Tinturia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tinturia
Tinturia live in Florence.jpg
Tinturia in concerto (Firenze, 2 aprile 2008)
Paese d'origineItalia Italia
GenereSka
Rock
Hip hop
Periodo di attività musicale1996 – in attività
EtichettaCompagnia Nuove Indye
Musica & Suoni[1]
Album pubblicati5
Studio4
Live1
Raccolte0

I Tinturia (che in siciliano significa "monelleria" o anche "pigrizia") sono un gruppo musicale siciliano, a volte accreditati anche come Lello Analfino & Tinturia. Il loro genere musicale, da loro etichettato come sbrong, è una fusione eterogenea di pop, rock, folk, ska, funk, rap e reggae.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo nasce nel 1996 a Raffadali, un paese dell'entroterra agrigentino. Il leader, cantante e occasionalmente diamonicista, è Lello Analfino. L'album d'esordio discografico, nel 1999, Abusivi (di necessità), ottiene successo in tutta la Sicilia, ma rimane circoscritto all'isola, anche a causa dei testi in siciliano. Il disco include una cover di La donna riccia di Domenico Modugno, col testo riadattato e tradotto in siciliano. Nel 2011 l'album è stato riedito dalla CNI[2].

Nel 2002 pubblicano la colonna sonora del film Nati stanchi di Ficarra e Picone, grazie a cui iniziano a farsi conoscere oltre lo stretto. Nel 2005 esce il loro l'album Nessuno è perfetto (per fortuna) edito da Universal[3], in cui cantano principalmente in italiano e si avvicinano a uno stile musicale più tipicamente rock. Questo lavoro fu seguito nel 2007 dal CD Io sto qui registrato dal vivo durante la tournée dei DS del 2005.

Nel 2008 i Tinturia pubblicano l'album Di mare e d'amuri e nel 2014 Precario, da cui viene estratto l'omonimo singolo pubblicato su iTunes.

Nel 2015 Lello Analfino e i Tinturia salgono sul palco del concerto del Primo maggio a Roma e nell'estate dello stesso anno si esibiscono al Teatro antico di Taormina. A novembre dello stesso anno, Lello Analfino, compone il brano Cocciu d'amuri per il film di Ficarra e Picone Andiamo a quel paese[4][5] dove partecipa come attore nei panni del cantante che si esibisce in una serenata. Il brano, nel 2015, è stato in nomination per il Nastro d'argento alla migliore canzone originale.[6]

Nel 2015 Analfino partecipa alla composizione delle musiche per il film Fuori dal coro, con la regia di Sergio Misuraca.[7]

Nel 2017 il gruppo si esibisce al The Garage di Londra, ospiti della rassegna "SICILIAN MOOD: Music, Style and Culture from the Island", nata per valorizzare la Sicilia e i talenti isolani, promuovendo le eccellenze gastronomiche del territorio. Il progetto li ha visti esibirsi anche a Berlino nel 2018 e ancora una volta a Londra.

A luglio del 2017 si esibiscono al Teatro di Verdura di Palermo, insieme agli 80 musicisti dell’Orchestra giovanile siciliana mentre a settembre Lello Analfino pubblica un remake del celebre brano dei Righeira L’estate sta finendo riarrangiato e reinterpretato in una chiave più malinconica.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Membri attuali[modifica | modifica wikitesto]

Ex membri[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Favara: chitarra elettrica ed acustica
  • Savio Nocera: chitarra, flauto
  • Pierluigi Savarino: chitarra, voce
  • Nino Alongi: basso
  • Osvaldo Lo Iacono: chitarra
  • Giovanni Buzzurro: basso
  • Gianpiero Risico: synth, fiati
  • Claudio Terzo: chitarra
  • Andrey Re: rapper
  • Mario Vasile: percussioni
  • Dario Assenzo: DJ set e suoni

Altri musicisti in tour[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Vasile: percussioni - 2005
  • Carmelo Salemi: tromba - 2005-2006
  • Salvatore Pizzurro: trombone - 2005-2006
  • Filippo "Fifuz" Alessi: tamburi a cornice, percussioni - 2008-2009-2013-2014-2015-2016

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1998 – Made in Raffadali

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]