Reš (lettera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Fenicio Ebraico Corsivo
Resh ר ר Hebrew letter Resh handwriting.svg

Reš o Resh (ר, pronuncia /r/) è la ventesima lettera dell'alfabeto ebraico.[1] È inoltre presente in alcuni alfabeti semitici nell'ordine abjad, come quello fenicio (Phoenician res.png), quello aramaico e arabo (rāʾ ر). Il suo valore fonetico fa parte di alcune consonanti rotiche, tra cui: [ r ] o [ ɾ ], ma anche [ ʁ ] o [ ʀ ] in ebraico (vibrante uvulare). Questa lettera è imparentata con ρ dell'alfabeto greco, con r dell'alfabeto latino e р del Cirillico.[2]

Origini[modifica | modifica sorgente]

La parola resh si assume usualmente che sia proveniente dal pittogramma di una testa, a riflettere il protosemitico *raʾ(i)š-. La parola imparentata semitico-orientale, rēš-, è una delle possibili letture fonetiche del segno cuneiforme sumero "testa" (SAG 𒊕, B184ellst.png) in lingua accadica.

Nella maggioranza degli alfabeti semitici, la lettera resh (e suoi equivalenti) è notevolmente simile alla lettera daleth (e suoi equivalenti). Nell'alfabeto siriaco, le lettere sono talmente simili che ora vengono distinte unicamente da un punto: resh ha il punto sopra la lettera stessa, mentre la dalet si distingue dal punto sotto la lettera stessa. Nell'alfabeto arabo, rāʼ ha una coda più lunga della dāl.

La lettera fenicia ha dato origine al greco Rho (Ρ), etrusco r EtruscanR-01.svg, latino R e cirillico Р.

Resh ebraica[modifica | modifica sorgente]

Varianti ortografiche
Vari font tipografici Corsivo
ebraico
Carattere
Rashi
Serif Sans-serif Monospazio
ר ר ר Hebrew letter Resh handwriting.svg Hebrew letter Resh Rashi.png

Ortografia ebraica compitata: רֵישׁ

In ebraico, Resh rappresenta una consonante rotica che ha usi differenti in differenti dialetti:

Resh, insieme a Ajin, Aleph, He e Het, è una delle lettere che convenzionalmente non assume un punto dagesh. Nella tradizione ebraica yemenita, la Resh viene usata come la maggioranza delle consonanti, in quanto può assumere un punto dagesh hazak in alcune circostanze. Inoltre, nella versione della Bibbia (Tanakh) accettata dalla maggioranza degli ebrei, esistono 17 casi in cui la Resh è segnata da un punto dagesh.[3]

Nella ghematria, Resh rappresenta il numero 200 (duecento).[4]

Come abbreviazione[modifica | modifica sorgente]

Resh come abbreviazione indica la parola "Rabbi" (o Rav, Rebbe, Rabban, Rabbenu, e altre costruzioni simili).

Si può riscontrare una Resh dopo il nome di una persona su una lapide tombale per indicare che tale persona era un rabbino o anche un Rav, termine generico per "insegnante/maestro" o guida spirituale.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il termine fenicio più vicino a resh è rosh (ראש) che significa testa
  2. ^ Ladefoged, Peter & Ian Maddieson (1996), The sounds of the world’s languages, Oxford: Blackwells. ISBN 0-631-19814-8
  3. ^ Genya Nahmani Greppi, Grammatica ebraica, Vallardi, 2005, ss.vv. ISBN 978-8882119546. Vedi anche Pietro Magnanini & P. Paolo Nava, Grammatica della lingua ebraica, ESD, 2008. ISBN 978-8870946826
  4. ^ Tabella della Ghematria.
  5. ^ s.v. "Rabbi/Rav", su Jewish Encyclopedia.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica