Reclutamento del personale dell'intelligence italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il reclutamento del personale dell'intelligence italiana si riferisce alla disciplina della selezione del personale, da impiegare presso i servizi segreti italiani.

Esso è attualmente disciplinato dall'art. 21 della legge 3 agosto 2007, n. 124 (la cosiddetta riforma dell'intelligence italiana del 2007).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Arruolamento[modifica | modifica wikitesto]

La selezione del personale avviene tramite concorso pubblico.[1] La riforma del 2007 ha introdotto inoltre anche l'apertura a civili, che possono ora entrare a farne parte (possono partecipare anche coloro che non siano già lavoratori presso una pubblica amministrazione italiana).

È poi espressamente prevista l'assunzione diretta nei casi di alta e particolare specializzazione per attività assolutamente necessarie all'operatività specifica,[2] anche se la legge affermi che questo tipo di assunzione si intende a tempo determinato.[3] Inoltre sono previste una serie di incompatibilità per particolari soggetti.[4]

Ruolo del personale[modifica | modifica wikitesto]

È previsto un ruolo unico del personale, suddiviso in "funzioni amministrative, operative e tecniche". Lo status giuridico, il trattamento economico e le progressioni del personale sono regolate dal DPCM n. 1 del 23 marzo 2011.

La legge prevede inoltre una sorta di spoils system per la "quota di personale" impiegato in stretta collaborazione con il direttore generale del DIS e con i direttori dei servizi (ossia AISE e AISI): la loro permanenza dipende dalla permanenza in carica dei rispettivi direttori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'art. 97 della Costituzione della Repubblica Italiana al comma 3 afferma che:"Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge. "
  2. ^ Art. 21 comma 2 lett. e) legge 3 agosto 2007, n. 124
  3. ^ Art. 21 comma 2 lett. c) legge 3 agosto 2007, n. 124
  4. ^ Art. 21 commi 10 e 11 legge 3 agosto 2007, n. 124

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]