Moscovio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ununpentio)
Moscovio
   

115
Mc
 
               
               
                                   
                                   
                                                               
                                                               
   
flerovio ← moscovio → livermorio
sconosciuto, probabilmente metallico, grigio-argenteo
Generalità
Nome, simbolo, numero atomico moscovio, Mc, 115
Serie metalli del blocco p
Gruppo, periodo, blocco 15, 7, p
Configurazione elettronica
Configurazione elettronica
Proprietà atomiche
Peso atomico 289
Configurazione elettronica probabile [Rn]5f146d107s27p3
e per livello energetico 2, 8, 18, 32, 32, 18, 5
Proprietà fisiche
Stato della materia presumibilmente solido
Altre proprietà
Numero CAS 54085-64-2

Il moscovio (detto anche eka-bismuto, nome sistematico temporaneo: Ununpentio) è un elemento superpesante sintetico della tavola periodica, che ha come simbolo Mc e numero atomico 115. L'elemento è stato introdotto nella tavola periodica ufficiale dell'IUPAC il 30 dicembre 2015, insieme agli elementi con numero atomico 113, 117 e 118, andando così a completare il settimo periodo della tavola.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º febbraio 2004, la sintesi del moscovio e del nihonio sono state riportate nella rivista scientifica Physical Review C da un gruppo composto da scienziati russi del Joint Institute for Nuclear Research dell'Università di Dubna, e scienziati statunitensi del Lawrence Livermore National Laboratory.

Il gruppo ha riportato di aver bombardato dell'americio (elemento 95) con del calcio (elemento 20), producendo quattro atomi di moscovio (elemento 115). Questi atomi, secondo quanto riportato, sono decaduti in nihonio (elemento 113) in una frazione di secondo. Il nihonio prodotto è esistito per 1,2 secondi, prima di decadere in elementi noti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Discovery and Assignment of Elements with Atomic Numbers 113, 115, 117 and 118, IUPAC, 30 dicembre 2015. URL consultato il 4 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENsh2012003555
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia