Tracia orientale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Tracia orientale.
La Tracia.

La Tracia orientale (in turco: Doğu Trakya; in bulgaro: Източна Тракия?, Iztochna Trakiya; in greco Ανατολική Θράκη, traslitterato in Аnatoliki Traki) costituisce la parte sud-orientale della Tracia storica. Oggi rappresenta la parte europea della Turchia. È conosciuta anche come Turchia europea (in turco Avrupa Türkiye; in bulgaro Европейска Турция, Evropeĭska Turtsiya; in greco Ευρωπαϊκή Τουρκία, Evropaiki Tourkia).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine Tracia orientale è comparso alla fine del XIX e l'inizio del XX secolo, quando la regione storica della Tracia fu divisa tra varie nazioni.

La Tracia orientale è la regione che costituisce l'estremità sud-orientale dei Balcani e dell'Europa. È delimitata a est dal Mar Nero, a sud-est dal Bosforo, a sud dal Mar di Marmara, a sud-ovest dallo Stretto dei Dardanelli e dal Mar Egeo, a ovest dal fiume Maritsa e a nord dalla Bulgaria.

Ai giorni nostri, essa rappresenta la parte europea della Turchia, che è divisa tra le province turche di Edirne, di Kırklareli e di Tekirdağ, come pure le parti europee delle province d'Istanbul e di Çanakkale.

Questo insieme ha una superficie di 23.764 km², con una popolazione di 9.799.745 abitanti[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Tracia deve il suo nome ai Traci, popolo indo-europeo che occupava la regione nell'antichità.

L'ultimo regno trace indipendente fu annesso dai Romani alla morte del re Roemetalkes III e la provincia romana di Tracia fu creata nel 46 d.C.

La Tracia fu eretta in diocesi da Diocleziano.

I Turchi annetterono l'intera Tracia nel 1389, e il loro dominio durò fino al 1878.

Nel XXI secolo, la Tracia resta divisa fra tre Paesi: la Tracia occidentale fa parte della Grecia, la Tracia orientale fa parte della Turchia e la Tracia settentrionale, rinominata Rumelia orientale, è riunita alla Bulgaria nel 1885.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (TR) censimento del 2008, Istituto Statistico Turco. URL consultato il 5 marzo 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]