Teatro dell'Oceano Pacifico della seconda guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teatro del Oceano Pacifico
Pacific Theater Areas;map1.JPG
Teatro del Oceano Pacifico, diviso in quello, settentrionale, centrale e meridionale.
Datadicembre 1941 - agosto 1945
Luogooceano Pacifico
Esitovittoria degli Alleati
Schieramenti
Comandanti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

Il Teatro dell'Oceano Pacifico, insieme a quello del Pacifico sud-occidentale, era uno dei due teatri di operazione, definiti dalle forze alleate nella regione dell'oceano Pacifico, durante la guerra del Pacifico, parte del secondo conflitto mondiale.

Struttura di comando alleata ne Pacifico.

Esso includeva gran parte dell'oceano Pacifico e le sue isole, e coincise con il Pacific Ocean Area Command (Comando dell'Area dell'Oceano Pacifico) degli alleati, creato ufficialmente il 30 marzo 1942 quando l'ammiraglio statunitense Chester Nimitz fu nominato Supreme Allied Commander Pacific Ocean Areas (Comandante Alleato Supremo dell'Area dell'Oceano Pacifico).[1]

Le Filippine, le Indie Orientali Olandesi, il Borneo, l'Australia, la Nuova Guinea e le isole Salomone occidentali erano parte del teatro del Pacifico sud-occidentale al comando del Generale Douglas MacArthur.

La maggior parte delle forze dell'Impero giapponese, nel teatro, facevano parte della Flotta combinata (聯合艦隊 Rengō Kantai?) della Marina imperiale giapponese, che era responsabile di tutte le navi, aerei imbarcati ed unità della fanteria di marina. La Flotta combinata era comandata dall'ammiraglio Isoroku Yamamoto, fino a quando non venne ucciso in un attacco di aerei statunitensi nell'aprile 1943.[2] Fu succeduto dal'ammiraglio Mineichi Kōga (1943-44)[2] e dall'ammiraglio Soemu Toyoda (1944-45).[3]

Maggiori battaglie e campagne del teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cressman 2000, p.84
  2. ^ a b Potter & Nimitz (1960) p.717
  3. ^ Potter & Nimitz (1960) pp.759–760
  4. ^ a b c d e f g Silverstone (1968) pp.9–11
  5. ^ Potter & Nimitz (1960) pp.651–652
  6. ^ Kafka & Pepperburg (1946) p.185
  7. ^ Potter & Nimitz (1960) p.751
  8. ^ Ofstie (1946) p.194
  9. ^ Potter & Nimitz (1960) p.761
  10. ^ Potter & Nimitz (1960) p.765
  11. ^ a b Potter & Nimitz (1960) p.770
  12. ^ a b c d Ofstie (1946) p.275

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ian Toll, Pacific Crucible: War at Sea in the Pacific, 1941-1942, W. W. Norton and Company, 2012, ISBN 0-393-34341-3.
  • Edward S. Miller, War Plan Orange: The U.S. Strategy to Defeat Japan, 1897–1945, US Naval Institute Press, 2007, ISBN 1-59114-500-7.
  • Robert J. Cressman, The Official Chronology of the U.S. Navy in World War II, Annapolis, Maryland, Naval Institute Press, 2000, ISBN 1-55750-149-1.
  • Edward J. Drea, In the Service of the Emperor: Essays on the Imperial Japanese Army, Nebraska, University of Nebraska Press, 1998, ISBN 0-8032-1708-0.
  • Joy Hakim, A History of Us: War, Peace and all that Jazz, New York, Oxford University Press, 1995, ISBN 0-19-509514-6.
  • Paul H. Silverstone, U.S. Warships of World War II, Doubleday and Company, 1968.
  • E.B. Potter e Chester W. Nimitz, Sea Power, Prentice-Hall, 1960.
  • Roger Kafka e Pepperburg, Roy L., Warships of the World, New York, Cornell Maritime Press, 1946.
  • Ralph A. Ofstie, The Campaigns of the Pacific War, Washington, D.C., United States Government Printing Office, 1946.
Seconda guerra mondiale Portale Seconda guerra mondiale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di seconda guerra mondiale