Piaggio P.VIII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piaggio P.VIII
Descrizione
Costruttore Italia Piaggio & C.
Tipo motore radiale
Numero di cilindri 9
Raffreddamento ad aria
Alimentazione carburatore
Distribuzione OHV
Dimensioni
Lunghezza 1.050 mm
Diametro 1.416 mm
Cilindrata 28,63 l
Alesaggio 146 mm
Corsa 190 mm
Rap. di compressione 5,3:1
Peso
A vuoto 385 kg
Prestazioni
Potenza 373 kW (500 CV)
Combustibile benzina
voci di motori presenti su Wikipedia

Il Piaggio P.VI (noto anche come Piaggio Jupiter VIII) era un motore aeronautico radiale a 9 cilindri raffreddato ad aria, versione del britannico Bristol Jupiter, prodotta su licenza dall'azienda italiana Piaggio & C., di Pontedera.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I cilindri erano ricavati dal blocco stampato in acciaio Ni-Cr, le alette sui cilindri erano circolari ed orizzontali mentre le alette sulle teste erano orizzontali e verticali. Le teste dei cilindri erano riportate, in alluminio.
L'asse a manovella era realizzato in due pezzi, in acciaio Ni-Cr.
I pistoni erano in lega d'alluminio fusa in conchiglia, con due fasce elastiche ed una fascia raschiaolio.

La biella madre era in un unico pezzo, stampata in acciaio Ni-Cr e la testa porta gli spinotti delle otto bielle secondarie.
Le bielle secondarie erano anch'esse in acciaio Ni-Cr, a sezione ad H.
Era presente un riduttore planetario a ingranaggi conici per dimezzare il numero di giri dell'albero.

La distribuzione avveniva su quattro valvole (due per l'aspirazione, due per lo scarico), azionate da un disco a cammes.

La lubrificazione sotto pressione era assicurata da due pompe a ingranaggi, l'una di mandata (con valvola regolatrice) e l'altra di recupero.
L'alimentazione era tramite una pompa comandata dal motore, che inviava il combustibile a un carburatore a tre corpi.

L'accensione avveniva grazie a due magneti Marelli MF 9.[1]

Velivoli utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jotti da Badia Polesine, Annuario dell'Aeronautica Italiana, Milano, Libreria Aeronautica, 1934, p. 230.

Motori comparabili[modifica | modifica wikitesto]