Sheriff (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sheriff
videogioco
PiattaformaArcade
Data di pubblicazione1979
GenereSparatutto a schermata fissa
OrigineGiappone
SviluppoNintendo
PubblicazioneNintendo, Exidy
Modalità di giocoGiocatore singolo, due giocatori alternati
Specifiche arcade
Risoluzione224 x 256
Periferica di inputJoystick

Sheriff (シェリフ?) è un videogioco arcade prodotto nel 1979 da Nintendo. Distribuito in America settentrionale da Exidy con il titolo di Bandido, è uno dei primi cabinati prodotti dalla software house giapponese.[1][2]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Sheriff vede come protagonista uno sceriffo, costretto a difendersi da una banda di banditi che lo accerchiano sparandogli. Il personaggio giocante può muoversi nelle 8 direzioni, e contemporaneamente sparare in una direzione diversa. Intorno al campo sono sparse quattro carovane con le quali il giocatore può ripararsi momentaneamente dai proiettili nemici. Talvolta alcuni dei nemici faranno una veloce incursione all'interno della zona, costringendo il giocatore a una veloce azione difensiva. Unico bonus che appare nel gioco è un avvoltoio che si presenta nello spazio in alto dello schermo, volando da sinistra a destra, accompagnato da un motivetto speciale: sparandogli vengono accreditati ulteriori punti bonus.

Ulteriori apparizioni e camei[modifica | modifica wikitesto]

  • Oltre alla suddetta versione edita da Nintendo, esiste un bootleg pubblicata da Exidy nel 1980, con il nome Bandido. Questa versione non presenta alcuna differenza a livello grafico, sonoro o di gameplay rispetto alla sua controparte originale.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Darren Calvert, Interview: Nintendo Arcade Collector Shoots From the Hip With Rare Sheriff Cabinet, su NintendoLife, 29 dicembre 2014.
  2. ^ a b (EN) Where Were They Then: The First Games of Nintendo, Konami, and More, su 1UP.com, p. 2 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]