Stefania Pucciarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefania Pucciarelli
Stefania Pucciarelli datisenato 2018.jpg

Sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa
In carica
Inizio mandato 1º marzo 2021
Cotitolare Giorgio Mulé
Capo del governo Mario Draghi
Predecessore Giulio Calvisi
Angelo Tofalo

Senatrice della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Circoscrizione Liguria
Collegio 3 (Genova-La Spezia)
Incarichi parlamentari
Presidente della Commissione Diritti Umani
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega per Salvini Premier
Titolo di studio 3ª media
Professione amministratore locale

Stefania Pucciarelli (Sarzana, 6 marzo 1967) è una politica italiana, dal 1º marzo 2021 sottosegretario di Stato al Ministero della difesa nel governo Draghi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Stefania Pucciarelli con Roberto Cassinelli, Manuela Gagliardi e Giovanni Toti durante la campagna elettorale del 2018.

Diploma di terza media, esponente della Lega Nord fin dalla sua fondazione, nel 2011 è candidata a sindaco di Santo Stefano Magra: ottiene l'11,44% e diventa consigliere comunale.

Divenuta segretaria provinciale del partito nel 2013, alle elezioni regionali liguri del 2015 è eletta in Consiglio Regionale con 1.369 voti di preferenza e assume la presidenza della III Commissione Consigliare di Regione Liguria (attività produttive, cultura, formazione e lavoro).

Senatore e Sottosegretario[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 è eletta senatrice nel collegio uninominale Liguria 3 con 114.714 voti.

È membro della 14ª Commissione permanente del Senato Politiche dell'Unione Europea di cui è anche capogruppo per il suo partito e della Commissione Difesa. L’11 luglio dello stesso anno diventa vice presidente del gruppo Parlamentare della Lega al Senato dietro a Massimiliano Romeo.

Il 14 novembre 2018 viene eletta presidente della Commissione diritti umani di Palazzo Madama[1][2] nel governo Conte I sollevando qualche polemica.[3]

Il 24 febbraio 2021 viene nominata Sottosegretario al Ministero della difesa nel nuovo Governo Draghi.[4]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 mise un like sotto un post su Facebook in cui si diceva: «Certe persone andrebbero eliminate dalla graduatoria dal tenore di vita che hanno. E poi vogliono la casa popolare. Un forno gli darei». Diffuse sulla pagina Facebook un video in cui raccontava il suo viaggio in treno da La Spezia a Torino e in cui si vantava di essere “Unica italiana in un vagone di stranieri privi di biglietto”.

Le sue affermazioni hanno generato molto scalpore, soprattutto in virtù della sua nomina a presidente della Commissione diritti umani di Palazzo Madama.[5][6][7][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pucciarelli, la leghista anti-migranti a capo della commissione sui diritti umani. URL consultato il 14 novembre 2018.
  2. ^ Lega, dalle "ruspe nei campi rom" alla Commissione Diritti Umani. Ecco chi è la senatrice Pucciarelli, in Repubblica.it, 14 novembre 2018. URL consultato il 14 novembre 2018.
  3. ^ a b Chi è Stefania Pucciarelli e perché la sua nomina fa discutere, su agi.it, 14 novembre 2018. URL consultato il 4 marzo 2021.
  4. ^ REDAZIONE, Stefania Pucciarelli sottosegretaria alla Difesa: "Emozionata e determinata", su Città della Spezia. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  5. ^ "Bastardi irregolari" e "forni" per i migranti: chi sono i neo-sottosegretari Sasso e Pucciarelli, su Il Fatto Quotidiano, 24 febbraio 2021. URL consultato il 4 marzo 2021.
  6. ^ Giuseppe Gaetano, Pucciarelli, la leghista anti-rom, a capo della Commissione diritti umani, in Corriere della Sera. URL consultato il 14 novembre 2018.
  7. ^ Redazione Gazzetta della Spezia, Pucciarelli - Pecunia, lo scontro corre sul web...almeno per ora. URL consultato il 14 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316765599 · WorldCat Identities (ENviaf-316765599