Saverio Giulini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Saverio Giulini
Campanati e Giulini.jpg
Giulio Campanati e Saverio Giulini.
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Milano
Professione Ragioniere
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1926-1927
1927-1928
1928-1929
1929-1930
1930-1933
Seconda Divisione
Prima Divisione
Divisione Nazionale
Serie B
Serie A e B
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro

Saverio Sperandio Giulini (Lodi, 8 gennaio 1903[1]Milano, 22 gennaio 1980[2]) è stato un arbitro di calcio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Apparteneva ad un ramo cadetto della nobile casata dei conti milanesi Giulini[3] e fino a quando è esistito il Regno d'Italia (fino al 1946) veniva sempre citato con il suo titolo nobiliare.

Carriera arbitrale[modifica | modifica wikitesto]

Inizia ad arbitrare nel 1924[4] quale tesserato per l'A.S. Fanfulla di Lodi e quindi indicato sui tabellini come "Giulini di Lodi" oppure "Giulini del Fanfulla", anche se dal 1926 si era trasferito a Milano in via Savona 43.[5]

Incoraggiato a intraprendere la carriera arbitrale dai fratelli Mauro[3] bruciò velocemente le tappe venendo ammesso all'inizio della stagione 1926-1927 dal C.I.T.A. ad arbitrare le gare di Seconda Divisione. La stagione successiva esordisce in Prima Divisione 1927-1928.

Alla 1ª giornata di andata del campionato di Divisione Nazionale 1928-1929, esordisce nella massima serie nazionale dell'epoca arbitrando il 30 settembre 1928 l'incontro Torino-La Dominante (8-1)[6], arrivando a totalizzare 7 gare dirette in quella stagione.[7]

Alla nascita nel 1929 della Serie A, dirige soltanto partite di Serie B[1] arbitrando 10 gare di cui la prima (Biellese-Novara 0-0) il 13 ottobre 1929[8].

In tutto dirige 8 partite di Serie A dalla stagione 1930-1931 al 1932-1933.[1][9] La sua ultima partita del campionato di Serie A la diresse a Vercelli l'11 giugno 1933: Pro Vercelli-Napoli 2-1.[10]

Dirigente sportivo e arbitrale[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 novembre 1927 è tra i fondatori del Gruppo Arbitri Milanesi "Umberto Meazza", presieduto da Alberto Crivelli, mentre a Saverio Giulini venne attribuita la segreteria.[11][12]

Alla fine della carriera arbitrale, nel 1934 è nominato da Giorgio Vaccaro, Presidente della F.I.G.C., membro del consiglio direttivo del Direttorio II Zona (Lombardia)[13], carica che mantenne fino alla fine della stagione 1936-1937.

Saverio Giulini e Umberto II di Savoia.

Sempre Vaccaro e il Presidente del CITA Giovanni Mauro lo nominano membro del C.I.T.A.. Giulini mantiene la carica per 5 stagioni dal 1935-1936 al 1939-1940.[14]

Dopo la guerra, nella stagione 1947-1948 divenne il segretario dell'Associazione Italiana Arbitri[15].

All'inizio della stagione sportiva 1949-1950 è il rappresentante arbitri della Lega Nazionale Italiana[16]. Durante l'assemblea straordinaria del 28 dicembre 1950 succede all'ingegner Piero Pedroni alla Presidenza della Lega Nazionale Italiana[17], carica che gli fu rinnovata fino alla metà della stagione 1957-1958. A causa della crisi post Irlanda del Nord-Italia, la Lega Nazionale, invece di essere commissariata, elesse il 15 gennaio 1958 il nuovo presidente Giuseppe Pasquale.[18]

Furono anni delicati per Saverio Giulini, perché fra la Lega e la F.I.G.C. non c'era spesso identità di vedute.[3] Le schermaglie fra lui e Romolo Ronzio (segretario generale della FIGC) costituivano le principali frizioni fra i due enti federali che Ottorino Barassi (il Presidente FIGC) era spesso chiamato a ricomporre.[3]

Di fatto le doti di equilibrio, saggezza ed estrema compostezza del ragioniere, fecero crescere la credibilità della Lega.[3] Quando gli eventi portarono la Lega a dover fare delle scelte consone ai tempi ormai troppo cambiati rispetto al suo modus operandi ormai troppo obsoleto, il Presidente della Lega si fece da parte congedandosi da gran signore quale era, senza alcuno strepito, oppure contrapposizione, piegandosi al vento del rinnovamento.[3] Fu così che la classe arbitrale, contraria al suo definitivo addio dalle scene calcistiche italiane, decise di riammetterlo nei suoi ranghi dandogli fiducia offrendogli dapprima la gestione commissariale prima della fine della stagione sportiva 1961-1962, per poi eleggerlo per acclamazione alla presidenza dell'AIA[3]. Mantenne la Presidenza dell'AIA dalla stagione 1962-1963[19] fino alla fine della stagione 1971-1972[20] succedendo al commissario Artemio Franchi.[21]

Nei 10 anni della sua presidenza riuscì a ridare all'AIA quell'efficienza che negli ultimi anni era spesso mancata. Dovette cedere la presidenza a Giulio Campanati per motivi di salute.[3] Ristabilitosi, tornava spesso in Sezione per rimanere in contatto con vecchi amici e nuove leve.

Nel 1975 fu eletto quale Presidente della Corte Federale, carica che conservò per la sola stagione 1975-1976.[22]

La morte lo colse presso la Sezione di Milano in via Silvio Pellico, mentre stava giocando a carte con altri ex arbitri, colto da un improvviso malore.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Calcio-seriea.
  2. ^ Stato Civile del Comune di Milano, anno 1980, atto di morte n. 505, 2B - R. 2.
  3. ^ a b c d e f g h i La gazzetta dello sport, necrologio di mercoledì 23 gennaio 1980.
  4. ^ L'Arbitro.
  5. ^ Annuario FIGC 1927, p. 76.
  6. ^ Fontanelli 1928-29, p. 6.
  7. ^ Fontanelli 1928-29, p. 71.
  8. ^ Fontanelli 1929-30, p. 34.
  9. ^ A.I.A. Milano, a p. 58 non lo cita nell'elenco degli arbitri che hanno diretto la Serie A.
  10. ^ Fontanelli 1932-33, p. 41.
  11. ^ A.I.A. Milano, dopo p. 55, II pagina illustrata con fotocopia dell'articolo della Gazzetta.
  12. ^ Aiamilano.it.
  13. ^ Serina.
  14. ^ Barlassina.
  15. ^ Almanacco Rizzoli 1948, p. per la sola stagione sportiva 1947-1948, perché in quella successiva c'è il dott. Mario Antonacci di Roma.
  16. ^ Almanacco Rizzoli 1950, p. 7.
  17. ^ Almanacco Rizzoli 1951, pp. 3 e 7.
  18. ^ Legaseriea.it.
  19. ^ Almanacco Rizzoli 1963, p. 11.
  20. ^ Almanacco Panini 1972, p. 8.
  21. ^ A.I.A. Milano, dopo p. 50, illustrazione I.
  22. ^ Almanacco Panini 1976, p. 3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Saverio Bertazzoni (compilazione a cura di), Annuario Italiano del Giuoco del Calcio 1926-27 e 1927-28 (volume I), Modena, F.I.G.C., p. 76, almanacco conservato dalla Biblioteca estense universitaria di Modena.
  • Pietro Serina, Bergamo in campo - 1905-1994: il nostro calcio, i suoi numeri, Zanica (BG), L'Impronta Edizioni, maggio 1994, p. 932 e 933 in "La storia del Comitato Regionale Lombardo".
  • Carlo Fontanelli, Il Bologna che tremare... - I campionati italiani della stagione 1928-29, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., settembre 2004, p. 6.
  • Carlo Fontanelli, Finalmente Serie A - I campionati italiani della stagione 1929-30, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., 2003, p. 34.
  • Carlo Fontanelli, Potere bianconero - i campionati italiani della stagione 1932-33, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., settembre 2003, p. 41.
  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1935-1936, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1935, p. 5 (direttivo del C.I.T.A.), conservato presso la Biblioteca Comunale "Sormani" e Biblioteca Nazionale Braidense, entrambe di Milano.
  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1936-1937, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1936, p. 5 (direttivo del C.I.T.A.), conservato presso la Biblioteca Comunale "Sormani" e Biblioteca Nazionale Braidense, entrambe di Milano.
  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1937-1938, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1937, p. 7 (direttivo del C.I.T.A.), conservato presso la Biblioteca Comunale "Sormani" e Biblioteca Nazionale Braidense, entrambe di Milano.
  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1938-1939, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1938, p. 7 (direttivo del C.I.T.A.), conservato presso la Biblioteca Comunale "Sormani" e Biblioteca Nazionale Braidense, entrambe di Milano.
  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1939-1940, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1939, p. 7 (direttivo del C.I.T.A.), conservato presso la Biblioteca Comunale "Sormani" e Biblioteca Nazionale Braidense, entrambe di Milano.
  • Almanacco illustrato del calcio 1948, Milano, Rizzoli Editore, 1947, p. 13.
  • Almanacco illustrato del calcio 1950, Milano, Rizzoli Editore, 1949, p. 17.
  • Almanacco illustrato del calcio 1951, Milano, Rizzoli Editore, 1950, pp. 3 e 7.
  • Almanacco illustrato del calcio 1963, Milano, Rizzoli Editore, 1962, p. 11.
  • Almanacco illustrato del calcio 1972, Modena, Edizioni Panini, 1971, p. 8.
  • Almanacco illustrato del calcio 1976, Modena, Edizioni Panini, 1975, p. 3.
  • La gazzetta dello sport, Milano, dal 1898 a oggi, giornale sportivo conservato microfilmato dalla Biblioteca Nazionale Braidense a Milano nella "Mediateca Santa Teresa" in Via Moscova 28, oppure dalla Biblioteca comunale centrale di Milano a Palazzo Sormani.
  • AA.VV., Associazione Italiana Arbitri - 75 anni di storia, Milano, Vallardi & Associati, aprile 1987.
  • Arbitri a Milano...ancora in campo 1911 · 2011, Milano, Sezione Umberto Meazza, 2011, pp. 47, dopo la 50 illustrazione I (elenco presidenti AIA e commissari reggenti), II (i segretari dell'AIA), VII (foto), 70 (albo d'onore) e dopo la p. 72 I (sua foto con Umberto II di Savoia).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]