Stormtroopers of Death

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stormtroopers of Death
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereThrash metal[1]
Punk metal
Hardcore punk
Periodo di attività musicale1985 – 2007
EtichettaMegaforce Records
Nuclear Blast
Album pubblicati4
Studio3
Live1
Raccolte0
Sito ufficiale

Gli Stormtroopers of Death (S.O.D.), sono stati un gruppo crossover thrash metal formato a New York City nel 1985, di cui tre dei quattro membri del gruppo, sono i fondatori degli Anthrax. Sono considerati tra i pionieri del crossover thrash, assieme a Suicidal Tendencies e Dirty Rotten Imbeciles.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno del 1985 Scott Ian, negli studi di registrazione del secondo album degli Anthrax (band in cui è chitarrista e fondatore) Spreading the Disease (1985) finì presto di registrare le tracce di chitarra, si trovo molto tempo libero a disposizione e si mise a disegnare fumetti, tra cui uno scheletro vivente che fuma un sigaro ed odia tutto e tutti, lo chiamò "Sergente D" e inizio a scrivere lo slogan Speak English or Die. Scott, impaziente che gli altri finissero di registrare Spreading the Disease, chiamò l'ex bassista degli Anthrax, Dan Lilker, gli chiese se aveva voglia di formare un progetto Hardcore punk che aveva in mente da tempo, accettò. Chiamarono Billy Milano come cantante (un roadie degli Anthrax), e alla batteria il batterista degli Anthrax Charlie Benante, crearono così gli Stormtroopers Of Death. Formato il gruppo, registrarono un demo di 59 canzoni dal titolo Crab Society North[2] ed iniziarono a lavorare ad un album per la Megaforce Records di Johnny Zazula. Il disco, intitolato Speak English or Die, fu registrato e mixato in soli tre giorni ed è spesso riconosciuto come uno degli album fondamentali del crossover thrash[3]. Tuttavia alcuni brani come "Fuck the Middle East" (Fanculo il Medio Oriente) crearono anche diverse polemiche attorno alla figura di Billy Milano, accusato di fascismo, accuse sempre smentite dal cantante italoamericano.

Poi nel 1985 la band girò in tour facendo da warm-up, tra gli altri, per Motörhead e The Plasmatics. Tuttavia il seguito del primo album, programmato come USA For S.O.D., non fu mai registrato. Dopo la fine del tour, Lilker entrò nei Nuclear Assault, mentre Benante e Ian continuarono con gli Anthrax. Milano formò i Method Of Destruction, noti anche come M.O.D. Il primo album della band, U.S.A. for M.O.D., comprende molti testi scritti da Scott Ian, oltre ad una versione alternativa di Aren't You Hungry, una canzone dei S.O.D. che verrà registrata soltanto successivamente.

Il gruppo si riunì per un solo concerto a New York nel 1992, per festeggiare i 10 anni della Megaforce Records con Morbid Angel e Agnostic Front, da cui fu tratto l'album Live at Budokan. Il disco contiene molte tracce provenienti dagli album, alcune dai demo e cover di Ministry, Nirvana e Fear.

Nel 1997, i S.O.D. si riunirono di nuovo in occasione della Milwaukee Metal Fest. Poi la band suonò il suo primo concerto europeo al With Full Force festival in Germania[4], e nel 1999 fu pubblicato il secondo album studio, Bigger Than the Devil, pubblicizzato con un tour. Bigger Than the Devil comprende anche la versione originale di Aren't You Hungry.

Nel 2001 fu pubblicato il DVD Speak English or Live. Esso comprende, oltre al video di Live at Budokan, anche un concerto in Germania e contenuti extra.

Nel 2002 fu pubblicato su DVD Kill Yourself: The Movie, video del tour.

Nel 2007, il gruppo ha pubblicato il suo terzo album, Rise of the Infidels.

Scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

A quanto dichiarato da Milano, l'EP di live e inediti Rise of the Infidels, pubblicato nell'agosto 2007 su Megaforce Records, è l'ultima pubblicazione del gruppo.

L'EP contiene quattro nuove tracce: Stand Up and Fight, Java Amigo, United and Strong e Ready to Fight. Ready To Fight è una reinterpretazione dei Negative Approach, mentre United and Strong è una reinterpretazione degli Agnostic Front.

Il gruppo è comunque inattivo dal 2002.

United Forces[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni successivi allo scioglimento, emersero alcuni pesanti litigi tra Billy Milano e i membri degli Anthrax, in particolare Scott Ian. Ciò di fatto smentiva le possibilità di una reunion del gruppo, voci tra l'altro confermate dallo stesso Milano. Nonostante ciò, un riavvicinamento tra il cantante e Dan Lilker intorno al 2011 ha dato luogo alla nascita di nuove voci sul presunto ritorno della band. Nell'agosto del 2012, i due musicisti vengono invitati ad esibirsi ad un concerto dei Municipal Waste, suonando una cover di United Forces. Il 24 dicembre del 2012 Billy Milano annuncia di aver riformato i SOD sotto il nome di United Forces (i diritti sul nome appartengono infatti a Scott Ian), senza appunto Ian e Charlie Benante, sostituiti rispettivamente da Anton Reisenegger e Nicholas Barker. Il gruppo ha tenuto il suo primo concerto il 26 febbraio del 2013, e in seguito ha annunciato la registrazione di nuovo materiale.

Lineup[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Demo[modifica | modifica wikitesto]

Live / E.P.[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Split[modifica | modifica wikitesto]

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1985 - From The Megavault
  • 1991 - Deeper Into The Vault
  • 1993 - Crossover
  • 1998 - Stars On Thrash
  • 1999 - Suburban Open Air '99
  • 1999 - Death Is Just The Beginning Vol. 5
  • 1999 - Dynamit Vol. 16
  • 1999 - Nuclear Blast Soundcheck Series Vol. 18
  • 2000 - A Tribute to the Scorpions
  • 2000 - Death Is Just The Beginning Vol. 6
  • 2001 - New York's Hardest Vol. 3
  • 2002 - Death Is Just The Beginning Vol. 7

Video/DVD[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) S.O.D. > Overview, Allmusic.com. URL consultato il 29-05-2009.
  2. ^ Filmato audio Scott Ian and Charlie Benante, Speak English or Live, Nuclear Blast Records, 2001.
  3. ^ (EN) Speak English or Die > Overview, Allmusic.com. URL consultato il 29-05-2009.
  4. ^ (EN) Interview with Billy Milano conducted by Sjouke Bakker, Sod-mod.com. URL consultato il 29-05-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135153410 · ISNI (EN0000 0001 2162 5542 · BNF (FRcb13939798d (data)