The Celts (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Celts
Artista Enya
Tipo album Studio
Pubblicazione Novembre 1992
Durata 39:19
Dischi 1
Tracce 15
Genere New age
Musica celtica
Etichetta Warner Music
Produttore Nicky Ryan
Registrazione 1985-1986
Note Riedizione dell'album del 1987 Enya
Certificazioni
Dischi d'oro Argentina Argentina[1]
(Vendite: 30.000+)
Germania Germania[2]
(Vendite: 250.000+)
Spagna Spagna[3]
(Vendite: 50.000+) Nuova Zelanda Nuova Zelanda[4]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platino Australia Australia (2)[5]
(vendite: 140 000+)
Brasile Brasile[6]
(Vendite: 250.000+)
Regno Unito Regno Unito [7]
(Vendite: 300.000+)
Stati Uniti Stati Uniti[8]
(Vendite: 1.100.000+)[9]
Enya - cronologia
Album precedente
(1991)
Album successivo
(1995)

The Celts è la riedizione dall'album di debutto del 1987 della musicista e cantante irlandese Enya (Enya), pubblicato nel novembre 1992 dalla Warner Music.

Il Disco[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

# Titolo
1 The Celts (2:50)
2 Aldebaran (3:05)
3 I Want Tomorrow (4:02)
4 March of the Celts (3:10)
5 Deireadh an Tuath (1:43)
6 The Sun in the Stream (2:55)
7 To Go Beyond (I) (1:20)
8 Fairytale (3:03)
9 Epona (1:36)
10 Triad: St. Patrick / Cú Chulainn / Oisín (4:25)
11 Portrait (Out of the Blue) (3:11)
12 Boadicea (3:30)
13 Bard Dance (1:23)
14 Dan y Dŵr (1:41)
15 To Go Beyond (II) (2:50)

Singoli Estratti[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

The Celts è la riedizione sotto la Warner Music (casa discografica di Enya a partire dal disco Watermark del 1988) del primo album intitolato semplicemente "ENYA" pubblicato nel 1987 che conteneva i brani eseguiti dall'artista irlandese per la colonna sonora del documentario della BBC "The Celts" che, come suggerisce il titolo, era incentrato sulla cultura dell'antico popolo che abitava l'Irlanda. "ENYA" ebbe un discreto successo solo in Irlanda ma rimase alquanto sconosciuto nel resto del mondo, in seguito al grande successo dei due album "Watermark" e "Shepherd Moons" la Warner Music decise di riproporlo nel 1992 cambiando titolo e creando un nuovo artwork. Lanciato dal singolo The Celts, l'album riesce a portare alla ribalta i brani meno noti della cantante, contenuti nel suo album di debutto.
La riedizione ottiene una notevole fama e supera, insieme a Enya, 6 milioni di copie vendute.[10]

  • I Want Tomorrow è l'unica canzone in inglese dell'album.
  • Il libretto contiene delle didascalie scritte da Roma Ryan, che spiega il significato delle varie canzoni.
  • Vi è una versione più lunga della canzone Portrait (che nell'originale durava 1:23), intitolata Portrait: Out of the Blue, che dura 3:11.

Successo[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti in Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Paese Posizione
Australia[11] 7
Germania[12] 70
Norvegia[13] 20
Nuova Zelanda[14] 7
Paesi Bassi[15] 28
Regno Unito[16] 10
Spagna[17] 27
Svezia[18] 39

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certificazione Argentina (CAPIF), capif.org.ar. URL consultato il 28 settembre 2011.
  2. ^ Certificazione Germania (IFPI), musikindustrie.de. URL consultato il 28 settembre 2011.
  3. ^ Certificazione Spagna (PROMUSICAE) (PDF), promusicae.com. URL consultato il 28 settembre 2011.
  4. ^ (EN) The Official NZ Music Charts - Chart Archive, 18 June 1995, Nztop40.co.nz. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  5. ^ (EN) ARIA Montly Certifications 1990-Present, ARIA Charts. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  6. ^ Certificazione Brasile (ABPD), abpd.org.br. URL consultato il 28 settembre 2011.
  7. ^ (EN) Certified Awards Search, British Phonographic Industry. URL consultato l'8 settembre 2013. Inserire Enya nel campo Keywords, quindi premere Search.
  8. ^ Certificazione Stati Uniti (RIAA), riaa.com. URL consultato il 28 settembre 2011.
  9. ^ Vendite negli Stati Uniti (Billboard), books.google.co.kr. URL consultato il 28 settembre 2011.
  10. ^ "Enya" e "The Celts" 6 milioni di copie vendute, news.ulster.ac.uk.
  11. ^ Andamento nella Classifica Australiana, australian-charts.com.
  12. ^ Andamento nella classifica Tedesca, musicline.de.
  13. ^ Andamento nella Classifica Norvegese, norwegiancharts.com.
  14. ^ Andamento nella Classifica Neozelandese, charts.org.nz.
  15. ^ Andamento nella Classifica Olandese, dutchcharts.nl.
  16. ^ Andamento nella Classifica Inglese, chartstats.com.
  17. ^ Massima Posizione nella classifica Spagnola, afyvecharts.blogspot.com.
  18. ^ Andamento nella Classifica Svedese, swedishcharts.com.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica