Uladzimir Macjušėnka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vladimir Matyushenko)
Jump to navigation Jump to search
Uladzimir Macjušėnka
Nazionalità Bielorussia Bielorussia
Altezza 185 cm
Peso 93 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Lotta greco-romana, Lotta libera, Pugilato
Squadra Stati Uniti VMAT
Carriera
Soprannome The Janitor
Combatte da Stati Uniti El Segundo, Stati Uniti
Vittorie 27
per knockout 9
per sottomissione 7
Sconfitte 8
 

Uladzimir Uladzimiravič Macjušėnka (in bielorusso: Уладзімір Уладзіміравіч Мацюшэнка?, in russo: Владимир Владимирович Матюшенко?, traslitterato: Vladimir Vladimirovič Matjušenko; Rėčica, 4 gennaio 1971) è un ex lottatore di arti marziali miste bielorusso.

Ha combattuto a più riprese nella prestigiosa promozione statunitense UFC dal 2001 al 2003 e dal 2009 al 2013, lottando per il titolo dei pesi mediomassimi nel 2001 quando affrontò senza successo il campione Tito Ortiz.

In passato è stato il primo ed unico campione dei pesi mediomassimi IFL[1] e ha lottato in altre importanti organizzazioni quali Affliction e Bellator.

Vanta un ottimo background nella lotta libera essendo stato campione nazionale sovietico e campione nazionale collegiale statunitense.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Matyushenko fece il suo debutto nella MMA vincendo tre combattimenti nella stessa serata a IFC 5: Battle in the Bayou. Con un record di 9-1 in promotion minori Matyushenko fece il suo debutto in UFC contro Yuki Kondo vincendo per decisione unanime a UFC 32. Dopo questa vittoria ad UFC 32 a Matyushenko venne concessa una title contro il Light heavyweight champion Tito Ortiz. Il bielorusso perse per decisione unanime. Nel combattimento successivo Matyushenko sconfisse un avversario di prestigio come Antônio Rogério Nogueira a UFO: Legend. Matyushenko fece il suo ritorno in UFC nella divisione dei pesi massimi superando Travis Wiuff a UFC 40. In seguito sconfisse Pedro Rizzo per decisione unanime a UFC 41. Matyushenko fu in seguito superato da Andrei Arlovski a UFC 44.

International Fight League[modifica | modifica wikitesto]

Matyushenko debuttò nella IFL superando Dwayne Compton. In seguito sconfisse Justin Levens per TKO e Aaron Stark sempre per TKO. Nella sua apparizione successiva Matyushenko batté Tim Boetsch per decisione unanime. Matyushenko poi batté Alex Schoenauer per decisione unanime il 3 novembre 2007, diventando il primo light heavyweight champion della storia della IFL. Matyushenko difese il titolo con successo contro Jamal Patterson vincendo per TKO nel secondo round.

Affliction[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il collasso finanziario della International Fight League, Matyushenko partecipò "Affliction: Day of Reckoning", un evento in pay per view del 24 gennaio 2009 ad Anaheim, California all'Honda Center perdendo contro Antônio Rogério Nogueira per TKO nel round 2.

In seguito sconfisse Jason Lambert per decisione unanime a Call to Arms I il 16 maggio 2009 alla Citizen Business Bank Arena a Ontario, California.

Ritorno in UFC[modifica | modifica wikitesto]

Matyushenko ritornò a competere in UFC il 19 settembre 2009 a UFC 103 dove sconfisse Igor Pokrajac per decisione unanime (30–27, 30–27, 30–27).

Il bielorusso avrebbe dovuto affrontare Steve Cantwell il 2 gennaio 2010 a UFC 108 ma Cantwell fu tolto dalla card per ragioni non rivelate.[11] Dal momento che non si riuscì a trovare un sostituto, il combattimento venne annullato.

Matyushenko in seguito affrontò Eliot Marshall il 21 marzo 2010 a UFC Live: Vera vs. Jones. Lì vinse per decisione non unanime (30–27, 28–29, 30–27).

Sempre nel 2010 guidò la main card contro il futuro campione di categoria e fuoriclasse indiscusso Jon Jones, perdendo per KO tecnico in meno di due minuti.

In seguito tornò nello status di contendente con due vittorie consecutive contro Alexandre Ferreira e Jason Brilz, entrambe per KO nel primo round.

Tra il 2011 ed il 2013 infila invece due sconfitte contro top 10 di categoria come lo svedese Alexander Gustafsson ed il wrestler Ryan Bader, entrambe durante la prima ripresa.

Dopo quelle due sconfitte l'UFC prese la decisione di ridurre notevolmente i roster delle varie categorie di peso, vista anche la migrazione dei lottatori dalla Strikeforce, e decise di tagliare anche lo stesso Matyushenko: terminò così la sua seconda esperienza in UFC, iniziata nel 2009[2].

Bellator Fighting Championships[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2013 venne annunciato il passaggio di Matyushenko ad un'altra promozione statunitense di alto livello quale è la Bellator[3].

Esordì in settembre contro un altro ex UFC quale è Houston Alexander, vincendo meritatamente ai punti.

Annunciò il suo ritiro dalle MMA ancor prima del suo ultimo incontro disputatosi nell'aprile 2014 e perso contro Joey Beltran.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Sconfitta 27-8 Stati Uniti Joey Beltran Sottomissione (north-south choke) Bellator CXVI 11 aprile 2014 3 3:06 Stati Uniti Temecula, Stati Uniti
Vittoria 27-7 Stati Uniti Houston Alexander Decisione (unanime) Bellator XCIX 13 settembre 2013 3 5:00 Stati Uniti Temecula, Stati Uniti Debutto in Bellator
Sconfitta 26-7 Stati Uniti Ryan Bader Sottomissione (ghigliottina) UFC on Fox: Johnson vs. Dodson 26 gennaio 2013 1 0:50 Stati Uniti Chicago, Stati Uniti
Sconfitta 26–6 Svezia Alexander Gustafsson KO Tecnico (pugni) UFC 141: Lesnar vs. Overeem 30 dicembre 2011 1 2:13 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 26–5 Stati Uniti Jason Brilz KO (pugni) UFC 129: St-Pierre vs. Shields 30 aprile 2011 1 0:20 Canada Toronto, Canada
Vittoria 25–5 Brasile Alexandre Ferreira KO Tecnico (pugni e gomitate) UFC 122: Marquardt vs. Okami 13 novembre 2010 1 2:20 Germania Oberhausen, Germania
Sconfitta 24–5 Stati Uniti Jon Jones KO Tecnico (gomitate) UFC Live: Jones vs. Matyushenko 1º agosto 2010 1 1:52 Stati Uniti San Diego, Stati Uniti
Vittoria 24–4 Stati Uniti Eliot Marshall Decisione (non unanime) UFC Live: Vera vs. Jones 21 marzo 2010 3 5:00 Stati Uniti Broomfield, Stati Uniti
Vittoria 23–4 Croazia Igor Pokrajac Decisione (unanime) UFC 103: Franklin vs. Belfort 19 settembre 2009 3 5:00 Stati Uniti Dallas, Stati Uniti
Vittoria 22–4 Stati Uniti Jason Lambert Decisione (unanime) Call to Arms I 16 maggio 2009 3 5:00 Stati Uniti Ontario, Stati Uniti
Sconfitta 21–4 Brasile Antônio Rogério Nogueira KO (ginocchiata) Affliction: Day of Reckoning 24 gennaio 2009 2 4:26 Stati Uniti Anaheim, Stati Uniti
Vittoria 21–3 Stati Uniti Jamal Patterson KO Tecnico (pugni) IFL: New Jersey 4 aprile 2008 2 3:35 Stati Uniti East Rutherford, Stati Uniti Difende il titolo dei Pesi Mediomassimi IFL
Vittoria 20–3 Argentina Alex Schoenauer Decisione (unanime) IFL: World Grand Prix Semifinals 3 novembre 2007 3 4:00 Stati Uniti Hoffman Estates, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Mediomassimi IFL
Vittoria 19–3 Stati Uniti Tim Boetsch Decisione (unanime) IFL: 2007 Semifinals 2 agosto 2007 3 4:00 Stati Uniti East Rutherford, Stati Uniti
Vittoria 18–3 Stati Uniti Aaron Stark KO Tecnico (pugni) IFL: Everett 1º giugno 2007 1 2:49 Stati Uniti Everett, Stati Uniti
Vittoria 17–3 Stati Uniti Justin Levens KO Tecnico (pugni) IFL Los Angeles 17 marzo 2007 1 3:53 Stati Uniti Los Angeles, Stati Uniti
Vittoria 16–3 Stati Uniti Dwayne Compton Sottomissione (armbar) IFL Houston 2 febbraio 2007 1 1:47 Stati Uniti Houston, Stati Uniti
Vittoria 15–3 Stati Uniti Anthony Ruiz Sottomissione (armbar) Extreme Wars 3: Bay Area Brawl 3 giugno 2006 1 2:03 Stati Uniti Oakland, Stati Uniti
Vittoria 14–3 Brasile Carlos Barreto KO Tecnico (infortunio al ginocchio) Jungle Fight 4 21 maggio 2005 1 0:26 Brasile Manaus, Brasile
Sconfitta 13–3 Bielorussia Andrei Arlovski KO (pugno) UFC 44: Undisputed 26 settembre 2003 1 2:14 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 13–2 Brasile Pedro Rizzo Decisione (unanime) UFC 41: Onslaught 28 febbraio 2003 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 12–2 Stati Uniti Travis Wiuff Sottomissione (pugni) UFC 40: Vendetta 22 novembre 2002 1 4:10 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 11–2 Brasile Antônio Rogério Nogueira Decisione (unanime) UFO: Legend 8 agosto 2002 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Sconfitta 10–2 Stati Uniti Tito Ortiz Decisione (unanime) UFC 33: Victory in Vegas 28 settembre 2001 5 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 10–1 Giappone Yuki Kondo Decisione (unanime) UFC 32: Showdown in the Meadowlands 29 giugno 2001 3 5:00 Stati Uniti East Rutherford, Stati Uniti Debutto in UFC
Vittoria 9–1 Stati Uniti Tom Sauer KO Tecnico (ferita) WEF: New Blood Conflict 26 agosto 2000 2 2:17 Stati Uniti Evansville, Stati Uniti
Vittoria 8–1 Stati Uniti John Marsh Decisione (unanime) IFC: Warriors Challenge 6 25 marzo 2000 3 5:00 Stati Uniti Friant, Stati Uniti
Sconfitta 7–1 Stati Uniti Vernon White Decisione (non unanime) IFC: Montreal Cage Combat 9 ottobre 1999 1 25:00 Canada Montréal, Canada
Vittoria 7–0 Stati Uniti Travis Fulton Sottomissione (neck crank) IFC: Fighters Revenge 2 aprile 1999 1 15:33 Canada Montréal, Canada
Vittoria 6–0 Giappone Kenji Kawaguchi KO (pugni) Vale Tudo Japan 1998 25 ottobre 1998 1 3:10 Giappone Urayasu, Giappone
Vittoria 5–0 Stati Uniti Joe Pardo Decisione Rumble in Reno 4 settembre 1998 3 5:00 Stati Uniti Reno, Stati Uniti
Vittoria 4–0 Stati Uniti Anthony Macias KO Tecnico (stop medico) IFC 7: Cage Combat 30 maggio 1998 1 0:16 Canada Montréal, Canada
Vittoria 3–0 Stati Uniti Anthony Macias Sottomissione (pugni) IFC 5: Battle in the Bayou 5 settembre 1997 1 2:59 Stati Uniti Baton Rouge, Stati Uniti
Vittoria 2–0 Canada Robert Lalonde Sottomissione (pugni) IFC 5: Battle in the Bayou 5 settembre 1997 1 2:27 Stati Uniti Baton Rouge, Stati Uniti
Vittoria 1–0 Stati Uniti Vernon White Sottomissione (neck crank) IFC 5: Battle in the Bayou 5 settembre 1997 1 5:44 Stati Uniti Baton Rouge, Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistics for Mixed Martial Arts Fighters, su ifl.tv (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2007).
  2. ^ UFC releases Jon Fitch, Vladimir Matyushenko, 14 others, su mmajunkie.com.
  3. ^ Bellator signs Vladimir Matyushenko, su themmareport.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]