Saldatura laser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un robot mentre realizza una saldatura laser

La Saldatura laser è una tecnica di saldatura usata per unire multipli pezzi di metallo con l'uso di un laser. Il raggio fornisce un sorgente concentrata di calore, che consente una saldatura sottile e profonda, e un alto rapporto di saldatura. Il processo è usato frequentemente in applicazioni ad alto volume, come l'industria automobilistica.

Operazione[modifica | modifica wikitesto]

Come la saldatura a fascio elettronico, la saldatura laser ha un'alta densità di potenza (dell'ordine 1 MW/cm²), risultante in piccole zone riscaldate con alta velocità di riscaldamento e di raffreddamento. La dimensione del raggio laser può variare tra 0.2 mm e 13 mm; solo le dimensioni più piccole sono usate per la saldatura dei metalli con alta temperatura di fusione. La profondità della penetrazione è proporzionale alla potenza fornita, ma dipende anche dalla posizione del punto focale: la penetrazione è massima quando il punto focale è posto leggermente a distanza dalla superficie del pezzo da saldare.

Esistono 3 meccanismi di fusione del metallo:

  • Per vaporizzazione
  • Per fusione
  • Per combustione[1]

Problemi[modifica | modifica wikitesto]

È una tecnologia che ha pochissimi problemi o difetti nel giunto. Presenta molte difficoltà nell'uso pratico il che la rende difficile nella diffusione nel mondo generico.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ saldature laser. URL consultato il 30 agosto 2013.
  2. ^ saldature laser. URL consultato il 30 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]