Virgil Widrich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Virgil Widrich - 2016

Virgil Widrich (Salisburgo, 16 maggio 1967) è un regista e artista austriaco. Lavora a numerosi film e progetti multimediali, in parte in comunità di lavoro creative. È conosciuto soprattutto per i suoi numerosi cortometraggi e progetti multimediali.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Virgil Widrich, nato a Salisburgo, trascorre la propria infanzia in una casa di oltre 500 anni sul monte Mönchsberg di Salisburgo. I suoi genitori sono il giornalista Hans Widrich e Gerheid nata Kupelwieser. Durante la sua infanzia fa la conoscenza di artisti come Peter Handke, suo vicino di casa, e Wim Wenders, che viene spesso a fare visita.

All'età di 13 anni riceve la sua prima telecamera, una super 8. Nello stesso anno (1980) gira tre film: My Homelife, Gebratenes Fleisch e 3 mal Ulf. Segue il film di animazione Auch Farbe kann träumen. All'età di 15 anni gira Monster in Salzburg, per il quale collabora per la prima volta con degli attori. Realizza il mostro infuriato con la tecnica di stop motion. Nel 1983 comincia a lavorare a Vom Geist der Zeit. Nemmeno i brutti voti scolastici lo dissuadono dal portare a termine, dopo 14 mesi di riprese, il suo primo lungometraggio. Nel frattempo, per finanziare i propri film, lavora anche presso il Festival di Salisburgo come comparsa e trovarobe. Nel 1984 comincia tra l'altro a occuparsi di computer. Dopo la maturità al Ginnasio Accademico di Salisburgo frequenta l'Accademia del film di Vienna, che però abbandona dopo poche settimane per lavorare alla sceneggiatura di un film di fantascienza, però mai realizzato. Nel 1987 fonda con due partner la casa di distribuzione cinematografica Classic Films, per distribuire soprattutto film artistici. Più tardi diventa assistente di John Bailey, cameraman e regista, e nel 1990 va a Hollywood per lavorare con lui alla commedia fantascientifica The Search for intelligent life in the universe. Dopo avere venduto Classic Films nel 1991 Widrich si dedica di nuovo maggiormente ai computer e alle possibilità di usarli per creare arte. Il prossimo grande progetto al quale collabora come direttore di produzione è un nuovo festival per film austriaci, chiamato Diagonale, che si svolge per la prima volta nel 1993 (allora a Salisburgo). Nel secondo anno crea anche una banca dati di film. Seguono altre banche dati cinematografiche e collabora anche ad alcuni CD-ROM interattivi. Nel 1997 Widrich ricomincia a lavorare di più alla produzione di propri film. Nasce così il cortometraggio tx-transform: mostrato da Ars Electronica ha registrato un buon successo. Widrich continua a scrivere la sceneggiatura del lungometraggio Heller als der Mond, che gira nel 1999. La prima del film è nel 2000 a Rotterdam. Il suo progetto successivo è Copy Shop. Dopo la prima nel 2001 il film vince complessivamente 35 premi, riceve la nomination per l'Oscar e viene trasmesso da numerose emittenti televisive e in occasione di 200 festival cinematografici. Segue il cortometraggio Fast Film, che consegue un successo di pari portata, si aggiudica 36 premi internazionali e viene proiettato in occasione di oltre 300 festival cinematografici. Si aggiungono poi progetti multimediali su incarico di ditte (2001: fondazione di checkpointmedia AG, di cui Widrich è CEO) e la produzione di film. In collaborazione con altri cineasti fonda la società di produzione cinematografica Amour Fou, che si occupa della produzione di film di grande spessore estetico prevalentemente di giovani cineasti. Nel 2004 Widrich è membro della giuria di Ars Electronica e dal 2004 al 2007 delegato nell'associazione austriaca di registi (Verband Filmregie Österreich). È anche membro dell'accademia del film austriaco. Dal 2007 al 2010 Virgil Widrich è professore universitario per la classe di “arte digitale” presso l'Università di arti applicate di Vienna, dove dal 2010 dirige come professore universitario il corso per il master Art & Science.

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006: realizzazione dei media interattivi per la casa di Mozart a Vienna
  • 2008: presentazione di 13 lavori di studenti di Virgil Widrich nell'ambito di Essence08 nel Museo di arti applicate (Vienna)
  • 2009: nell'ambito della manifestazione Linz Capitale europea della cultura 2009, direzione artistica dell'esposizione Linz. Stadt im Glück nel museo cittadino Nordico
  • 2009 Alias in Wonderland (dal 25 giugno al 12 luglio 2009) nel Freiraum/quartier 21, quartiere-museo di Vienna, realizzato con gli studenti di arte digitale presso l'Università di arti applicate
  • 2009: 10 lavori di studenti di arte digitale vengono esposti nell'ambito di Essence09 nell'Expositur Vordere Zollamtsstraße
  • 2010: è possibile ammirare 15 lavori di studenti di arte digitale nell'ambito di Essence10 nella Künstlerhaus Wien (Casa degli Artisti di Vienna)
  • 2010: direzione artistica dell'esposizione 90 anni di Festival di Salisburgo nel Museo di Salisburgo
  • 2011: direzione artistica dell'esposizione parameter{world} – parameters for every or no thing del master Art and Science presso l'Università di arti applicate (30 marzo – 1º aprile 2011)
  • 2012: è possibile ammirare 15 lavori di studenti della classe Art & Science nell'ambito di Essence12 nella Künstlerhaus Wien (Casa degli Artisti di Vienna)

Teatro musicale[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980: My Homelife (AUT) – 6 min. (documentario incentrato sul tema di una vecchia casa)
  • 1980: Gebratenes Fleisch (AUT) – 11 min. (film giallo sull'assassinio di una donna in una trattoria)
  • 1980: 3 mal Ulf (AUT) – 12 min. (documentario su Arnulf Komposch)
  • 1981: Auch Farbe kann träumen (AUT) – 12 min. (cartone animato nel quale un verme e un piccolo uomo scappano dalla distruzione dell'ambiente)
  • 1982: Monster in Salzburg (AUT) – 12 min. (cartone animato su un mostro che imperversa a Salisburgo)
  • 1983-1985: Vom Geist der Zeit (AUT) – 112 min. (diversi generi mischiati alla rinfusa)
  • 1998: tx-transform (AUT) – 5 min. (cartone animato sperimentale dalla tecnica estremamente interessante)
  • 2000: Heller als der Mond (Europa) – 88 min. (commedia sull'essere stranieri a Vienna)
  • 2001: Copy Shop (AUT) – 12 min. (un uomo fa tante copie di se stesso fino a quando il mondo è composto solamente da lui)
  • 2001: LinksRechts (AUT/FRA) – 4 min. (interviste sul tema Sinistra e destra nei film e in politica)
  • 2003: Fast Film (AUT/LUX) – 14 min. (cartone animato su un inseguimento con quadri del film stampati)
  • 2010: make/real (AUT) – 5 min. (film found-footage per l'esposizione Roboterträume nella Kunsthaus di Graz e al Museo Tinguely di Basilea
  • 2011: warning triangle (AUT) – 6 min. (film found-footage per l'esposizione Fetisch Auto. Ich fahre, also bin ich. nel Museo Tinguely di Basilea)

Dal 2008 sviluppo del progetto per il lungometraggio Die Nacht der 1000 Stunden e dal 2011 sviluppo del progetto per il lungometraggio animato Micromeo (sceneggiatura in collaborazione con Jean-Claude Carrière).

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Heller als der Mond (Europa 2000)
  • Drehbuchpreis der Stadt Salzburg für das beste Drehbuch (1997)
  • Jean Carment Award per Lars RudolphAngers European First Film Festival (2000)
  • Laser Vidéo Titres Award – Angers European First Film Festival (2000)
Copy Shop (A 2001)
Fast Film (A, LUX 2003)
  • Official selection Festival de Cannes (2003)
  • Best Animated Short (C.O.R.E. Digital Pictures Award) – Worldwide Short Film Festival, Toronto (2003)
  • Grande Prémio Animação – Festival Internacional de Curtas Metragens de Vila do Conde, Portugal (2003)
  • Best Experimental Short Film – 52. Int. Film Festival, Melbourne (2003)
  • Audience Award – Bearded Child Film Festival, Grand Rapids, MN / Boulder, CO USA (2003)
  • Most Imaginative Film – Odense Film Festival, Odense (2003)
  • High Risk Award – Fantoche – 4. Internationales Festival für Animationsfilm, Baden (Schweiz) (2003)
  • Best Experimental Film – Panorama of Independent Film & Video Makers, Thessaloniki (2003)
  • Innovativster Kurzfilm – Internationales Leipziger Festival für Dokumentar- und Animationsfilm (2003)
  • Grand Prix – Uppsala International Short Film Festival (2003)
  • Premio de la Comunidad de Madrid a la Mejor Película – Semana de Cine Experimental de Madrid (2003)
  • Onda Curta, Cinanima Portugal (2003)
  • Innova Award – Animadrid, Spanien (2003)
  • Film Critics Award – Animafest Zagreb (2004)
  • ASIFA Korea Prize for best Experimental SICAF (2004)
  • Cartoon d'Or – Best animated Film, Cartoon Forum Galicia (2004)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN81462076 · ISNI (EN0000 0000 7845 0280 · LCCN (ENno2008011406 · GND (DE137243774 · BNF (FRcb14645131b (data)