Valda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Valda (disambigua).
Valda
frazione
Valda – Stemma
Valda – Veduta
Valda vista dal Santuario della Madonna dell'Aiuto (Segonzano)
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
ComuneAltavalle
Territorio
Coordinate46°12′N 11°16′E / 46.2°N 11.266667°E46.2; 11.266667 (Valda)Coordinate: 46°12′N 11°16′E / 46.2°N 11.266667°E46.2; 11.266667 (Valda)
Altitudine795 m s.l.m.
Superficie6,14 km²
Abitanti217[1] (31-12-2015)
Densità35,34 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale38030
Prefisso0461
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022208
Cod. catastaleL550
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantivaldani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Valda
Valda
Sito istituzionale

Valda (così anche in trentino[2]; Wald in tedesco, desueto[3]) è un ex comune italiano di 217 abitanti della provincia di Trento. Il 1º gennaio 2016 si è fuso con Faver, Grauno e Grumes per formare il nuovo comune di Altavalle.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
9 maggio 2005 31 dicembre 2015 Paolo Fedrizzi Lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015 (il dato si riferisce a quello dell'ex comune di Valda).
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  3. ^ Claudia Feller: Das Rechnungsbuch Heinrichs von Rottenburg – Ein Zeugnis adeliger Herrschaft und Wirtschaftsführung im spätmittelalterlichen Tirol, Böhlau, Vienna/Monaco di Baviera 2010, ISBN 978-3-486-59122-4, pag. 388
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Comitato per la salvaguardia dell'Avisio, Le alternative alla diga di Valda, Trento, Edizioni U.C.T., 1998

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]