Assonometria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Proiezione in assonometria

L'assonometria (o proiezione assonometrica, dal greco áxon = asse e métron = misura, cioè misura in base agli assi) è un metodo di rappresentazione grafica trattato dalla geometria descrittiva. Fu formalizzata dall'inglese William Farish nella prima metà dell'Ottocento. Rappresentazioni assonometriche erano già utilizzate nel tardo medioevo per la realizzazione di fortezze militari ma venivano derivate dalla prospettiva tanto da essere chiamate prospettive militari[1].

L'assonometria si basa sull'utilizzo di tre assi geometrici (semirette) che hanno un unico punto di origine O e sui quali sono riportate le tre dimensioni che un oggetto possiede nello spazio reale.

Il principio alla base dell'assonometria è la proiezione di un oggetto geometrico su un piano (piano di proiezione o quadro), lungo la direzione determinata da un punto improprio (retta di proiezione o centro di proiezione), cioè posto all'infinito. Una caratteristica dell'assonometria è di poter rappresentare contemporaneamente tutte le dimensioni di un oggetto.

Differisce dalla prospettiva poiché non rappresenta ciò che l'occhio effettivamente vede: in particolare le linee parallele rimangono parallele e gli oggetti distanti non si riducono di dimensioni. Può essere considerata una prospettiva conica il cui centro è stato posto all'infinito, cioè molto lontano dall'oggetto osservato.

Un'assonometria viene detta ortogonale oppure obliqua a seconda che il raggio di proiezione sia o meno ortogonale al piano di proiezione. Inoltre, a seconda delle riduzioni assonometriche (ovvero la modifica di alcune lunghezze delle tre rette del sistema di riferimento), un'assonometria, tanto ortogonale che obliqua, può essere monometrica, dimetrica oppure trimetrica.

Assonometria obliqua[modifica | modifica wikitesto]

Si ha l'assonometria obliqua quando il raggio di proiezione è obliquo rispetto al quadro di proiezione. In considerazione del fatto che il quadro può essere parallelo ad un piano del triedro di riferimento (xyz), o incidente a tutte le sue facce, l'assonometria può essere rispettivamente di due tipi: l'assonometria cavaliera e l'assonometria generica.

Le proiezioni oblique si basano sul Teorema di Polke, secondo il quale ogni tripla di vettori complanari può essere sempre ottenuta come una proiezione di una tripla di vettori ortogonali tra loro, posti nello spazio euclideo.

Assonometria cavaliera[modifica | modifica wikitesto]

L'assonometria cavaliera[2] è un tipo di assonometria obliqua in cui il piano di proiezione (detto anche quadro) è parallelo a uno dei tre piani del sistema di riferimento.[3]

Assonometria cavaliera frontale[modifica | modifica wikitesto]

Assonometria cavaliera frontale di una casetta. Nota: non è stato compiuta nessuna riduzione assonometrica sull'asse y, dunque la casetta pare allungata

L'assonometria cavaliera viene detta frontale se il piano di proiezione è verticale (xz o yz).

Siccome il quadro è parallelo al piano verticale, il prospetto frontale mantiene la vera forma e misure. Un'assonometria cavaliera può essere quindi solo isometrica o dimetrica.

Per convenzione nella "cavaliera rapida" l'asse perpendicolare al quadro (asse y) viene inclinato 45° rispetto all'asse orizzontale. Inoltre, per non renderla innaturale all'occhio umano, si compie una riduzione assonometrica dimezzando le misure relative all'asse y.

L'assonometria cavaliera rapida viene utilizzata di frequente a motivo della sua facilità di costruzione, ma è possibile rappresentare l'asse y inclinato e con misure a piacere, purché proporzionali.

Assonometria cavaliera militare[modifica | modifica wikitesto]

Assonometria cavaliera militare di una casetta

L'assonometria cavaliera viene detta militare se il piano di proiezione è orizzontale.

Siccome il quadro è parallelo al piano orizzontale, la pianta mantiene la vera forma e misure. Per questo motivo era usata nel passato da ingegneri militari per rappresentare rapidamente l'estensione di fortificazioni.

Per rendere l'assonometria più compatta, si può compiere una riduzione assonometrica dimezzando le misure relative alle altezze (asse z).

L'assonometria cavaliera militare che non ha subito riduzioni sull'asse z è detta semplicemente assonometria monometrica.

Assonometria generica[modifica | modifica wikitesto]

In essa gli assi della terna di riferimento xyz formano angoli diversi con il quadro. Si differenzia dall'assonometria trimetrica ortogonale (vedi sotto) per il fatto che l'immagine O' dell'origine O degli assi xyz non coincide con l'ortocentro del triangolo delle tracce txy, txz, tyz. Parte dalla direzione di proiezione che è obliqua rispetto al quadro.

Assonometria ortogonale[modifica | modifica wikitesto]

Si ha l'assonometria ortogonale quando i raggi proiettanti sono ortogonali al quadro di proiezione, il quale tuttavia deve essere inclinato rispetto ai tre piani di riferimento. A seconda degli angoli che forma il quadro con gli assi di riferimento xyz, l'assonometria ortogonale può essere isometrica, dimetrica o trimetrica.[4]

Assonometria isometrica[modifica | modifica wikitesto]

Una rappresentazione in assonometria trimetrica, dimetrica e isometrica

Un'assonometria è detta isometrica quando gli assi formano tra loro tre angoli uguali.

Il termine "assonometria isometrica" viene spesso usato per indicare l'assonometria ortogonale isometrica. In questo caso il quadro di proiezione è inclinato in egual misura rispetto a tutti e tre i piani principali e quindi il triangolo delle tracce è un triangolo equilatero. Siccome gli assi formano tre angoli uguali, i rapporti di riduzione lungo i tre assi sono uguali tra loro. Molto spesso, per comodità, vengono riportate direttamente le misure reali causando un leggero ingrandimento della proiezione.

Per una corretta esecuzione, preso come riferimento l'asse verticale z, bisogna tracciare un asse y inclinato di 120° rispetto all'asse verticale che guardi verso destra e un asse x inclinato di 120° rispetto all'asse verticale che guardi verso sinistra.

Assonometria dimetrica[modifica | modifica wikitesto]

Un'assonometria è detta dimetrica quando gli assi formano tra loro due angoli uguali ed uno diverso.

Il termine "assonometria dimetrica" viene spesso utilizzato per indicare l'assonometria ortogonale dimetrica. In questo caso il quadro di proiezione è inclinato in egual misura rispetto a due piani ma non al terzo e quindi il triangolo delle tracce è un triangolo isoscele. Siccome due dei tre assi formano lo stesso angolo con il piano di proiezione, i rapporti di riduzione saranno medesimi sui due assi e diversi sull'altro.

Assonometria trimetrica[modifica | modifica wikitesto]

Un'assonometria viene detta trimetrica quando gli assi formano tra loro tre angoli diversi.

Il termine "assonometria trimetrica" indica spesso l'assonometria ortogonale trimetrica. In questo caso il quadro di proiezione è diversamente inclinato rispetto tutti e tre i piani e quindi il triangolo delle tracce è un triangolo scaleno. Siccome gli assi formano tra loro tre angoli diversi i rapporti di riduzione saranno diversi su tutti e tre gli assi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. Massimo Scolari, Elementi per una storia dellaxonometria.
  2. ^ Il termine francese cavalier indicava una collina artificiale posta all'interno di una fortificazione militare che permetteva di vedere al di là delle mura la zona sottostante. Cfr Etymologie des maths
  3. ^ Le proiezioni assonometriche (PDF), su architettura-old.unicampania.it.
  4. ^ C. Bonfigli e C. R. Braggio, Geometria descrittiva e prospettiva, Hoepli, 2000.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica