Polaroid (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Polaroid
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneNorvegia, Stati Uniti d'America
Anno2019
Durata88 minuti
Dati tecniciColore
rapporto: 2,35:1
Genereorrore, thriller
RegiaLars Klevberg
SoggettoBlair Butler
SceneggiaturaLars Klevberg
ProduttoreRoy Lee
Produttore esecutivoChris Bender
Casa di produzioneDimension Films, Eldorado Film, Vertigo Entertainment
Distribuzione in italianoNotorious Pictures
FotografiaPål Ulvik Rokseth
MontaggioPeter Gvozdas
Effetti specialiFernando Torres Idrovo
MusichePhilip Giffin
ScenografiaBrian Enman
CostumiMartha Curry
TruccoVince Yoshida
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Polaroid è un film horror-soprannaturale del 2019 diretto da Lars Klevberg, basato sull'omonimo cortometraggio del 2015.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La giovane Sarah e la sua amica Linda aprono una scatola con gli oggetti personali della defunta madre di Sarah, e in particolare, vengono colpite da una vecchia polaroid, ottenuta ad un'asta. Linda fa una foto a Sarah con l'oggetto, per poi andar via. Sarah, rimasta da sola, nota all'interno della fotografia la presenza di un'ombra sfocata, e subito dopo, la ragazza, seguendo dei rumori, arriva in soffitta, dove una figura terrificante la uccide. Nei giorni a venire, l'adolescente Bird, che porta sempre con sé una sciarpa gialla per coprire una cicatrice sul collo, riceve in regalo dal suo amico Tyler la medesima polaroid comprata ad un mercatino, e sulla quale vi sono incise le iniziali "R. J. S.". Dopo aver fotografato il ragazzo, Bird rifiuta il tentativo di baciarlo di Tyler, e poi se ne va dal negozio di antiquariato in cui lavorano, con la polaroid. Rincasata, Bird viene raggiunta dalla sua amica Kasey, che la convince a venire con lei quella sera ad una festa in maschera organizzata dall'arrogante Avery. Inoltre, Bird si accorge della stessa sagoma nella foto di Tyler, intravista anche in quella di Sarah poco prima di morire. Kasey procura a Bird un vestito da Cappuccetto Rosso, e le due amiche si recano alla festa insieme a Devin e Mina, una coppia piena di alti e bassi. Intanto, Tyler, mentre esamina delle fotografie, si imbatte nella malvagia entità, che lo elimina. Al party, Bird conosce Connor, un affascinante ragazzo di cui è segretamente innamorata, e in seguito, Bird scatta un'istantanea a Devin, Mina, Kasey e Connor con la macchina. Successivamente, anche Avery si fa un selfie con la polaroid. La festa termina quando la polizia giunge sul posto per scortare Bird in centrale, dove la ragazza apprende dallo sceriffo Pembroke della morte di Tyler. A casa, una scioccata Bird osserva come l'indistinta macchia sulla foto di Tyler sia scomparsa, e misteriosamente, apparsa sul selfie di Avery. Infatti, Avery, dopo aver mandato via tutti dalla festa, viene aggredita e uccisa dal mostro. La notizia della morte di Avery sconvolge parecchio Bird, specialmente perché la ragazza si rende conto che la figura dalla foto della coetanea è sparita per comparire in quella degli amici. Bird tenta di sbarazzarsi della polaroid, ma il colpo datole le si ritorce contro, rendendo impossibile la sua distruzione. Bird allarma Devin, Mina, Kasey e Connor circa i suoi sospetti sulla macchina, ma Devin, non credendole, brucia la foto di gruppo. Tuttavia, il fuoco, propagandosi sull'immagine, divampa anche sul braccio di Mina e in parte sulla mano di Kasey, e vani sono i tentativi di Connor di fermare le fiamme con un estintore. Bird cessa tutto spegnendo il fuoco dalla fotografia, che si rimargina. Mentre Devin e Kasey portano d'urgenza Mina in ospedale, Bird e Connor si recano al negozio di antiquariato per recuperare gli accessori annessi alla polaroid. Bird viene attaccata dall'entità, che però, fa un passo indietro quando entra in contatto con il calore di un termosifone. Bird si domanda come mai l'essere ce l'abbia anche con lei, dato che non si è mai scattata una foto con quella macchina del terrore, ma Connor le fa notare, nella foto di gruppo, il riflesso della giovane in una finestra. Bird e Connor, poi, dagli articoli della polaroid, scoprono che essa è stata oggetto di una scena del crimine, così, consultando dei vecchi giornali, viene fuori che 40 anni prima, un uomo di nome Roland Joseph Sable, proprio come le iniziali scritte sulla macchina, era stato accusato di aver rapito e ucciso diversi ragazzi e ripreso ogni cosa con la polaroid, per poi venire abbattuto dalla polizia. Nel frattempo, dopo essere stata messa in guardia da Bird, Mina viene uccisa dall'entità, e il ritrovamento del suo corpo fa pensare ad un suicidio. Devin, sconsolato e arrabbiato, se la prende con Bird per aver fatto la fotografia che man mano li sta uccidendo. Bird, rattristita, racconta a Connor il perché indossi sempre la sciarpa gialla: anni prima, lei e suo padre furono coinvolti in un incidente d'auto, che costò la vita all'uomo, la cui morte è vista come una sua responsabilità da Bird, che porta ancora con sé i segni di quell'episodio. Riuniti in un locale, Bird comunica a Devin, Kasey e Connor che la creatura era stata respinta dal vapore del termosifone al negozio, proprio perché agisce come una vera fotografia, e quindi, debole alla luce e al caldo. Devin, accecato dall'ira, cerca di fotografare Bird, così da essere uccisa dalla creatura, ma in uno scontro con Connor, Devin finisce con l'autoriprendersi accidentalmente, ed insieme, i ragazzi notano la figura indistinta spostarsi dall'immagine dei 5, alla nuova di Devin. Prima che Devin possa ferire Bird, Kasey salva l'amica pugnalando con una matita la foto di Devin, che produce una ferita nella realtà. Nella colluttazione che ne segue, Devin aggredisce inavvertitamente un poliziotto, pertanto, viene sbattuto in cella. Alla stazione di polizia, Bird e Connor tentano di avvisare lo sceriffo Pembroke del pericolo che sta correndo Devin, ma l'uomo non crede a ciò che dicono, e anzi, vieta loro di entrare nella vecchia abitazione di Roland Joseph Sable. Kasey, intanto, scopre che nella casa vive ancora la moglie dell'assassino, Lena Sable, che ha cambiato nome per ricominiciare. Bird e Connor convincono la donna a raccontare la storia del marito: i due avevano una figlia, Rebecca Jane Sable, ossia, la vera proprietaria della polaroid, nonché mentalmente instabile; Rebecca si attaccò morbosamente alla macchina fotografica, ragion per cui venne presa di mira da 4 bulli della scuola, che un giorno, la convinsero ad uscire di casa solo per scattarle delle foto provocanti con la polaroid, e farle circolare; Rebecca non superò l'accaduto, e si suicidiò, il che spinse il padre Roland a dare la caccia ai 4 teppisti che avevano spronato la figlia a commettere un atto così brutale; l'uomo riuscì a torturare e uccidere solo 3 di loro, mentre l'ultimo ragazzo venne salvato dalla polizia, e Roland fu ucciso a colpi di pistola con ancora la polaroid in mano. Lena spiega che, nonostante sia morto, Roland si aggiri per concludere la sua vendetta e uccidere anche il ragazzo che riuscì a farla franca. Lena mostra a Bird e Connor una foto del sopravvissuto, così i due amici si danno appuntamento con Kasey a scuola per confrontarla con le foto dei vecchi annuari e individuare il superstite alla strage di Sable. Nel mentre, Devin viene assassinato dal mostro nella sua cella. A scuola, Bird e Connor capiscono che il soggetto in questione scampato all'ira di Roland, è nient'altri che lo sceriffo Pembroke, che intanto, li aveva seguiti. Per stoppare Sable, Bird tenta di fotografare lo sceriffo, ma sarà Connor a scattargli una foto. Pembroke rivela così a Bird, Connor e Kasey la vera storia che si cela dietro la polaroid: in verità, non erano lui e i suoi amici l'incubo di Rebecca, bensì suo padre, che abusava di lei sessualmente e produsse quelle foto; Pembroke e i compagni cercarono di aiutare Rebecca e impossessarsi delle foto di Roland per incriminarlo, ma l'uomo, per impedire che tutto venisse a galla, rapì i 4, li martoriò fino alla morte, e solo Pembroke sopravvisse, mentre Rebecca si tolse la vita per la paura. Lena si è inventata tutta quella storia solo per coprire le azioni del defunto marito. Appena svelata la verità, il demone di Sable appare e servendosi dell'immagine di Pembroke, lo uccide barbaramente tagliandolo a metà. Kasey viene ferita dall'entità, ma Bird la mette in salvo, e intanto, Connor scappa dalla parte opposta delle ragazze. Bird e Kasey si rifugiano in una doccia, e usando il vapore dell'acqua calda, allontanano il mostro. Bird si dirige poi a cercare Connor, e i due concordano nel fotografare la creatura in modo tale da sconfiggerla con le sue stesse mosse. Tuttavia, Connor viene trascinato via dal demone, ma Bird si scatta una foto per liberare il ragazzo ed essere inseguita dal mostro sino alla camera delle torture di Sable, dove avviene lo scontro finale. Il mostro sta per uccidere Bird, ma la giovane riesce a riprenderlo appena in tempo, e accartoccia la foto per metterlo fuori gioco. Bird annienta definitivamente Sable bruciando la fotografia. Alla fine, Bird, Kasey e Connor si riabbracciano e Bird si disfa per sempre della polaroid gettandola nel fiume.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 9 marzo 2017 a Halifax, Nuova Scozia.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato originariamente programmato per uscire il 25 agosto 2017. È stato rimandato al 1º dicembre 2017 e poi al 22 novembre 2017.[senza fonte]

Nell'ottobre 2018 Lantern Entertainment, che ha acquisito il patrimonio della Weinstein Company attraverso la sua bancarotta, e 13 Films, una società internazionale di distribuzione e finanza, ha firmato un accordo per la co-distribuzione del film a livello internazionale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema