Potere temporale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'espressione potere temporale si usa di solito in riferimento al periodo storico in cui il Papa, oltre ad essere sommo pontefice della Chiesa cattolica, è stato anche sovrano dello Stato Pontificio (752-1870). Il termine "temporale" indica il governo degli uomini (oggi definito "potere politico"). Il termine viene spesso giustapposto a "potere spirituale", ovvero governo delle anime.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alto Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Nei pochi decenni che intercorrono dall'Editto di Milano (313) a quello di Teodosio (380) il cristianesimo passava dalla condizione di tolleranza a quella di privilegio. Nonostante ciò il papa, successore di Pietro, rimaneva un cittadino dell'impero; la sua elezione era sottoposta all'approvazione imperiale. L'imperatore romano manteneva le prerogative di pontifex maximus, secondo una tradizione ormai secolare. Egli poteva intervenire su tutti gli affari della Chiesa e della religione, anche nelle questioni dogmatiche[1]. Alla Sede Apostolica spettava il primato sulle altre sedi patriarcali cristiane, rivendicato per la prima volta da papa Damaso (366-384) e confermato da Leone I (440-461).

Nell'Alto medioevo il venir meno dell'autorità imperiale determinò in Occidente il logoramento di tutte le cariche istituzionali, sia civili che militari. In corrispondenza della scomparsa del Senato e del Praefectus urbi e della cessazione di altre funzioni dell'amministrazione dell'Urbe, aumentarono le prerogative del papa[2]. Con Zaccaria (741-752) e Stefano II (752-757) cominciò il dominio temporale dei papi, che subentrarono al governo imperiale nell'amministrazione del ducato romano, esercitandovi da allora in poi i «diritti concreti legati alla sovranità». Il loro pontificato viene considerato la fase iniziale dello Stato della Chiesa[3].

A livello spirituale, una potestas era riconosciuta, oltre che al papa, a tutti i vescovi; inoltre gli esponenti dell'episcopato erano spesso i detentori di fatto del potere secolare nei territori da loro amministrati. Lo dimostra l'importanza che poi assunse, tra XI e XII secolo, la cosiddetta "lotta per le investiture", ovvero il conflitto tra sede romana e impero per la scelta dei vescovi e quindi, di riflesso, il controllo delle sedi ecclesiastiche, ritenute essenziali per il controllo dei territori e l'esercizio della giurisdizione. Nello stesso Stato della Chiesa, l'effettivo potere dei papi, anche dopo le donazioni carolinge, rimase comunque circoscritto al solo territorio del ducato romano.

Basso Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dei secoli XII e XIII, invece, si realizzò un processo di accentramento che si concluse con l'attribuzione al solo pontefice della plenitudo potestatis (pienezza del potere). L'azione di riforma fu avviata da Gregorio VII (Dictatus papae, 1075) ed ebbe come protagonista Innocenzo III (1198-1216). Gregorio VII concepì ed implementò la nuova struttura, accentrata, della Chiesa, che comportava la dipendenza da Roma di tutti i vescovi. Il modello era l'ordine celeste: come Cristo è origine di ogni potestas (in quanto Dio) e, al tempo stesso, titolare di essa in quanto uomo, così il suo vicario in Terra esercita una piena potestà, sia spirituale che secolare. I due poteri rimangono concettualmente distinti, ma sono riuniti entrambi nella persona del pontefice. Egli può delegare l'esercizio del potere secolare all'imperatore (potestas indirecta) e ai re, attraverso la loro legittimazione con la cerimonia dell'incoronazione, salvo revocare la delega e rientrare in possesso dei pieni poteri in seguito a comportamenti in contrasto con il Magistero della Chiesa (potestas directa)[4]. Nel 1302 Bonifacio VIII promulgò la bolla Unam Sanctam Ecclesiam, in cui riaffermò la supremazia del potere spirituale sul potere temporale.

Età moderna[modifica | modifica wikitesto]

Nell'epoca moderna il potere temporale permise alla Chiesa cattolica di conservare l'unità e l'indipendenza, soprattutto nei confronti di Paesi vicini che avrebbero potuto strumentalizzare la protezione militare che offrivano alla Chiesa, e quindi esercitare su di essa un controllo o un vero dominio. In effetti, le Chiese ortodosse e le Chiese protestanti (compresa la Chiesa anglicana), che non hanno mai esercitato un dominio diretto su un territorio, si sono spesso frammentate nel corso dei secoli in chiese nazionali, subordinate all'autorità civile.

Anche la Chiesa cattolica, comunque, nel corso della sua storia millenaria, subì l'influenza di svariate potenze politiche e statali. Lo Stato della Chiesa era nato dopo la fine del dominio bizantino in Italia, per effetto delle donazioni carolinge (VIII secolo). Fin dalla sua origine il papato strinse un'alleanza con il Regno di Francia; il rapporto durò oltre un millennio, protraendosi fino al 1870. Il re di Francia esercitò una lunga influenza sulle scelte del papato, alternando momenti di ingerenza a fasi di minore influenza. Tra le stagioni di ingerenza va citata la cosiddetta "cattività avignonese" (XIV secolo), quando papa Clemente V, francese, ed i successori, decisero di stabilire la propria sede ad Avignone, nel Contado Venassino. Il territorio era formalmente autonomo dal Regno di Francia, ma di fatto il re francese poté esercitare la propria influenza sulle scelte del papato.

A partire dal XVI secolo la Chiesa ricevette un fermo sostegno da parte degli Asburgo di Spagna e d'Austria, allora all'apice della propria potenza. I rapporti con la Spagna furono vantaggiosi per la Chiesa, ma conobbero anche momenti negativi. La Spagna, potenza egemone in Italia dopo la battaglia di Pavia (1525), se da una parte schiacciò con estremo rigore ogni opposizione papale alla propria politica di potenza nella penisola (sacco di Roma, 1527) dall'altra ne puntellò il potere sia in funzione antiveneziana, sia come baluardo del cattolicesimo e della stessa monarchia asburgica. La decadenza dell'Impero ispanico, già chiaramente percepibile attorno all'inizio degli anni quaranta del XVII secolo e sancita definitivamente con la Pace di Vestfalia, si ripercosse negativamente sullo Stato della Chiesa, costretto a patteggiare da posizioni di debolezza con la nuova potenza emergente europea: la Francia di Luigi XIV.

Lo Stato Pontificio ebbe termine il 20 settembre 1870: quel giorno l'esercito italiano entrò in Roma (Presa di Roma) conquistandola e annettendo lo Stato della Chiesa (ridotto al solo Lazio) al Regno d'Italia. Papa Pio IX si ritirò nel palazzo del Vaticano e si dichiarò prigioniero.

Quasi annullato con la legge delle guarentigie (1871), il potere temporale del papato trovò nuova configurazione nei Patti lateranensi (1929), che istituirono lo Stato della Città del Vaticano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massimo Pautrier, I mutamenti istituzionali a Roma tra Tardo-Antico e Medioevo, 2010, pag. 56.
  2. ^ Girolamo Arnaldi, Le origini dello Stato della Chiesa, 1987, UTET Libreria.
  3. ^ Girolamo Arnaldi, Le origini..., cit.
  4. ^ Marco Rizzi, Cesare e Dio, Il Mulino, 2009, pp. 133-36.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenico Demarco, Il tramonto dello Stato Pontificio Torino, Giulio Einaudi editore, 1949.
  • Ludovico Gatto. Storia universale del Medioevo. Roma, Newton & Compton, 2003.
  • Giovanni Tabacco. Storia d'Italia, vol. 1, Dal tramonto dell'impero fino alle prime formazioni di Stati regionali. Torino, Einaudi, 1974.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]