Peng Dehuai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Peng Dehuai
General Peng Dehuai.jpg

Ministro della difesa nazionale della Repubblica Popolare Cinese
Durata mandatosettembre 1954 –
aprile 1959
Predecessorecarica istituita
SuccessoreLin Biao

Dati generali
Partito politicoPartito Comunista Cinese
ProfessioneMilitare
Peng Dehuai
1950 Pang Dehuai going to Korea.jpg
Peng Dehuai in Corea nel 1950
Soprannome"Péng lǎozǒng", "Vecchio Capo Peng", "Grande Generale Peng"
NascitaXiangtan, 24 ottobre 1898
MortePechino, 29 novembre 1974
Dati militari
Paese servitoRepubblica di Cina Cricca dello Hunan
Cina
Cina Repubblica Popolare Cinese
Forza armataRepubblica di Cina Esercito Xiang
Flag of the Republic of China Army.svg Esercito Rivoluzionario Nazionale
中國工農紅軍軍旗.svg Armata Rossa Cinese
Flag of the People's Liberation Army.svg Esercito Popolare di Liberazione
ArmaForze terrestri
Anni di servizio1916 - 1959
GradoTenente generale
(Esercito Rivoluzionario Nazionale)
Maresciallo della Repubblica Popolare Cinese
(Esercito Popolare di Liberazione)
GuerreRivoluzione Xinhai
Movimento di protezione della costituzione
Spedizione del Nord
Guerra civile cinese
Seconda guerra sino-giapponese
Guerra di Corea
CampagneSpedizione del Nord
Campagne di accerchiamento
Lunga marcia
Offensiva dei cento reggimenti
BattaglieBattaglia di Fengtai
Battaglia del bacino di Chosin
Comandante diTerzo corpo d'armata
vice comandante in capo dell'Ottava Armata della Strada
vice comandante in capo dell'Esercito Popolare di Liberazione
comandante in capo dell'Esercito popolare dei volontari
DecorazioniPRK Order of the National Flag - 1st Class BAR.png Ordine della Bandiera Nazionale di I classe
Altre caricheMinistro della difesa nazionale
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Peng Dehuai[1] (彭德懷T, 彭德怀S, Péng DéhuáiP, P'eng Te-huaiW; Xiangtan, 24 ottobre 1898Pechino, 29 novembre 1974) è stato un politico e generale cinese. Famoso leader militare nonché capo dell'Esercito, nel 1955 fu uno dei "10 generali veterani" ad essere elevato al grado di Maresciallo della Repubblica Popolare Cinese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera militare iniziò negli anni venti nelle file dell'esercito del Kuomintang unificato, nel quale divenne comandante di brigata; in quel periodo iniziò a legarsi con politici radicali. Nel 1927, in seguito all'epurazione dei comunisti dal Kuomintang, fu allontanato ed entrò nel Partito Comunista Cinese. Partecipò alla Lunga marcia ed alla guerra contro il Giappone. In seguito, con la ripresa della guerra civile tra comunisti e nazionalisti, comandò vittoriosamente la I armata. Durante la guerra di Corea fu nominato comandante supremo dell'esercito e ministro della difesa. In seguito si impegnò per una riforma delle forze armate, volendo dotarle di un'organizzazione moderna. Le sue idee però lo misero in contrasto con Mao, che invece era favorevole ad un esercito fortemente ideologizzato e portatore degli ideali comunisti.

La rottura tra Mao e Peng avvenne nel 1959 alla Conferenza di Lushan, durante la quale Peng criticò aspramente l'operato di Mao nel Grande balzo in avanti; la lettera che spedì a Mao per una critica complessiva, favorevole invece al modello sovietico, venne sottoposta dal leader al gruppo dirigente, e sotto insistenze di Liu Shaoqi venne assunta nel dibattito della conferenza, che venne di conseguenza prolungata di dieci giorni. Peng fu quindi destituito (ovviamente fu rimosso da Ministro della Difesa, per il suo punto di un esercito professionalizzato e accasermato di tipo sovietico, opposto all'esercito di popolo del gruppo dirigente uscito dalla rivoluzione armata) e sostituito da Lin Biao; mantenne però tutti i suoi incarichi nel CC del PCC. Il 1966 lo trova a capo di una impresa industriale militare in una provincia nel Sud della Cina. Dalla Conferenza di Lushan al 1966 non fu mai arrestato né vessato, come non lo furono mai i pochi dirigenti in dissenso con la "linea proletaria" del Centro.

Nel maggio del 1966 viene lanciata la lungamente annunciata Grande Rivoluzione Proletaria, con una intera pagina del Giornale del Popolo. Il punto essenziale è trasformare dalle fondamenta gli organi di potere amministrativo e politico nel senso della Comune di Parigi, e valutare dal basso tutti i dirigenti di partito (documento in 16 punti della Commissione incaricata della Rivoluzione culturale dentro il CC del PCC). Si formarono le Guardie rosse, che spesso presero una via violenta in risposta ai tentativi di repressione. Si divisero e disgregarono, mettendo a repentaglio la stessa unità nazionale. In questo periodo di caos e processi pubblici vennero ricordate le passate divergenze tra l'anziano generale e Mao, e ne vennero considerate le colpe. Non furono tenuti in conto i suoi grandi meriti nel corso della guerra rivoluzionaria e in Corea, e venne condannato al carcere a vita in un laogai, ove morì nel 1974.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze cinesi[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Vittoria della Resistenza contro l'Aggressione - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Vittoria della Resistenza contro l'Aggressione
Medaglia 1º agosto - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia 1º agosto
Ordine dell'Indipendenza e della Libertà di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Indipendenza e della Libertà di I Classe
Ordine della Liberazione di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Liberazione di I Classe

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Eroe della Repubblica Popolare Democratica di Corea (Corea del Nord) - nastrino per uniforme ordinaria Eroe della Repubblica Popolare Democratica di Corea (Corea del Nord)
— [2]
Ordine della Bandiera Nazionale di I Classe (2 - Corea del Nord) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Nazionale di I Classe (2 - Corea del Nord)
— 1951 e 1953[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Peng" è il cognome.
  2. ^ (EN) Martin Weiser, Chests Full of Brass: A DPRK Political History in Orders, Medals, Prizes, and Titles, su sinonk.com, 8 gennaio 2016. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  3. ^ (EN) Stanley Sandler, The Korean War: An Encyclopedia, New York/Londra, Taylor & Francis, gennaio 1995, p. 264, ISBN 978-0-8240-4445-9. URL consultato il 19 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro della difesa nazionale della Repubblica Popolare Cinese Successore Flag of the People's Republic of China.svg
carica istituita 1954-1959 Lin Biao
Controllo di autoritàVIAF (EN18544334 · ISNI (EN0000 0001 2036 9890 · LCCN (ENn81063473 · GND (DE1012943585 · J9U (ENHE987007266434305171 · NDL (ENJA00536033 · WorldCat Identities (ENlccn-n81063473