Robert Stuart d'Aubigny

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Stuart d'Aubigny
Robert Stewart d'Aubigny.jpg
1470 - 1544
Dati militari
Paese servito Francia
Grado Maresciallo di Francia
Guerre Guerra d'Italia del 1494-1498
Battaglie battaglia di Seminara

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Robert Stuart d'Aubigny, conte di Beaumont-le-Roger, signore di Aubigny (14701544), è stato un militare francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine scozzese, era il secondo figlio di John, e nipote di Alan Stuart conte di Lennox († 1439), e di Catherine Seton.

Prese servizio nel 1493 nel corpo delle Cento Guardie scozzesi della guardia reale comandata da suo fratello Guglielmo.

Spesso confuso col suo parente Beraud Stuart d'Aubigny (1451-1508) e suocero, avendone sposato la figlia ed erede di nome Anne, fu anch'egli al servizio dei re di Francia Carlo VIII e Luigi XII, quando suo suocero Beraud era connestabile del Regno delle Due Sicilie ed ebbe grande parte durante la vittoriosa battaglia di Seminara del 1495.

Prese parte alle guerre d'Italia, distinguendosi nella difesa di Novara nel giugno del 1513 e partecipando alla presa di Bologna, di Genova e in seguito alla battaglia di Agnadello e alla battaglia di Ravenna. Nel 1501 eseguì l'ordine di distruzione di alcuni feudi dei Colonna nello Stato Pontificio, tra cui Marino e Cave.

Fece rientro in Francia nel 1513 con l'armata comandata da Louis de la Trémoille e fu nominato Maresciallo di Francia nel 1514 e il re Francesco I lo riconfermò l'anno seguente.

Comandante dell'armata di spedizione in Italia, prese parte alle battaglie di Marignano il 13 e il 15 settembre 1515 e di Pavia, il 24 febbraio 1525.

Fu al servizio nuovamente di Francesco I durante la guerra di Provenza del 1536; morì nel 1544.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A.MICELI di SERRADILEO, Beraud Stuart d'Aubigny al servizio della Francia nelle guerre d'Italia tra il XV e il XVI secolo, in "Archivio Storico per le Province Napoletane" volume CXVIII, 2000, pp. 105-134.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 171676484 · LCCN: no2011101189 · GND: 1013054652