Roberto III d'Artois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua di Roberto d'Artois a Versailles

Roberto III d'Artois (1287Londra, 1342) fu signore di Domfront, di Conches-en-Ouche, e di Mehun-sur-Yèvre; ricevette in appannaggio nel 1310 la contea di Beaumont-le-Roger come compensazione della mancata assegnazione della contea d'Artois che rivendicava.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Processo di Roberto III d'Artois nel 1329
Edoardo III d'Inghilterra e Roberto III d'Artois

Figlio di Filippo d'Artois signore di Conches-en-Ouche, e di Bianca di Bretagna, figlia del duca di Bretagna Giovanni II, entrambi di ascendenza capetingia, la morte prematura del padre nella battaglia di Furnes contro i Fiamminghi nel 1298 gl'impedì la successione diretta alla contea d'Artois: quando morì anche il nonno Roberto II, alla battaglia di Courtrai quattro anni dopo, fu la di lui figlia Mahaut (chiamata anche Matilde) a prendere possesso dell'eredità e quindi della Contea. Per via della giovane età, Roberto non poté opporsi alla zia nel far valere i diritti ereditati dal padre, e nel corso del tempo il rancore e gli intrighi tra Matilde e Roberto segnarono tutto un periodo di attriti tra Francia ed Inghilterra, appena prima lo scoppio della guerra dei cent'anni.

Grazie al matrimonio con Giovanna di Valois, sorella del re di Francia Filippo VI, Roberto guadagnò una certa influenza in seno al Consiglio reale, e se ne servì per tentare di riprendere a Mahaut, per via legale, quella che considerava come la propria contea.

Dopo la morte di Mahaut, nel 1329, il re di Francia prese la Contea sotto tutela. Forte dell'esempio della successione vigente nella contea delle Fiandre, Roberto ingaggiò una nuova battaglia giudiziaria, giungendo nel 1331 a servirsi di mezzi illeciti: produsse infatti un documento falso, creato dall'avventuriera Jeanne de Divion, attestante la volontà di suo padre per una successione in suo favore. L'intrigo venne scoperto: il falsario venne bruciato sul rogo, Giovanna di Valois fu imprigionata coi figli a Château Gaillard, mentre Roberto, perso il processo e ogni diritto sull'Artois, fu spogliato di ogni bene e messo al bando (1332).

Ebbe così inizio per lui un esilio tra contea delle Fiandre, ducato di Brabante, Avignone, ed infine l'Inghilterra: qui, aggregatosi alla corte di Edoardo III nel 1334[1] o dicembre 1336[2], andò in cerca di vendetta. Diventato uno dei consiglieri più ascoltati di Edoardo, spronò il sovrano inglese a dichiarare guerra per rivendicare la Corona di Francia, e gli fornì preziose informazioni sulla situazione francese, oltre che contatti con la nobiltà del nord del Paese, ostile ai Capetingi.

Fu gravemente ferito nell'ottobre 1342 di fronte a Vienne, mentre combatteva nelle file inglesi. Tornò in Inghilterra per ricevere cure, ma morì poco dopo a Londra[3], ricevendo sepoltura nella cattedrale di San Paolo.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dal suo matrimonio con Giovanna di Valois, figlia di Carlo di Valois e di Caterina I di Courtenay, aveva avuto:

In letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Roberto III d'Artois Padre:
Philippe d'Artois
Nonno paterno:
Roberto II d'Artois
Bisnonno paterno:
Roberto I d'Artois
Trisnonno paterno:
Luigi VIII di Francia
Trisnonna paterna:
Bianca di Castiglia
Bisnonna paterna:
Matilde del Brabante
Trisnonno paterno:
Enrico II di Brabante
Trisnonna paterna:
Maria di Svevia
Nonna paterna:
Amicie de Courtenay
Bisnonno paterno:
Pierre di Courtenay
Trisnonno paterno:
Robert di Courtenay
Trisnonna paterna:
Matilda di Mehun
Bisnonna paterna:
Pétronille di Joigny
Trisnonno paterno:
Gaucher di Joigny
Trisnonna paterna:
Amicie di Montfort
Madre:
Bianca di Bretagna
Nonno materno:
Giovanni II di Bretagna
Bisnonno materno:
Giovanni I di Bretagna
Trisnonno materno:
Pietro I di Bretagna
Trisnonna materna:
Alice di Thouars
Bisnonna materna:
Blanca di Navarra
Trisnonno materno:
Tebaldo I di Navarra
Trisnonna materna:
Agnes di Beaujeu
Nonna materna:
Beatrice d'Inghilterra
Bisnonno materno:
Enrico III d'Inghilterra
Trisnonno materno:
Giovanni d'Inghilterra
Trisnonna materna:
Isabella d'Angoulême
Bisnonna materna:
Eleonora di Provenza
Trisnonno materno:
Raimondo Berengario IV di Provenza
Trisnonna materna:
Beatrice di Savoia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jean Favier, La guerre de Cent Ans, Fayard, 1980, pag.47.
  2. ^ André Castelot e Alain Decaux Histoire de la France et des Français au jour le jour, volume 3: 1270 à 1408, parte 2, pag. 34.
  3. ^ Jacques Vivent, La guerre de Cent Ans, 1954, pag. 73
  4. ^ a b Se ne ha notizia perché nominato in alcuni rendiconti per gli anni 1346-47. Vittima molto probabilmente della Peste nera di quegli anni, fu prigioniero a Nemours (1342), poi con la madre ed il fratello a Château-Gaillard

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN81904367 · ISNI: (EN0000 0000 5889 5215 · LCCN: (ENno2009049300 · GND: (DE137763085 · BNF: (FRcb13755838x (data) · CERL: cnp01372604
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie