Prototype (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prototype
Sviluppo Radical Entertainment
Pubblicazione Activision
Ideazione Eric Holmes
(Capo Sviluppatore)
Data di pubblicazione Giappone TBA 2009
Stati Uniti 9 giugno 2009
PAL 12 giugno 2009
Australia 10 giugno 2009
Genere Azione
Tema Conflitto militare a
New York
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Distribuzione digitale PlayStation Network, Xbox Live, Steam
Supporto Blu-ray Disc, DVD-ROM e Download
Periferiche di input Sixaxis o DualShock 3, Gamepad e Controller Wireless
Seguito da Prototype 2

Prototype è un videogioco action-adventure a giocabilità aperta per le console Sony PlayStation 3, Microsoft Xbox 360 e il sistema operativo Microsoft Windows. Sviluppato da Radical Entertainment e pubblicato da Activision, il gioco è uscito il 12 giugno 2009[1] in Europa e il 9 giugno 2009 in America.[2]

Informazioni sul gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco ci porrà nei panni di Alex Mercer, un umano geneticamente mutato senza memoria del proprio passato, determinato a riacquistare i propri ricordi e capire cosa gli sia successo. Il protagonista si ritroverà in una New York del 2009 flagellata da una battaglia senza esclusione di colpi tra l'esercito americano ed una imponente orda mutante, generata da un'epidemia di uno sconosciuto virus mutageno. Alex potrà fare conto su un'ampia gamma di poteri mutaforma, generati probabilmente dallo stesso virus che infesta le strade di New York, che lo renderanno in grado di mutare il proprio corpo sia per la difesa che per l'attacco.

Il videogioco fa del free-roaming e della distruzione di massa i suoi punti chiave. Prototype promette un'azione frenetica e violenta grazie alle caratteristiche uniche di Alex. Il movimento, ispirato al parkour e coadiuvato dalle abilità mutanti del protagonista, permette al giocatore di muoversi liberamente per l'ampio scenario ed evitare agilmente ogni tipo di ostacolo, lasciandolo così libero di concentrarsi sul combattimento. Si avrà altresì la possibilità di scegliere se "ingannare o distruggere", ovvero se evitare lo scontro diretto e preferire un approccio più tattico e stealth, o di scatenare la potenza devastatrice di Alex su chiunque si pari di fronte a lui.

Gli sviluppatori specificano che Alex Mercer non uccide gli infetti o i militari con lo scopo di salvare la città, ma unicamente per riottenere la memoria, agendo dunque unicamente per il proprio tornaconto; inoltre in uno dei ricordi che Alex potrà acquisire consumando un membro chiave della Trama degli Intrighi, un dottore, si scopre che Alex soffre di personalità maniaco-depressiva i cui sintomi sono "disprezzo psicopatico verso gli altri, visione narcisistica del mondo costellata da disordini ossessivi".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

New York, 2009. Il gioco segue la storia di Alexander J. Mercer, che si sveglia in un obitorio nello stabilimento della GENTEK Corporation, una grande e influente compagnia multinazionale di ingegneria genetica e biologia, con base a Manhattan. Solo e senza memoria, Alex scappa e cerca di recuperare i suoi ricordi per sapere cosa esattamente è successo. Viene però braccato da dei militari lavoranti per un'organizzazione sconosciuta. Affrontandoli, scopre di possedere potenti abilità mutaforma che gli permettono di aumentare velocità, forza, agilità e resistenza, e di "consumare" le persone per acquisire i loro ricordi, abilità e aspetto. Con nessun ricordo della sua vita precedente, Alex è costretto a consumare quelli legati alla cospirazione per scoprire la verità. Durante il suo viaggio, Alex affronta due fazioni agguerrite e spietate: le forze militari statunitensi, tra cui i Marine e la BlackWatch, un'unità senza scrupoli di forze speciali di Fort Detrick dedicata al combattimento biologico; e gli Infetti, mutanti feroci creati da uno strano virus che si sta espandendo in tutta Manhattan seminando il panico assoluto. Il Capitano Robert Cross, un ufficiale BlackWatch, ha l'ordine specifico di trovare e catturare Alex, al quale è stato dato il nome in codice "ZEUS".

Alex si mette in contatto con sua sorella, Dana Mercer, che lo assiste rintracciando per lui gli obiettivi che lo possono legare al proprio passato, guidandolo nell'infiltrazione nei quartier generali della GENTEK. Alex trova una giovane donna di nome Elizabeth Greene, contenuta in isolamento al livello 51 dell'edificio. Greene è portatrice ospite del virus, e una volta liberata per errore da Alex, il quale credeva che lei fosse la chiave di tutto, il virus si propaga su Manhattan. Dana dirige quindi Alex da Karen Parker, la sua ex-ragazza ora dottoressa e scienziata. Ella accetta di aiutarlo a fermare il virus, ma invece lo porta ad una trappola in un alveare infetto dove viene affrontato da Cross. Dopo una lunga battaglia, che vede inizialmente Alex vittorioso, viene iniettato a quest'ultimo un parassita cancerogeno che minaccia di ucciderlo nutrendosi letteralmente della sua linfa vitale e sottraendogli poco alla volta i suoi poteri principali. Alex cerca aiuto dal Dr. Ragland, un patologo legato alla GENTEK. Ragland lo aiuta a rimuovere il parassita e a trasformarlo in un'arma contro Greene. Tuttavia, l'iniezione del parassita su Greene è servita solo a dare vita al Cacciatore Supremo, un essere mostruoso che si scontra con Alex, il quale però riesce, a prima vista, ad ucciderlo.

Con l'accrescere della cospirazione e con l'assistenza di un misterioso contatto, le origini del virus e di Elizabeth Greene vengono a galla: nel 1969 il governo effettuò dei test su un virus che venne denominato "REDLIGHT" ad Hope, in Idaho, creato per colpire razze predeterminate. Il virus però mutò in qualcosa di più pericoloso, finendo col rendere l'intera popolazione infetta. Elizabeth Greene fu la sola sopravvissuta; un'anomalia nella biologia del suo corpo accettò il virus, riscrivendo il suo codice genetico insieme a quello del figlio mai nato, designato come "PARIAH". La restante popolazione di Hope venne liquidata senza pietà dalla BlackWatch. Greene (nome in codice "MADRE") e PARIAH vennero tenuti in cattività per ulteriori ricerche, più avanti in congiunzione con la GENTEK, ed Hope sparì definitivamente dalle carte geografiche in seguito ad un bombardamento nucleare.

Poco dopo Alex scopre il suo passato: la BlackWatch chiuse il progetto della GENTEK (volto alla creazione di un nuovo virus partendo da alcuni ceppi di quello del '69 conservati dal governo) a causa di una fuga di notizie e ordinò l'eliminazione di tutto il personale. L'impiegato della GENTEK a capo di questo progetto, il Dr. Alex Mercer prese campioni del virus (la variante DX-1118, chiamata "BLACKLIGHT") come "assicurazione". Alla fine, messo con le spalle al muro dagli agenti BlackWatch alla Penn Station, decise di portarne con sé quanti più possibile, distruggendo la fiala e rilasciando il virus. Venne prontamente ucciso dai soldati, e il suo corpo collassò sulla fiala rotta. Il virus quindi consumò fulmineamente il corpo di Alex, usando le sue cellule per preservare la sua esistenza e creare una nuova entità con abilità inumane. Viene successivamente scoperto che fu questo a causare l'infezione che sta propagando per Manhattan, che passò da Mercer al resto della popolazione. Svegliandosi poi nell'obitorio a inizio gioco, il clone del virus, ZEUS, si riteneva Alex Mercer.

Alex, sotto consiglio del suo contatto, pompa il nuovo agente biologico "BLOODTOX" (sostanza gassosa creata per ucciderlo, a cui però Alex ha sviluppato l'immunità) nel sottosuolo di Times Square, nel tentativo di far emergere il virus nascosto in superficie, dove può essere combattuto direttamente, causando l'emersione di Elizabeth Greene come un'enorme mostruosità. Greene passa dalla forma mostruosa a forma umana una volta sconfitta, e viene consumata da Alex. Attraverso i suoi ricordi apprende che il Generale Peter Randall, a capo della BlackWatch, si sta preparando a distruggere Manhattan con un dispositivo nucleare, proprio come successe 40 anni fa ad Hope. Il contatto, rivelatosi essere Cross, e Alex si infiltrano sulla portaerei USS Reagan per fermarlo. Una volta a bordo, Alex consuma Randall, ma Cross si rivela essere il Cacciatore Supremo Ibrido, essendo sopravvissuto alla battaglia precedente e ha consumato il vero Cross per avvicinarsi a Mercer in un tentativo di consumarlo e diventare ancora più potente, e sopravvivere così all'esplosione imminente. Mercer sconfigge il Cacciatore Supremo Ibrido e getta la bomba nell'Atlantico, dove esplode senza causare vittime, ma l'onda d'urto colpisce l'elicottero dove si trova Alex, distruggendolo. I suoi resti volano fino in città, dove si rigenera dopo aver consumato un corvo. Successivamente, egli riflette su cosa è diventato adesso:

(EN)

« What have I become? Something less than human. But also something more. »

(IT)

« Cosa sono diventato? Qualcosa in meno di un uomo. Ma anche qualcosa in più. »

(Alex Mercer)

Poteri[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore può utilizzare diversi poteri nel gioco, che diverranno sempre più potenti con ogni corpo nemico assorbito; questi poteri sono suddivisi in 4 categorie: attacco, difesa, sensoriali e di camuffamento; inoltre, in alcune circostanze, è possibile eseguire altri attacchi chiamati "distruttori". Per recuperare energia si possono assorbire i militari, i civili, e gli infetti.

I poteri d'attacco comprendono: una lama (Blade) molto grande che sostituisce il braccio destro di Alex, capace di falciare i nemici e distruggere mezzi militari corazzati in un solo colpo; affilati artigli (Claws) per squarciare i nemici (possono inoltre fuoriuscire dal terreno almeno 5 volte più grandi per uccidere enormi gruppi di persone o distruggere carri armati); una frusta (Whipfist) per smembrare e afferrare da lontano i nemici e avvicinarsi rapidamente a mezzi utili; i pugni martello (Hammerfist) per distruggere con facilità i mezzi corazzati; un potenziamento della massa muscolare (Musclemass) che incrementa di molto la forza di attacchi, lanci e precisione di Alex. La maggior parte dei poteri consente di effettuare più mosse: i pugni martello, ad esempio, permettono di eseguire un attacco leggero e uno più lento ma potente.

La difesa comprende uno scudo (Shield), capace di difendere Alex da alcuni attacchi (quando si rompe si deve aspettare che si rigeneri) ed una corazza (Armored form) che modifica la biomassa di Alex e dimezza i danni subiti, a scapito però della sua agilità e velocità.

I poteri sensoriali permettono di usufruire della visione termica e della visione infetta. La termica, naturalmente, permette di individuare i nemici e vedere attraverso il fumo; la visione infetta, invece, permette di vedere tutto ciò di infetto, a partire da civili e soldati, alle cisterne.

Esistono tre attacchi, eseguibili tramite una "scarica adrenalinica", disponibile nel caso in cui la salute è molto bassa o molto elevata: l'Artiglio cimitero, che permette ad Alex di far uscire una cinquantina di artigli giganti dal terreno intorno a lui, e quindi di frammentare ogni cosa; il Caos tentacolare, che fa uscire dal corpo di Alex centinaia di tentacoli che oltrepasseranno i corpi o i veicoli dei nemici, bucandoli, così da disintegrarli; infine il Dolore estremo, simile a caos tentacolare, ma indirizzato verso di un unico bersaglio. Questi tre attacchi, detti "Attacchi Distruttori" possiedono anche una versione aerea.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco tuttavia non risulta essere basato solo sull'aggressività, ma è caratterizzato anche sul camuffamento, che consentirà di prendere le sembianze di una vittima e infiltrarsi dietro le linee nemiche. Per evitare il combattimento con i militari il gioco prevede la trasformazione istantanea in un soldato utilizzando l'assorbimento. Sotto le mentite spoglie di un militare è possibile ordinare un attacco aereo sui propri nemici; quando i militari sono in stato di allerta, è possibile camuffarsi da militare e usare accusare un altro al posto proprio, ingannando i militari e costringendoli ad attaccare il loro compagno.

Nel gioco sarà possibile rubare ai militari due tipi di veicoli, divisi in altrettanti tipi, gli elicotteri sono gli Apache (chiamati nel gioco "bombardieri") e dei Black Hawk (chiamati semplicemente "trasporti"), i mezzi terrestri invece sono: i carri armati M1 Abrams (chiamati semplicemente carri), e M2 Bradley (chiamati APC). Come per l'utilizzo delle armi, i veicoli potranno essere pilotati solo dopo aver assorbito il soldato esperto nell'utilizzo dei suddetti veicoli.

Multiplayer[modifica | modifica wikitesto]

Il Multiplayer era inizialmente previsto nel progetto originale ma è stato poi abbandonato per non rovinare il videogioco con un livello minore rispetto alla cura recata al singleplayer.

Seguito[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Prototype 2.

Ai Video Games Awards 2010, tenutosi a Los Angeles l'11 dicembre, Radical Entertainment ha confermato lo sviluppo di un seguito per Prototype intitolato Prototype 2, che ha visto la pubblicazione nel 2012 da parte di Activision[3].

Già da qualche giorno era stato lanciato, il 6 dicembre, il sito Murderyourmaker.com[4] ("uccidi il tuo creatore"), registrato a nome di Activision che preannunciava la campagna di marketing virale per il seguito di Prototype. Il sito venne poi reindirizzato alla homepage di prototypegame.com dopo l'ufficializzazione al VGA's.

Venne inoltre rilasciato un primo trailer ufficiale che mostra come il nuovo protagonista della storia non sia più Alex Mercer, ma il sergente James Heller, che tornato dalla guerra oltreoceano vuole vendicarsi di Mercer quale artefice dell'infestazione di New York che gli ha portato via la famiglia e che ha contagiato pure lui[5].

Fumetto[modifica | modifica wikitesto]

Ispirandosi al videogioco la DC Comics, nota azienda statunitense autrice di Batman e Superman, ha realizzato una collana a fumetti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Martin Robinson, Prototype Dated, IGN UK, 8 aprile 2009. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  2. ^ (EN) Aaron James, Prototype ships June 5, releases a week later, XBox Gaming, 8 aprile 2009. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  3. ^ (EN) John Callaham, Prototype 2 announced for 2012 release, Big Download.com, 11 dicembre 2010. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  4. ^ (EN) Murderyourmaker.com. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  5. ^ (EN) David Hinkle, Prototype 2 kills its maker in 2012, Joystiq.com, 11 dicembre 2010. URL consultato il 12 dicembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

PlayStation Portale PlayStation: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di PlayStation