Utente:F.noceti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Babel utente
lij-N St'uténte chi o peu contriboî co-in livéllo de madreléngoa in lìgure.
it-N Questo utente può contribuire con un livello madrelingua in italiano.
en-2 This user has intermediate knowledge of English.
fr-1 Cet utilisateur dispose de connaissances de base en français.
Utenti per lingua
Noia 64 apps kworldclock.png Questo utente ama la storia (quasi) più di qualunque altra cosa.
Porta soprana.jpg In particolare, questo utente è appassionato di tutto ciò che riguarda la Storia di Genova e la sua Cronologia.
Genova-1810ca-acquatinta-Garneray.jpg Questo utente è nato a Genova.
Nuvola apps bookcase.svg A questo utente piace leggere.
Genova-Santuario della Madonnetta-Natività.jpg Questo utente adora il Natale ed il Presepe, specialmente quello genovese.
Christianity Symbol.png Questo utente crede in Dio e pratica la il culto cristiano cattolico.
Peace-symbol.png Questo utente è convinto che tutte le persone siano uguali e che la PACE sia il miglior modo per rispettare questo principio.
Mazzini.jpg Questo utente ammira l'opera di Mazzini.
Questo utente ammira l'opera di Gandhi, che era un ammiratore di Mazzini.
SPQI.jpg Questo utente è un convinto che la Repubblica sia la forma di governo migliore. É un fermo sostenitore del MIL per riportare la Liguria ad uno stato repubblicano indipendente.
Bouncywikilogo.gif Questo utente sta ancora imparando a conoscere Wikipedia.
Nuvola filesystems services.png Questo utente ha creato Mura di Genova che da qualche tempo è in vetrina.
"|Crown of Italy.svg Questo utente è visceralmente antisabaudo.
"|Nazi Swastika.svg Questo utente è visceralmente antinazista.
"|National Fascist Party logo.jpg Questo utente è visceralmente antifascista.
"|Hammer and sickle.svg Questo utente è visceralmente anticomunista.
Death drawing plain.jpg Insomma questo utente è contro l'opressione dei popoli e delle culture, specie del suo.
Koelner Dom bei Nacht 1 RB.JPG Questo utente e stato alla GMG.
Map-of-liguria-map-en-wiki.gif Questo utente adora la Riviera.
Aigues Mort4.jpg Questo utente è appassionato della vicenda storico-architettonica di Aigues-Mortes.
Blason département fr Tarn.svg Questo utente ha visitato e adora la cattedrale di Albi.
Portovenere-panorama.JPG Questo utente consiglia vivamente una visita alle Cinque terre, a Portofino ed a Portovenere.
Carcassonne-Giorno.jpg Questo utente ah scoperto, delusissimo, che le mura di Carcassonne sono una ricostruzione ottocentesca.
Wien 3 Wappen.svg Questo utente è innamrato di Vienna, nella quale spera di andare presto.
Flag of the United States.svg Questo utente non andrà mai negli Stati Uniti d'America.
Escut de Barcelona.svg Questo utente è stato a Barcellona anche se non sa quando ci potrà tornare.
AvignonePalazzoPapi.JPG Questo utente ha scoperto ad Avignone che sono stati ben otto i Vescovi genovesi dela città.
100px Questo utente è stato innumerevoli volte ad Assisi.
Coat of arms of Berlin.svg Questo utente, visitata la città di Berlino, se ne è innamorato.
Flag of Flanders.svg Questo utente è un convinto sostenitore dell'indipendenza delle Fiandre.
Flag of Corsica.svg Questo utente è un convinto sostenitore dell'indipendenza della Corsica.
Flag of Sardinia, Italy.svg Questo utente è un convinto sostenitore dell'indipendenza della Sardegna.
Comunità comprensoriali Alto Adige.svg Questo utente è un convinto sostenitore dell'indipendenza del Sud Tirolo.
Flag of Valle d'Aosta.svg Questo utente è un convinto sostenitore dell'indipendenza della Valdaosta.
Flag of the Basque Country.svg Questo utente è un convinto sostenitore dell'indipendenza dei Paesi Baschi.
Flag of Scotland.svg Questo utente è un convinto sostenitore dell'indipendenza della Scozia.

