Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica
Ovale Presidenza Consiglio.svg
StatoItalia Italia
In caricaPietro Benassi[1]
da22 gennaio 2021
Istituito13 agosto 2007
SedePalazzo delle Casse di Risparmio Postali, Roma
IndirizzoPiazza Dante, 25
Sito webwww.sicurezzanazionale.gov.it/sisr.nsf/organizzazione/la-nostra-organizzazione-2/autorita-delegata.html

L'Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica è un organo di direzione politica e di indirizzo della Presidenza del Consiglio dei ministri, nell'ambito delle strutture d'intelligence dei servizi segreti italiani.

Ad essa risponde il Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu previsto con la Riforma dell'intelligence italiana del 2007, pubblicata in Gazzetta ufficiale il 13 agosto 2007. Nell'ottobre 2007 l'allora capo del governo Romano Prodi delegò il sottosegretario Enrico Micheli[2]

Nel 2011 il Presidente del consiglio Mario Monti inizialmente non delegò, mantenendo le sue prerogative sull'intelligence italiana. Nel 2018, anche il Presidente del consiglio Giuseppe Conte inizialmente non nominò un'autorità delegata, mantenendone la responsabilità nelle sue mani fino al gennaio 2021.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La legge 3 agosto 2007 n. 124 all'art. 3, ne prevede l'eventuale istituzione, con una nomina da parte del Presidente del consiglio dei ministri, che - come dice la parola stessa - può delegare le sue prerogative in materia a un ministro senza portafoglio o a un sottosegretario di Stato alla Presidenza, il quale - per l'appunto - in questo caso assume la denominazione di Autorità delegata nello specifico ambito normativo e operativo. Viene fatta fatta eccezione per quelle riservate in via esclusiva allo stesso Presidente del Consiglio dei Ministri, dall'art. 1, comma 1, della medesima legge.

L'Autorità delegata fa parte del Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica (CISR) e presiede il Collegio di vertice, composto dal Direttore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza e dai Direttori dell'AISE (Agenzia informazioni e sicurezza esterna) e dell'AISI (Agenzia informazioni e sicurezza interna).[3]

Il delegato durante l'incarico non può esercitare ulteriori funzioni di governo.

Autorità delegata[modifica | modifica wikitesto]

Nome Mandato Governo
Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica
Enrico Micheli 26 ottobre 2007 - 8 maggio 2008 Governo Prodi II
Gianni Letta 8 maggio 2008 - 16 novembre 2011 Governo Berlusconi IV
Mario Monti[4] 16 novembre 2011 - 14 maggio 2012[5] Governo Monti
Gianni De Gennaro 14 maggio 2012 - 28 aprile 2013 Governo Monti
Marco Minniti 17 maggio 2013 - 22 febbraio 2014 Governo Letta
22 febbraio 2014 - 12 dicembre 2016 Governo Renzi
Luciano Pizzetti 29 dicembre 2016 - 1º giugno 2018 Governo Gentiloni
Giuseppe Conte[4] 1º giugno 2018 - 22 gennaio 2021 Governo Conte I,
governo Conte II
Pietro Benassi dal 22 gennaio 2021 Governo Conte II

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Mosca, Stefano Gambacurta, Giuseppe Scandone, Marco Valentini, I Servizi di informazione e il segreto di Stato (Legge 3 agosto 2007, n. 124), Giuffrè, Milano 2008, ISBN 88-14-14724-8, Pp. XXVIII - 1.046

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]