Rdio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rdio
URL www.rdio.com
Tipo di sito Streaming
Registrazione libera
Proprietario Rdio Inc.
Creato da
Lancio 3 agosto 2010
Stato attuale inattivo
Slogan Discover music.

Rdio era un servizio musicale on demand che offre lo streaming di una selezione di brani di varie case discografiche ed etichette indipendenti[senza fonte].

Dispositivi[modifica | modifica wikitesto]

Presentandosi come applicazione web, Rdio è accessibile da qualsiasi dispositivo in grado di connettersi a Internet e visualizzare pagine web con contenuto HTML5, compresi i computer equipaggiati con Microsoft Windows, macOS o Linux e un browser recente. È stata distribuita l'applicazione per dispositivi mobili equipaggiati con iOS (iPod/iPhone/iPad), Android, Windows Phone e BlackBerry[1]. Rdio è inoltre disponibile, senza necessità di computer o smartphone, su diversi sistemi audio per la casa[1].

Per Microsoft Windows e macOS sono disponibili applicazioni desktop[1].

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

DIffusione

Rdio è disponibile nei seguenti Paesi[2]:

Piani tariffari[modifica | modifica wikitesto]

Esistono tre diversi piani tariffari nell'offerta Rdio[3]. È disponibile un piano gratuito.

Nome Prezzo Senza pubblicità Tempo di ascolto (primi sei mesi) Tempo di ascolto Caratteristiche premium
Piano Free Gratis No No  ?  ? X mark.svg No
Web 4,99 € al mese  ? Si Illimitato Si Illimitato X mark.svg No
Unlimited 9,99 € al mese  ? Si Illimitato Si Illimitato Si [4]

Era originariamente previsto un abbattimento tariffario "per famiglie", ma non è stato presentato sul mercato italiano[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Rdio - Apps, rdio.com. URL consultato il 6 aprile 2013.
  2. ^ (EN) Rdio - Availability, rdio.com. URL consultato il 6 aprile 2013.
  3. ^ (EN) Rdio - Pricing, rdio.com. URL consultato il 6 aprile 2013.
  4. ^ Compreso il supporto ai dispositivi mobili.
  5. ^ Rdio Launches First Ever Free, On-Demand Music Streaming - Without Ads, rdio.com, 6 ottobre 2011. URL consultato il 6 aprile 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]