Ranieri de' Calzabigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ranieri Simone Francesco Maria de' Calzabigi (Livorno, 23 dicembre 1714Napoli, luglio 1795) è stato un poeta e librettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente fu avviato agli affari commerciali, affinché aiutasse il padre.

Calzabigi studiò probabilmente a Livorno per gli studi letterari e a Pisa per quelli scientifici e col nome di Liburno Drepanio fu membro dell'Accademia Etrusca di Cortona e dell'Accademia dell'Arcadia.

Nel 1743 prestò servizio in un ministero a Napoli, dove iniziò a dedicarsi all'attività librettistica. A causa del suo coinvolgimento in un processo per veneficio dovette lasciare la città e quindi si recò a Parigi, ove conobbe Giacomo Casanova: i due strinsero amicizia e insieme conclusero alcuni affari, tra cui una lotteria. In questo periodo Ranieri produsse la poesia eroicomica La Lulliade, una parodia della carriera di Jean-Baptiste Lully, che è una palese allusione alla problematica estetica e culturale della Querelle des Bouffons. Nel 1755 pubblicò una ristampa dei lavori dell'amico Pietro Metastasio.

Dopo aver lasciato la Francia, nel 1761 fu a Vienna per rivestire la carica di consigliere alla Camera dei Conti dei Paesi Bassi e più tardi quella di consigliere di S.M.I.R. Apostolica. Grazie all'intermediazione del conte Giacomo Durazzo, il direttore del teatro di corte viennese, poté conoscere Christoph Willibald Gluck e Gasparo Angiolini. Per Gluck scrisse tre libretti d'opera, Orfeo ed Euridice (1762), Alceste (1767) e Paride ed Elena (1770), e contribuì attivamente con forza e vigore, grazie soprattutto alla propria efficienza poetica, alla così chiamata riforma gluckiana.

Successivamente, a seguito di uno scandalo, su ordine dell'imperatrice Maria Teresa dovette abbandonare Vienna. Nel 1774 si stabilì a Pisa e nel 1780 a Napoli, dove scrisse i suoi due ultimi libretti, Elfrida (1792) ed Elvira (1794), entrambi musicati da Giovanni Paisiello, e si dedicò alla vita letteraria della città fino alla morte; nella prima metà degli anni ottanta fu uno degli intellettuali incontrati da Vittorio Alfieri e fu l'unico a complimentarsi con lui, assicurandogli che con le sue opere aveva posto il teatro italiano sullo stesso piano di quello francese.[1]

Fece parte della Massoneria, come scrive Gerardo Tocchini:

"In Austria, poi, l'iniziativa di segno massonico era stata all'origine di uno dei grandi eventi culturali del Settecento, la riforma del melodramma, risultato degli sforzi congiunti di un librettista (l'italiano Ranieri de' Calzabigi), e di un musicista (il boemo Christoph Willibald Gluck) massoni alle dipendenze di un direttore dei teatri (il genovese conte Giacomo Durazzo) massone e protetti da un cancelliere imperiale (il principe di Kaunitz) massone, lavoro intrapreso per compiacere un imperatore ( Francesco I) massone: Orfeo e Euridice (1762)"[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ V. Alfieri, Vita scritta da esso, Epoca Prima
  2. ^ Gerardo Tocchini, "Massoneria, pubblici spettacoli e mecenatismo musicale nel Settecento" in:Zeffiro Ciuffoletti e Sergio Moravia ( a cura di), La Massoneria. la storia, gli uomini, le idee, Milano, Mondadori, 2019, p. 68.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario della Musica e dei Musicisti La Garzantina, Milano, Garzanti, 1983- 2005.
  • DEUMM Dizionario enciclopedico universale della musica e dei musicisti, Torino, UTET, 1988.
  • Federico Marri, a cura di, Ranieri Calzabigi fra Vienna e Napoli, atti del convegno di studi, Istituto Superiore di Studi Musicali P. Mascagni di Livorno, Livorno, Libreria Musicale Italiana, 1998.
  • Maurizio Mini, Andrea Pellegrini, Livorno, dalla 'musica americana' al Jazz - La storia, le storie, Livorno, Erasmo, 2013, ISBN 978-88-89530-55-9., Collana Erasmo Musica - I Quadrati, p. 179

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54166081 · ISNI (EN0000 0001 2096 143X · SBN IT\ICCU\CFIV\078166 · LCCN (ENn82033043 · GND (DE118937790 · BNF (FRcb12043580v (data) · BNE (ESXX1098831 (data) · NLA (EN35532222 · BAV (EN495/107032 · CERL cnp00402232 · WorldCat Identities (ENlccn-n82033043