Piccoli brividi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Piccoli brividi (Goosebumps) è una serie di libri per ragazzi ad ambientazione horror dell'autore statunitense Robert Lawrence Stine nata nel 1992.

I libri della serie hanno venduto oltre 500 milioni di copie in tutto il mondo e sono stati tradotti in 32 lingue.[1] Secondo il Guinness dei primati, Piccoli brividi è la serie di libri per ragazzi più venduta della storia.[2]

Le copertine dei libri sono realizzate dall'illustratore Tim Jacobus.[3]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il primo volume della serie, La casa della morte (Welcome to Dead House), è stato pubblicato negli Stati Uniti nel 1992 e in Italia nel 1995.[4] Oltre alla collana principale sono stati pubblicati diversi numeri speciali, come i Super brividi.

I racconti della serie sono in genere brevi, hanno un massimo di 190 pagine (più spesso massimo 150-160), l'intreccio nelle storie è di solito semplice ma con frequenti colpi di scena e i toni non sono mai particolarmente forti nonostante il presunto intento "horror". La narrazione solitamente è in prima persona, ma spesso viene utilizzata anche quella in terza. I protagonisti sono generalmente ragazzini di dodici anni e la caratteristica dei racconti è il finale, che spesso stravolge l'intero senso della vicenda narrata.

All'interno della collana sono presenti delle miniserie, come ad esempio quella del Pupazzo parlante, che raccoglie un ciclo di cinque storie, e quella del Barattolo mostruoso, che raccoglie quattro volumi.

Elenco dei libri[modifica | modifica wikitesto]

Serie principale[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte di racconti[modifica | modifica wikitesto]

Serie Give Yourself Goosebumps[modifica | modifica wikitesto]

  • Escape from the Carnival of Horrors (1995)
  • Tick Tock, You're Dead! (1995)
  • Il club dell'orrore (Trapped in Bat Wing Hall, 1995)
  • The Deadly Experiments of Dr. Eeek (1996)
  • Night in Werewolf Woods (1996)
  • Beware of the Purple Peanut Butter (1996)
  • Under the Magician's Spell (1996)
  • The Curse of the Creeping Coffin (1996)
  • Il cavaliere malefico (The Knight in Screaming Armour, 1996)
  • Diario di una mummia impazzita (Diary of a Mad Mummy, 1996)
  • Deep in the Jungle of Doom (1996)
  • Welcome to the Wicked Wax Museum (1996)
  • Il genio del male (Scream of the Evil Genie, 1997)
  • The Creepy Creations of Professor Shock (1997)
  • Please Don't Feed the Vampire! (1997)
  • Secret Agent Grandma (1997)
  • Little Comic Shop of Horrors (1997)
  • Attack of the Beastly Babysitter (1997)
  • Escape from Camp Run-For-Your-Life (1997)
  • Toy Terror: Batteries Included (1997)
  • The Twisted Tale of Tiki Island (1997)
  • Return to the Carnival of Horrors (1997)
  • Zapped in Space (1997)
  • Lost in Stinkeye Swamp (1997)
  • Shop Till You Drop...Dead! (1998)
  • Alone in Snakebite Canyon (1998)
  • Checkout Time at the Dead-End Hotel (1998)
  • Night of a Thousand Claws (1998)
  • Invaders from the Big Screen (1998)
  • You're Plant Food! (1998)
  • The Werewolf of Twisted Tree Lodge (1998)
  • It's Only a Nightmare! (1998)
  • It Came from the Internet (1999)
  • Elevator to Nowhere (1999)
  • Hocus-Pocus Horror (1999)
  • Ship of Ghouls (1999)
  • Escape from Horror House (1999)
  • Into the Twister of Terror (1999)
  • Scary Birthday to You! (1999)
  • Zombie School (1999)
  • Danger Time (1999)
  • All-Day Nightmare (2000)

Serie Give Yourself Goosebumps: Special Edition[modifica | modifica wikitesto]

  • Into the Jaws of Doom (1998)
  • Return to Terror Tower (1998)
  • Trapped in the Circus of Fear (1998)
  • One Night in Payne House (1998)
  • The Curse of the Cave Creatures (1999)
  • Revenge of the Body Squeezers (1999)
  • Trick or...Trapped! (1999)
  • Weekend at Poison Lake (1999)

Serie Goosebumps Graphix[modifica | modifica wikitesto]

  • Creepy Creatures (2006)
  • Terror Trips (2007)
  • Scary Summer (2007)
  • Slappy's Tales of Horror (2015)

Serie Goosebumps HorrorLand[modifica | modifica wikitesto]

Serie La galleria degli orrori (Hall of Horrors)[modifica | modifica wikitesto]

Serie Goosebumps Most Wanted[modifica | modifica wikitesto]

  • Planet of the Lawn Gnomes (2012)
  • Son of Slappy (2013)
  • How I Met My Monster (2013)
  • Frankenstein's Dog (2013)
  • Dr. Maniac Will See You Now (2013)
  • Creature Teacher: The Final Exam (2014)
  • A Nightmare on Clown Street (2015)
  • Night of the Puppet People (2015)
  • Here Comes the Shaggedy (2016)
  • Lizard of Oz (2016)

Serie Goosebumps Most Wanted Special Edition[modifica | modifica wikitesto]

  • Zombie Halloween (2014)
  • The 12 Screams of Christmas (2014)
  • Trick or Trap (2015)

Serie Goosebumps SlappyWorld[modifica | modifica wikitesto]

  • Buon pupazzo di compleanno! (Slappy Birthday to You, 2017)
  • Pupazzo all'attacco! (Attack of the Jack, 2017)
  • I Am Slappy's Evil Twin (2017)
  • Please Do Not Feed the Weirdo (2018)
  • Escape from Shudder Mansion (2018)
  • The Ghost of Slappy (2018)
  • It's Alive! It's Alive! (2019)
  • The Dummy Meets the Mummy! (2019)
  • Revenge of the Invisible Boy (2019)
  • Diary of a Dummy (2019)

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Piccoli brividi (serie televisiva).

Nel 1995 venne realizzata una serie televisiva basata sui racconti della serie.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Piccoli brividi (film) e Piccoli brividi 2 - I fantasmi di Halloween.

Il 16 ottobre 2015 esce al cinema Piccoli brividi, il primo film ispirato alla serie, e nel 2018 esce il sequel Piccoli brividi 2 - I fantasmi di Halloween.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piccoli brividi, su personaggi.ragazzimondadori.it. URL consultato il 15 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2014).
  2. ^ (EN) Goosebumps, su timjacobus.com, 15 aprile 2014. URL consultato il 15 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2014).
  3. ^ (EN) Tim Jacobus Biography, su timjacobus.com. URL consultato il 15 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2014).
  4. ^ R.L. Stine - La casa della morte, su librimondadori.it. URL consultato il 15 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura