Raspbian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raspbian
Logo
Raspbian-Desktop Version 2015-09-25.png
SviluppatoreRaspberryPi Foundation
Famiglia SODebian GNU/Linux
Release corrente8.3.0 (23 Settembre 2016)
Tipo di kernelLinux (ARM)
Piattaforme supportateRaspberry Pi
Gestore dei pacchettiAdvanced Packaging Tool
Interfacce graficheLightDM
Tipologia licenzaSoftware libero
LicenzaGNU GPL
Stadio di sviluppoSviluppo
Sito web

Raspbian è un sistema operativo basato sui rilasci ufficiali di Debian per l'Architettura ARM (armhf), adattato per l'utilizzo su Raspberry Pi.[1][2]

Principali modifiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra le note più importanti si trova la modifica dell'interfaccia grafica da GDM3 a LightDM, che consente di alleggerire il carico della CPU nell'esecuzione del sistema. Oltre a questo si trova l'aggiunta in APT di alcuni repository, ufficiali e non, contenenti quasi tutti i pacchetti ricompilati nella corretta architettura.

Viene inoltre aggiunto il logo del progetto, un lampone, sia come sfondo del desktop che come contorno della shell durante il caricamento del sistema.

Nella release del 23 settembre 2016, viene aggiunto una versione modificata di X server chiamata "Pixel", oltre a una splashscreen all'avvio del sistema operativo.

Configurazione[modifica | modifica wikitesto]

In Raspbian è integrato raspi-config, uno strumento ad interfaccia a riga di comando per gestire in modo accessibile agli utenti varie configurazioni, quali il cambio della password, della lingua, della configurazione della tastiera e del metodo di avvio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) About Raspbian, su raspbian.org. URL consultato il 12 novembre 2016.
  2. ^ (EN) ArmHardFloatPort, su wiki.debian.org. URL consultato il 12 novembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica