Rima San Giuseppe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rima San Giuseppe
comune
Rima San Giuseppe – Stemma
Rima San Giuseppe – Veduta
La chiesa parrocchiale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Vercelli-Stemma.png Vercelli
Amministrazione
Sindaco Mario Rosa (lista civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 45°53′N 8°00′E / 45.883333°N 8°E45.883333; 8 (Rima San Giuseppe)Coordinate: 45°53′N 8°00′E / 45.883333°N 8°E45.883333; 8 (Rima San Giuseppe)
Altitudine 1 411 m s.l.m.
Superficie 36,02 km²
Abitanti 56[1] (28-2-2017)
Densità 1,55 ab./km²
Frazioni Rima
Comuni confinanti Alagna Valsesia, Boccioleto, Carcoforo, Macugnaga (VB), Mollia, Rimasco, Riva Valdobbia
Altre informazioni
Cod. postale 13026
Prefisso 0163
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 002111
Cod. catastale H291
Targa VC
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti rimesi
Patrono santa Maria Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rima San Giuseppe
Rima San Giuseppe
Sito istituzionale

Rima San Giuseppe (Arimmu o Ind Rimmu in walser, Rima in piemontese) è un comune italiano di 56 abitanti della provincia di Vercelli, in Piemonte, attraversato dal torrente Sermenza.

È il comune più alto della provincia di Vercelli, con i 1.417 metri della frazione Rima, dove si trovano il museo della Casa del marmo, o "Museo del Marmo Artificiale", e la Gipsoteca Della Vedova.

La parte più alta del territorio di Rima San Giuseppe è compresa nel Parco naturale Alta Valsesia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Viene fondata nella seconda metà del XIV secolo da Walser provenienti da Alagna Valsesia, scesi dal Colle di Mud, e conserva importantissime testimonianze.

Tra i suoi cittadini più famosi:

  • Antonio De Toma (1821-1895), industriale
  • Pietro Della Vedova (1831-1898), architetto e scultore
  • Pietro Axerio Piazza, conosciuto con il soprannome Piaru van d’ Piazu (1827-1905), imprenditore e poeta walser di Rima (detto anche ticcio) nella cui lingua scrisse le "gladie", canzonette in cui esprimeva l'amore per la sua terra.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Pier Benedetto Bertoli: Storia di Rima. Roma: Serarcangeli Editore, 1989.
  • Maria Cecilia Axerio: Rima e il suo territorio. La „perla della Valsesia“ tra natura e storia. Novara: Edizioni Millenia, 2000.
  • Enrica Ballarè: La via del Marmo Artificiale di Rima - Da Rima a Bucarest e in Romania tra Otto e Novecento- Zeisciu Centro studi Editore, 2010

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fotografie di Rima

Controllo di autorità VIAF: (EN235260344