[modifica | modifica wikitesto]

QUESTO UTENTE È CONVINTO CHE IL PROGETTO WIKIPEDIA SIA FUNZIONALE E FUNZIONANTE SOLO NELLE CULTURE ANGLOSASSONI PRESSO IL QUALE ESSO È NATO. IN ITALIA SECONDO L'UTENTE QUESTO PROGETTO NON PUÒ TROVARE LA PIENA REALIZZAZIONE SPERATA E RAGGIUNTA IN ALTRI PAESI FINCHÉ VI SARANNO ARBITRARIETÀ E SCARSA SERIETÀ. L'ESEMPIO MASSIMO è LA DISCUSSIONE:

Veramente non mi pare, ad ogni modo io non sono un admin e fino a prova contraria non occupo una posizione che da gente poco consapevole viene vista come di "potere" sugli altri utenti. Tu ti sei preso la briga di fare l'admin, di decidere cosa sia e cosa non sia enciclopedico in base alle tue personali conoscenze e ti permetti di fare del sarcasmo nei confronti di utenti i quali, se ti rispondessero nel tono che usi tu, verrebbero subito bloccati per attacco personale (cosa che sono convinto accadrà dopo questo messaggio). Questo si chiama bullismo e, ripeto, è irritante ancor più per chi viene come me da una cultura totalmente diversa, nella quale chi occupa posizioni dominanti dovrebbe (perchè anche qui ci sono molti che non lo fanno) essere disponibile al dialogo, are spiegazioni esaustive in merito a decisioni dubbi e riconoscere quando si sbaglia. Qui, invece, chi comanda ha sempre ragione e l'utente o si adatta o viene espulso, come se wikipedia fosse un progetto ad uso e consumo degli amministratori. Evidentemente non fa parte della cultura di troppi la differenza fra amministrare e troneggiare nè cosa sia la correttezza. IO ho una pagina utente che dice molto di me, la tua è piena di cosette comiche che dimostrano solamente la tua bravura con il codice, non la serietà che si richiede ad una persona che pretende di amministrare un qualcosa che non è neppure suo. Perciò, ripeto, ritengo questo un progetto dal quale chi non fa parte del gruppo di potere (che poi si ispira a logiche campanilistiche) dovrebbe andarsene verso altri amministratoti con maggiore sobrietà e serietà e visto che non ci sono lobbies liguri all'interno di wikipedia, i liguri se ne dovrebbero andare. Comunque continui a non dare una motivazione valida per cancellare la pagina (visto che quella di cui sopra è molto fallace), se non la tracotanza di non ammettere un banalissimo errore. Ti prego, però, l'ironia divertentissima che sai esprimere la conosciamo, la capacità di bloccare chi te lo fa notare anche, comincia a fare i bambino serio, dicci chi sei e dacci una mano a migliorare la pagina che per noi liguri è molto importante! --F.noceti (msg) 09:14, 4 ott 2009 (CEST)

Hai vinto una bambolina. --Demart81 (Comunicazioni, insulti ecc.) 09:26, 4 ott 2009 (CEST) La battuta di irrisione (hai vinto una bambolina) te la potevi risparmiare: colpire qualcuno a terra (un utente bloccato) non mi pare il massimo dell'eleganza: soprattutto te lo impone la wikiquette e una frase del genere non ti rende merito. Soprattutto non fa crescere né Wikipedia né te. Sono convinto che non la scriveresti un'altra volta. --Twice25 (msg) 22:17, 4 ott 2009 (CEST) evitiamo di dare grandezza a cose molte piccole. L'ironia ci stava tutta verso un utente che almeno in due casi ha esordito nei propri proclami dicendo so che mi bloccherete... e nessuno di noi l'ha bloccato per quegli interventi e per i molti altri ai limiti del lecito. Il fatto che nessuno abbia mai risposto a tono di fronte alle sue provocazioni non rende la frase di Demart degna di biasimo. E' ironia verso un utente che ha mancato di rispetto verso un bel pò di utenti e il progetto--ignis (aka Ignlig) Fammi un fischio 23:15, 4 ott 2009 (CEST) Che si dia grandezza a cose molto piccole è una tua opinione. Immagino tu debba sentirti libero di confondere i termini ironia e irrisione: siamo in un progetto libero e sei libero di interpretare. Questa pagina però - Wikipedia:Niente_attacchi personali#Non dimenticare: non si infierisce su qualcuno che è a terra - è piuttosto eplicita e non lascia margini a confusioni e interpretazioni. A prescindere di come si sia espresso in precedenza il destinatario dell'irrisione. Se tu sbagli non è obbligatorio che sbagli anch'io... --Twice25 (msg) 23:30, 4 ott 2009 (CEST) Indubbiamente che Ignlig, ma anche io, non siamo d'accordo con il tuo modo di vedere la cosa è sicuramente un'opinione, che questa sia sbagliata direi pure. Di certo nessuno ha in tasca la verità e non esiste un modo in cui una frase vada per regolamento interpretata. - MM (msg) 15:02, 5 ott 2009 (CEST) Esattamente. Non ritiro assolutamente quello che ho detto perché non mi pare di aver fatto nulla di grave. E adesso per favore si torni in topic. --Demart81 (Comunicazioni, insulti ecc.) 15:31, 5 ott 2009 (CEST)

alla pagina Wikipedia:Pagine da cancellare/Académia Ligùstica do Brénno
nella mia pagina utente!
Data di oggi: 20 novembre

Totale articoli, attualmente su it.wiki :1 566 078
Contribuisci anche tu!

Carica immagini qui.

Cronogenova.gif

«Ama e fà ciò che vuoi.»

(Sant'Agostino.)

«Avendo l'armata di S. M. Brittanica sotto il mio comando scacciati i Francesi dal territorio di Genova, e divenuto necessario il provvedere al mantenimento del loro buon ordine e governo di questo Stato. Considerando che il desiderio generale della Nazione Genovese, pare essere di ritornare a quell'antico Governo, sotto il quale godeva libertà, prosperità ed indipendenza; e considerando altresì che questo desiderio sembra essere conforme ai principii riconosciuti dalle alte Potenze alleate, di restituire a tutti i loro antichi diritti e privilegi:

DICHIARO

  • Art.1

Che la costituzione quale esisteva nell'anno 1797, con quelle modificazioni che il voto generale, il pubblico bene e lo spirito dell'originale Costituzione del 1576 sembrano richiedere, è ristabilita.

  • Art.2

Che le modificazioni organiche insieme colla maniera di formare le liste dei cittadini eligibili, e Consigli Minore e Maggiore, saranno al più presto possibile pubblicate.

  • Art.3

Che un Governo provvisorio consistente in tredici individui, e formato in due Collegi come prima, sarà immediatamente nominato, e durerà in carica sino al 1° Gennaio 1815, quando i due Collegi verranno compiuti nel numero prescritto dalla Costituzione.

  • Art.4

Che questo Governo provvisorio assumerà ed eserciterà i poteri Legislativo ed Esecutivo dello Stato, e determinerà un sistema temporaneo, o prorogando e modificando le leggi esistenti, ovvero ristabilendo e modificando le antiche, nel modo che gli sembrerà espediente per il bene dello Stato e la sicurezza dei cittadini, loro persone e proprieta

  • Art.5

Che due terzi dei Consigli Minore e Maggiore saranno nominati immediatamente, gli altri saranno eletti a norma della Costituzione, quando le liste dei cittadini eligibili saranno formate.

  • Art.6

Ai due Consigli sopranominati, i due Collegi proporranno, secondo la Costituzione, tutte le misure che crederanno necessarie per l'intiero stabilimento dell"antica forma di Governo.


Ed in adempimento di questo, io dichiaro col presente Proclama, che il Sig. GEROLAMO SERRA Presidente, ed i signori; ANDREA DE-FERRARI, AGOSTINO PARETO, IPPOLITO DURAZZO, Gio. CARLO BRIGNOLE, AGOSTINO FIESCO, PAOLO PALLAVICINO, DOMENICO DEALBERTIS, GIOVANNI QUARTARA, MARCELLO MASSONE, GIUSEPPE FRAVEGA, LUCA SOLARI, GIUSEPPE GANDOLFO, senatori, sono eletti a formare il Governo provvisorio dello Stato Genovese, ed io invito ed ordino a tutti gli abitanti di qualunque classe e condizione, di prestar loro aiuto e obbedienza.

Dato dal mio Quartier Generale in Genova, questo giorno 26 Aprile 1814. Il Comandante in Capo W. C. BENTINCK»

(PROCLAMA DEL GENERALE BENTINCK COMANDANTE IN CAPO DELL' ARMATA DI S. M. BRITANNICA NEL GENOVESATO)

«

  • Art. 1

I Genovesi saranno in tutto assimigliati agli altri sudditi del re, e parteciperanno come essi agli impieghi civili, giudiziarii, militari e diplomatici della Monarchia, e, senza i privilegii che lor sono qui appresso concessi ed assicurati, saranno sottomessi alle stesse leggi ed agli stessi regolamenti che S.M. crederà convenienti. La nobiltà genovese sarà ammessa, come quella delle altre parti della Monarchia alle grandi cariche e impieghi della Corte.

  • Art. 2

I militari genovesi componenti attualmente le truppe genovesi saranno incorporati nelle truppe reali. Gli ufficiali e sotto ufficiali conserveranno i loro gradi rispettivi. Art. 3 Le armi dei Genovesi entreranno nello Scudo Reale , e i suoi colori nella bandiera di S.M.

  • Art. 4

Il Portofranco di Genova sarà ristabilito coi regolamenti che esistevano sotto l'antico governo di Genova. Tutta la facilità sarà data dal re per il transito nei suoi Stati delle mercanzie che sortono dal Porto franco, prendendo le precauzioni che S.M. giudicherà convenevoli acciocchè queste stesse mercanzie non sieno vendute o consumate in contrabbando nell'intemo. Esse non potranno essere soggette che ad un dritto modico d' uso.

  • Art. 5

Sarà stabilito, in ciascun distretto d'intendenza un Consiglio provinciale, composto di trenta membri scelti fra i notabili di differenti classi, sopra una lista di trecento dei più imposti di ciascun distretto, essi saranno nominati la prima volta dal re, e rinnovati dallo stesso per quinto ogni tre anni. La sorte deciderà della sortita delli quattro primi quinti. L'organizzazione di questo Consiglio sarà regolato da S.M. Il presidente nominato dal re potrà essere preso al di fuori del consiglio, in questo caso egli non avrà punto il diritto di votare. I membri non potranno essere scelti di nuovo che quattro anni dopo la loro uscita. Il Consiglio non potrà occuparsi che dei bisogni e reclami dei comuni dell'Intendenza, per ciò che concerne la loro amministrazionte particolare, e potrà fare delle rappresentanze a quest'oggetto. Si riunirà ciascun anno al capoluogo dell' Intendenza all' epoca e pel tempo che S.M. determinerà. S.M. lo riunirà però straordinariamente se giudicherà convenevole. L'lntendente della provincia, o colui che ne tien luogo assisterà di diritto alle sedute come Commissario del re. Allorquando i bisogni dello stato esigeranno lo stabilimento di nuove imposte, il re riunirà i differenti Consigli provinciali in quella città dell' antico territono genovese che S.M. designerà, e sotto la presidenza di quella persona che avrà designato a tal uopo. Il Presidente quando sarà eletto fuori del consiglio non avrà voce di voto deliberativo. Il re non manderà a registrare dal Senato di Genova, alcun editto portante creazione d'imposte straordinarie se non dopo aver ricevuto il voto d' approvazione dei consigli provinciali come qui appresso. La maggiorità di un suffragio determinerà il voto dei Consigli provinciali radunati separatamente o riuniti.

  • Art. 6

Il maximum delle imposte che S.M. potrà stabilire nello stato di Genova, senza consultare i Consigli provinciali riuniti non potrà eccedere la proporzione attualmente stabilita per le altre parti de' suoi stati. Le imposte ora percepite saranno ridotte a quella tassazione (à ce taux) e S.M. si riserva di fare le rettificazioni che la sua saggezza e la sua bontà verso i suoi sudditi genovesi potranno dettargli a riguardo di ciò che può essere ripartito sia sui carichi finanziarii sia sulle percezioni dirette od indirette. Il maximum delle imposte essendo cosi regolato tutte le volte che il bisogno dello stato potrà esigere che sia aggravato di nuove imposte o di oneri straoridinarii, S.M. dimanderà il voto approvativo dei Consigli provinciali per la somma ch'ei giudicherà convenevole di proporre e per la specie d'imposta a stabilire.

  • Art 7

Il debito pubblico tal quale esisteva legalmente sotto l'ultimo governo francese, è garantito.

  • Art. 8

Le pensioni civili e militari accordate dallo stato secondo le leggi e i regolamenti sono mantenute a tutti i sudditi genovesi abitanti negli stati di S.M. Sono mantenute sotto la stessa condizione le pensioni accordate a degli ecclesiastici o ad antichi membri di case religiose dei due sessi, come anche quelli che, sotto il titolo di soccorsi sono stati accordati a dei nobili genovesi dal governo francese.

  • Art. 9

Vi sarà a Genova un gran corpo giudiziario o tribunale supremo, avente le stesse attribuzioni e privilegi che quei di Torino, di Savoia e di Nizza che porterà come essi il nome di Senato. Art. 10 Le monete correnti d'oro e d'argento dello antico stato di Genova attualmente esistenti saranno ammesse nelle casse pubbliche concorrentemente colte monete piemontesi.

  • Art. 11

Le leve d'uomini, dette provinciali, nel paese di Genova non eccederanno in proporzione le leve che avranno luogo negli altri stati di S.M. Il servizio di mare sarà contato come quello di terra.

  • Art. 12

S.M. creerà una compagnia genovese di guardie del corpo la quale formerà una quarta compagnia delle sue guardie.

  • Art. 13

S.M. stabilirà a Genova un corpo di città composto di quaranta nobili, venti borghesi viventi delle loro rendite o esercenti arti liberali, e venti dei principali negozianti. Le nomine saranno fatte la prima volta dal re, e i rimpiazzi si faranno dal corpo stesso della città sotto la riserva dell' approvazione del re. Questo corpo avrà i suoi regolamenti particolari dati dal re per la residenza e per la divisione del lavoro. I presidenti prenderanno il nome di sindaci e saranno scelti fra i membri; il re si riserva tutte le volte che giudicherà a proposito di far presiedere il corpo di città da un personaggio di grande distinzione. Le attribuzioni del corpo di città saranno l'amministrazione dei redditi della città, la sovraintendenza della piccola polizia della città, e la sorveglianza degli stabilimenti pubblici di carità della città. Un Commissario del re assistera, alle sedute e deliberazioni del corpo di Città. I membri di questo corpo avranno un abito distinto e i sindaci il privilegio di portare la zimarra, o toga come il presidente dei Tribunali.

  • Art. 14

L'Università di Genova sarà mantenuta e goderà degli stessi privilegi come quella di Torino. S.M. avviserà ai mezzi di provvedere ai suoi bisogni; Ei prenderà questo stabilimento sotto la sua protezione speciale, come tutti gli altri istituti d'istruzione, d'educazione, di belle lettere e di carità, che saranno anche mantenuti. S.M. conserverà in favore dei suoi sudditi genovesi, i posti gratuiti che sono nel collegio detto Liceo a carico del governo riservandosi d'adottare sopra questi oggetti i regolamenti che giudicherà convenienti.

  • Art. 15

Il re conserverà a Genova un tribunale ed'una camera di commercio con le attribuzioni attuali di questi due stabilimenti.

  • Art. 16

S.M. prenderà particolarmente in considerazione la situazione degli impieghi attuali dello stato di Genova.

  • Art. 17

S.M, accoglierà tutti i piani e le proposte che le saranno presentate sopra i mezzi di ristabilire il banco di S. Giorgio.»

(CONDIZIONI CONCORDATE DALLE POTENZE ALLEATE NEL CONGRESSO DI VIENNA A norma delle quali il Genovesato fu riunito al Piemonte)

«Informati che il Congresso di Vienna ha disposto della nostra Patria riunendola agli Stati di S.M. il Re di Sardegna risoluti dall'una parte a non lederne i diritti imperscrittibili, dall'altra a non usar mezzi inutili e funesti, noi deponiamo un'Autorità che la confidenza della Nazione e l'acquiescenza delle principali Potenze avevano comprovata. Cio che può fare per i diritti e la restaurazione de suoi popoli un Governo non d'altro fornito che di giustizia e ragione, tutto, e la nostra coscienza lo attesta e le corti più remote lo sanno, tutto fu tentato da noi senza riserva e senza esitazione. Nulla più dunque ci avanza se non di raccomandare alle Autorità Municipali, Amministrative e Giudiziarie l'interino esercizio delle loro funzioni, al successivo Governo la cura delle truppe che avevamo cominciato a formare, e degli impiegati che han lealmente servito; a tutti i popoli del Genovesato la tranquillità, della quale non è alcun bene più necessario alle Nazioni. Riportiamo nel nostro ritiro un dolce sentimento di riconoscenza verso l'illustre Generale che conobbe i confini della vittoria, e una intatta fiducia nella Provvidenza Divina che non abbandonerà mai i Genovesi.

Dal Palazzo del Governo, li 26 Dicembre 1814.

GIROLAMO SERRA Presidente del Governo

Senatori:F.Antonio Dagnino, Ippolito Durazzo, Carlo Picopaolo, Girolamo Pallavicini, Agostino Fieschi, Giuseppe Negrotto, Giovanni Quartara, Domenico demarini, Luca Solari, Andrea Deferrari, Agostino Pareto, Grimaldo Oldoini»

(PROTESTA e ABDICAZIONE DEL GOVERNO PROVVISORIO DI GENOVA 26 dicembre 1814)
Paesi visitati
Italia
Patria perduta
Italia
Italia
Francia
Francia
Spagna
Spagna
Germania
Germania
Austria
Austria
Croazia
Svizzera
Grecia
Olanda
Vaticano
Vaticano