Regno quantico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine regno quantico in fisica si riferisce a scale dove gli effetti della meccanica quantistica diventano considerevoli [1][2][3] In genere, questo significa una distanza di 100 nanometri (nm) o meno. Non a caso, questa è la stessa scala della nanotecnologia.

Mentre originano su scala nanometrica, tali effetti possono operare a livello macro. L'esempio classico è il tunneling di elettroni. Anche la maggior parte dei processi fondamentali nell'elettronica molecolare, elettronica organica e semiconduttori organici traggono origine dal regno quantico.

Il regno quantico può anche a volte paradossalmente coinvolgere le azioni a lunga distanza. Per es.

« Il regno quantico coinvolge curiose correlazioni tra eventi lontani. Un esempio ben noto è la versione (1951) di David Bohm del famoso esperimento mentale che Einstein, Podolsky e Rosen proposero nel 1935 (d'ora in poi, esperimento EPR/B). Un certo numero di coppie di particelle sono emesse da una sorgente nel cosiddetto stato di singoletto di spin e corrono in direzioni opposte (vedi la fig. 1 sottostante). Quando le particelle sono molto distanti le une dalle altre, ognuna di esse incontra un'apparecchiatura di misurazione che può essere impostata per misurare i loro componenti di spin lungo varie direzioni. Sebbene gli eventi di misurazione sono distanti tra loro, in modo che nessun segnale più lento della luce o la luce stessa possa viaggiare tra di loro, i risultati della misurazione sono curiosamente correlati. [4] »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mark Anderson 04.11.07, New Experiment Probes Weird Zone Between Quantum and Classical, 04-11-2007. URL consultato il 19-04-2010.
  2. ^ (EN) Nanowires approach the quantum realm, 20-02-2003. URL consultato il 19-04-2010.
  3. ^ (EN) Action at a Distance in Quantum Mechanics, 26-01-2007. URL consultato il 19-04-2010.
  4. ^ (EN) Action at a Distance in Quantum Mechanics, 26-01-2007. URL consultato il 19-04-2010.