Rana arvalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rana arvale
RanaArvalisSphagnum.JPG
Femmina di Rana arvalis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Sottordine Neobatrachia
Famiglia Ranidae
Genere Rana
Specie R. arvalis
Nomenclatura binomiale
Rana arvalis
Nilsson, 1842
Sinonimi

Rana altaica
Kastschenko, 1899
Rana oxyrrhinus
Steenstrup, 1847
Rana terrestris
Andrzejowski, 1832

Nomi comuni

Rana arvale

La rana arvale (Rana arvalis Nilsson, 1842) è un anfibio appartenente alla famiglia Ranidae, diffuso in Europa.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La rana arvale ha una lunghezza di 4-6,5 cm. Il maschio durante la stagione degli amori cambia colore, diventando spesso blu. La femmina in primavera ha una tonalità di marrone più scura. Il ventre è bianco. Per nuotare si serve delle membrane interdigitali.[3]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

La rana arvale d'inverno va in letargo. Sugli Urali è attiva tra giugno e settembre, più a sud va in letargo da novembre a febbraio. Può vivere fino a 11 anni.[3]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre prevalentemente di invertebrati terrestri. Non si alimenta durante la deposizione delle uova.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Il maschio raggiunge la maturità sessuale a 2-5 anni; le femmine più tardi. Durante la stagione d'accoppiamento le rane arvali si riuniscono in pozze d'acqua poco profonde e i maschi emettono i loro richiami in coro. Le femmine depongono 1000-2000 uova tra marzo ed aprile. Le uova si schiudono dopo 2-3 settimane. La metamorfosi avviene dopo 2-3 mesi dalla schiusa.[3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Si trova in Europa settentrionale, centrale e orientale, spingendosi ad est sino alla estremità orientale della Siberia (Jacuzia e lago Baikal) e alla parte nord-occidentale della Cina (provincia dello Xinjiang).[1]

Popola le zone di brughiera con stagni e paludi.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Sergius Kuzmin et al., 2009, Rana arvalis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ D.R. Frost et al., Rana arvalis, in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 6.0, American Museum of Natural History, New York, 2008.
  3. ^ a b c d David Alderton, Animali, Rusconi Libri, 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Alderton, Animali, Rusconi Libri, 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4282914-8