelita, una ragazza dalla pelle blu.

Nel corso degli eventi si scopre che la popolazione di Marte discende in realtà da Atlantide, e che erano partiti tempo addietro dal pianeta Terra.

Per via della guerra Gusev fugge ritornando sulla terra mentre Los rimane sul pianeta fino alla tragica sorte di lui e della sua amata.

« Marito mio, figlio del cielo, addio »
(Aelita a Los poco prima della cattura di entrambi.[2])

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Aleksej Nikolaevič Tolstoj, Aelita, 1922.
  • Aleksej Nikolaevič Tolstoj, Aelita, traduzione di Emanuela Guercetti, collana Albatros, Editori Riuniti, 1982, pp. 138, ISBN 88-359-0000-X. Il volume si intitola Noi della galassia. - Cinque storie di fantascienza e contiene altri romanzi.
  • Aleksej Nikolaevič Tolstoj, Aelita, traduzione di Giancarlo Fazzi, collana Finzioni n° 8, Biblioteca del Vascello, 1994, pp. 128, ISBN 88-7227-908-9.
  • Aleksej Nikolaevič Tolstoj, Aelita, traduzione di Emanuela Guercetti, collana Universale Economica Narrativa n° 40, Editori Riuniti, 1996, pp. 136, ISBN 88-359-4163-6.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Matt Hanson, Building sci-fi moviescapes: the science behind the fiction p. 11, Gulf Professional Publishing, 2005, ISBN 9780240807720.
  2. ^ Aleksej Tolstoj, Building sci-fi moviescapes: the science behind the fiction p. 132, Robin Edizioni IT, 2001, ISBN 9788886312769.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Edizioni di Aelita in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.