Polynesian Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Polynesian Airlines
Polynesian Airlines Boeing 737-800 SYD Gilbert.jpg
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATA PH
Codice ICAO PAO
Identificativo di chiamata POLYNESIAN
Descrizione
Hub Aeroporto di Fagali'i
Flotta 2
Destinazioni 2
Azienda
Fondazione 1959
Stato Samoa Samoa
Sede Apia
Persone chiave Taua Fatu Tielu (Amministratore Delegato)
Sito web www.polynesianairlines.com
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Polynesian Airlines è la compagnia aerea di bandiera delle Samoa, con sede nella capitale dello stato dell'Oceania, Apia. Il suo hub è l'aeroporto di Fagali'i, situato ad Apia, dalla quale raggiunge le isole vicine.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Polynesian Airlines fu fondata nel 1959 da un capitano d'aerei australiano, sir Reginald Barnewall, che aveva già avuto esperienze di manager con un'altra compagnia aerea, la Southern Airlines, con base a Melbourne, e da Eugene Paul, uomo d'affari samoano. I collegamenti iniziarono nell'agosto dello stesso anno operando voli fra Apia e Pago Pago, usando un Percival Prince. Nel 1971 il governo delle Samoa acquisto il controllo della compagnia; nel 1982 fu stipulato un accordo quinquennale con la Ansett Australia, seguito da un altro decennale, firmato nel 1987, con la stessa compagnia. Nel febbraio del 1995 venne stipulato un accordo con la Air New Zealand per sviluppare il mercato, i costi e le relazioni. Con la nascita della Polynesian Blue, fondata dal governo delle Samoa e la Virgin Blue (ora Virgin Australia), la Polynesian Airlines cedette i collegamenti internazionali alla nuova compagnia samoana. Il governo detiene il 100% della Polynesian Airlines ed il 49% della Virgin Blue. Altri accordi sono con Air Pacific ed operatori non commerciali per operare sull'aeroporto Internazionale di Faleolo[1][2].

Un DHC-8-100 ad Apia.

Destinazioni[modifica | modifica sorgente]

Prima della nascita della Virgin Samoa, la Polynesian Airlines operava voli verso America ed Oceania:

Australia Australia

Figi Figi

Isole Cook Isole Cook

Niue Niue

Nuova Zelanda Nuova Zelanda

Polinesia francese Polinesia francese

Samoa Americane Samoa americane

Stati Uniti Stati Uniti

Tonga Tonga

Dopo la creazione dell'attuale Virgin Samoa, alla Polynesian Airlines rimasero le tratte da Fagali'i a Pago Pago, oltre ai collegamenti con altre isole vicine samoane, offrendo servizio charter, quali Savai'i (con voli per Maota ed Asau), Faleolo[3], o anche verso Niue e Tonga.

Flotta[modifica | modifica sorgente]

Un DHC-6 della Polynesian Airlines.

Polynesian Airlines ha una flotta costituita da 2 de Havilland Canada DHC-6 Twin Otter, da 19 posti ciascuno. Precedentemente aveva 2 Boeing 737-200, 6 Boeing 737-300, 2 Boeing 737-800, un Boeing 767-200, un 767-300 ed un Bombardier Q-Series.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ History of Polynesian Airlines.
  2. ^ "Directory: World Airlines". Flight International. 2007-04-10. p. 65.
  3. ^ [1]