Providentissimus Deus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Providentissimus Deus
Lettera enciclica
Stemma di Papa Leone XIII
Pontefice Papa Leone XIII
Data 18 novembre 1893
Anno di pontificato XVI
Traduzione del titolo Il Dio provvidentissimo
Argomenti trattati Sugli studi biblici ed esegetici
Enciclica papale nº LI di LXXXVI
Enciclica precedente Non Mediocri
Enciclica successiva Caritatis

Providentissimus Deus è un'enciclica di papa Leone XIII, datata al 18 novembre 1893. È la prima volta che un Papa affronta i temi della Bibbia e degli studi biblici ed esegetici ad essa legati. I medesimi temi verranno ripresi dalle encicliche Spiritus Paraclitus di papa Benedetto XV e Divino Afflante Spiritu di papa Pio XII.

Parlando alla Pontificia Commissione Biblica nel 1993, papa Giovanni Paolo II così si espresse a proposito dell'enciclica di Leone XIII, nel centenario della sua pubblicazione: « La Providentissimus Deus fu pubblicata in un'epoca segnata da forti polemiche contro la fede della Chiesa. L'esegesi liberale forniva a queste polemiche un sostegno importante, poiché essa utilizzava tutte le risorse delle scienze, dalla critica testuale alla geologia, passando per la filologia, la critica letteraria, la storia delle religioni, l'archeologia e altre discipline ancora… L'enciclica invita insistentemente gli esegeti cattolici ad acquisire una autentica competenza scientifica in modo da superare i propri avversari sul loro stesso terreno. “Il primo” modo di difesa, essa dice, “si trova nello studio delle antiche lingue dell'Oriente così come nell'esercizio della critica scientifica”… ».

Argomenti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Parte 1: UTILITÀ MULTIFORME DELLA S. SCRITTURA E STIMA CHE SEMPRE NE EBBE LA CHIESA
    1. La Scrittura è divinamente ispirata
    2. La Scrittura e la predicazione
    3. Le antiche scuole di sacra Scrittura
      1. Orientali e Occidentali
      2. Periodo scolastico
      3. Le università degli studi
  2. Parte II: ORDINAMENTO ATTUALE DEGLI STUDI BIBLICI
    1. Avversari ed errori
    2. Scelta dei docenti
    3. Scrittura e teologia
    4. Investigazione e interpretazione biblica
    5. Scrittura e santi padri
    6. La Scrittura anima della teologia
  3. Parte III: DIFESA DELLA S. SCRITTURA CONTRO GLI ERRORI MODERNI
    1. Integrità dei libri sacri
    2. Lo studio delle lingue orientali
    3. Scrittura e scienze naturali
    4. Scrittura e inerranza
  4. CONCLUSIONE
    1. Impegno nel leggere e diffondere la Scrittura
    2. Elogio ad alcuni cattolici
    3. Norme da seguire
    4. Ultimo motivo e benedizione

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]