Acer palmatum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Momiji" rimanda qui. Se stai cercando il personaggio di Ninja Gaiden, vedi Momiji (Ninja Gaiden).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Acero giapponese
Acer amoenum var matsumurae1.jpg
Foglie di Acer palmatum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Sapindales
Famiglia Aceraceae
Genere Acer
Specie A. palmatum
Classificazione APG
Ordine Sapindales
Famiglia Sapindaceae
Nomi comuni

Acero Giapponese

L'acero palmato (Acer palmatum) o Momiji, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Aceraceae. È originario dell'estremo oriente (Giappone, Korea, Taiwan e Cina). Insieme allA. japonicum, allA. shirasawanum, allA. sieboldianum, e allA. pseudosieboldianum viene comunemente chiamato acero giapponese. Anche e l'A. circinatum viene fatto comunemente rientrare nella famiglia degli aceri giapponesi, pur essendo originario degli Stati Uniti occidentali.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'A. palmatum è una pianta decidua, cresce come arbusto o piccolo albero e può raggiungere i 6-10 metri di altezza, in alcuni casi può arrivare fino a 16 metri. Da giovane ha un portamento a piramide rovesciata, negli esemplari adulti assume una forma a cupola.

Esempi di foglie varie cultivar di Acer palmatum

Le foglie sono caduche, opposte, palmato-lobate con 5-7 o 9 lobi, profondamente incise. Le dimensioni del lembo, di norma, sono di 3,5-6 cm di lunghezza e 3-7 di larghezza.

I fiori sono unisessuali o ermafroditi, riuniti in infiorescenze a corimbo, poco evidenti (5-6 mm di diametro); fioriscono nel periodo di marzo-aprile prima della ripresa vegetativa. Il fiore è composto da 5 sepali color porpora, giallo o verde e da 5 petali.

I frutti sono disamare molto divergenti e lungamente peduncolate, della dimensione di 1,5-2 cm ogni samara; maturano nella tarda estate. Il seme, grande 5-8 mm, necessita di stratificazione per germogliare.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Illustrazione di Von Siebold 1870

La facilità con cui si differenzia spontaneamente in forme differenti ha favorito nel tempo il lavoro dei selezionatori e degli ibridatori (in particolare giapponesi) e la conseguente nascita di centinaia di varietà differenti:

  • A. p. 'Atropurpureum': dalle foglie porpora che virano al viola in autunno
  • A. p. 'Beni Kagami': dalle foglie rosse
  • A. p. 'Dissectum': dalle foglie profondamente incise, verdi in estate, giallo carico in autunno
  • A. p. 'Dissectum Atropurpureum Krimson King':dalle foglie che virano dal rosa primaverile, al verde chiaro, al rosso scuro in autunno

Coltivazione e usi[modifica | modifica sorgente]

L'A. palmatum viene coltivato da secoli in Giappone per il suo portamento e la bellezza del fogliame, particolarmente evidente in autunno quando assume una vivace colorazione rossa. Ampiamente coltivato nei vivai dove si possono trovare numerosissime cultivar, riprodotte prevalentemente per talea. Molto apprezzato anche nella tecnica del bonsai, grazie alla grande adattabilità alla coltivazione in vaso. Non ha esigenze particolari per quanto riguarda il tipo di terreno e l' altitudine (dai 100 ai 1300 metri s.l.m.), ma teme i ristagni idrici e le correnti eccessivamente fredde; per quanto riguarda l' esposizione bisogna tener conto del fatto che, pur amando esposizioni soleggiate, è consigliabile l'ombreggiamento nelle ore con eccessiva insolazione nei climi più caldi (in particolare per le varietà a foglia verde o variegata).[1] Non ama particolarmente le potature, in particolar modo quelle più severe, alle quali reagisce in modo stentato.[1]

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Luisa Ferrari, Aceri, fuoco d' ottobre in giardinaggio, nº 10, ottobre 2010, p. 25.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica