Via dei Lavatoi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 43°46′11.2″N 11°15′39.21″E / 43.769778°N 11.260892°E43.769778; 11.260892

I lavatoi accanto alle Stiche nella mappa del Buonsignori del 1584
Via dei Lavatoi

Via dei Lavatoi si trova a Firenze, da via Giuseppe Verdi a via Isola delle Stinche, vicino alla chiesa dei Santi Simone e Giuda,

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La via è così chiamata fin dal 1428, quando vi furono fatte costruire dall'Arte della Lana alcune vasche per lavarvi stoffe di lana greggia.

I lavatoi venivano usati dai tintori fiorentini, rinomati per l'eccelleza della loro produzione, per il lavaggio delle stoffe, soprattutto nei mesi invernali quando l'Arno era spesso torbido o in piena. Un grande lavatoio a più vasche si estendeva lungo tutta la strada; era lungo diciotto braccia e, quando non adoperato dai tintori, era usato dalle donne della zona per il bucato.

Nella carta del Buonsignori (1584) si vede bene il grande lavatoio appoggiato a un lato del carcere delle Stinche. La vasca era dotata anche di una fontana di medie dimensioni con una testa leonina che versava acqua dalla bocca, come testimonia un'incisione di Carlo Lasinio.

Più tardi, nel 1538, gli antichi lavatoi vennero ridotti a scuderia e scuola di equitazione. Tutto il complesso venne demolito nel 1834. Nel 1854 sorse al suo posto il Teatro Verdi. Sullo sbocco della fonte venne costruita la piccola fontana dell'Agnellino, ancora esistente all'angolo con via delle Stinche. Sull'altro lato la strada costeggia il fianco della chiesa dei Santi Simone e Giuda.

Nella strada doveva affacciarsi anche l'antico spedale della Santissima Trinità dei Calzolai.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Cesati, La grande guida delle strade di Firenze, Newton Compton Editori, Roma 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]