Paul Volcker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paul Adolph Volcker
Paulvolcker.jpg

12º Presidente della Federal Reserve
Durata mandato 6 agosto 1979 - 11 agosto 1987
Presidente Jimmy Carter, Ronald Reagan
Predecessore William Miller
Successore Alan Greenspan

Presidente della Federal Reserve di New York
Durata mandato 2 maggio 1975 - 5 agosto 1979
Predecessore Alfred Hayes
Successore Anthony Solomon

Presidente dell'Economic Recovery Advisory Board
Durata mandato 6 febbraio 2009 - 23 febbraio 2011
Presidente Barack Obama
Predecessore nessuno
Successore Jeffrey Immelt

Dati generali
Partito politico Democratico
Università Università di Princeton, Università di Harvard, London School of Economics

Paul Adolph Volcker (Cape May, 5 settembre 1927) è un economista statunitense.

Presidente della Federal Reserve sotto i presidenti Jimmy Carter e Ronald Reagan (dall'agosto 1979 all'agosto 1987), ponendo fine agli alti livelli di inflazione registrati negli Stati Uniti negli anni Settanta e nei primi anni Ottanta. È stato anche presidente del gruppo nordamericano della Commissione Trilaterale dal 1991 al 2001 e presidente del comitato consultivo per la ripresa economica sotto la presidenza di Barack Obama dal febbraio 2009 sino al gennaio 2011.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Volcker è nato a Cape May, nel New Jersey, ed è cresciuto a Teaneck, sempre nel New Jersey. Si è diplomato nella High School di Teaneck, quindi si è laureato nel 1949 all'Università di Princeton ottenendo la lode con una tesi in cui criticava le politiche della Federal Reserve tenute dopo la fine della guerra per non aver frenato le pressioni inflazionistiche.[1] Ha conseguito presso la Harvard University il Master degree in economia politica ed in pubblica amministrazione nel 1951, frequentando poi la London School of Economics dal 1951 al 1952.[2]

Dal 1969 al 1974 Volcker è stato sottosegretario del Ministero del Tesoro per gli affari monetari internazionali. Ha svolto un ruolo importante nelle decisioni che hanno portato gli Stati Uniti a sospendere la convertibilità dell'oro nel 1971 provocando lo smantellamento del sistema di Bretton Woods. In generale ha prodotto una spinta di moderazione sulla politica. Dopo avere lasciato il Ministero del Tesoro degli Stati Uniti, è diventato presidente della Federal Reserve Bank di New York a partire dal 1975 al 1979, carica lasciata per assumere la presidenza della Federal Reserve nell'agosto del 1979. Nel 1975 Volcker inoltre è diventato docente nella scuola Woodrow Wilson degli affari pubblici ed internazionali all'Università di Princeton.

Paul Volcker, democratico, fu nominato presidente della Federal Reserve nell'agosto 1979 dal presidente Jimmy Carter[3] e fu riconfermato nel 1983 dal presidente Ronald Reagan che lo sostituirà con Alan Greenspan solo a metà del secondo mandato nel 1987.[4][5] Fu ampiamente noto per la lotta alla crisi di stagflazione degli anni settanta causata dalla decisione dell'aumento dei prezzi del petrolio da parte dell'OPEC. Nonostante la situazione economica difficile, Volcker attuò una politica monetaria restrittiva (Volcker shock), innalzando il tasso di interesse al fine di intervenire sull'altissima inflazione (che viaggiava da anni su ritmi del 10% annuo). Dopo le inevitabili conseguenze negative iniziali, che portarono la disoccupazione oltre il 10%, la Fed raggiunse l'obiettivo sperato: fu ottenuta la stabilità dei prezzi, e l'economia americana ricominciò a crescere. L'inflazione, che era giunta al 13.5% nel 1981, dopo un rialzo del tasso prime rate al 21.5%, si abbassò fino al 3.2% nel 1983.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Paul Volcker, The Problems of Federal Reserve Policy since World War II, su arks.princeton.edu, 1949.
  2. ^ (EN) Paul A. Volcker, in Federal Reserve Bank of New York. URL consultato il 16 settembre 2018.
  3. ^ (EN) President Jimmy Carter, Federal Reserve System Nomination of Paul A. Volcker To Be Chairman of the Board of Governors, su presidency.ucsb.edu, 25 luglio 1979. URL consultato il 30 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Robert D. Hershey, Jr., Volcker Out after 8 Years as Federal Reserve Chief; Reagan Chooses Greenspan, in The New York Times, 3 giugno3 1987. URL consultato il 30 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Paul A. Volcker – Council on Foreign Relations, in Cfr.org. URL consultato il 12marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph Treaster, Paul Volcker: The Making of a Financial Legend, Hoboken, N.J.: John Wiley Sons, 2004 ISBN 978-0-471-42812-1.
  • Charles R. Morris, The Sages: Warren Buffett, George Soros, Paul Volcker, and the Maelstrom of Markets. PublicAffairs, 2009 ISBN 978-1-58648-752-2.
  • William L. Silber, Volcker: The Triumph of Persistence, Bloomsbury Press, 2013 ISBN 978-1-620-40292-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56676147 · ISNI (EN0000 0001 1648 4773 · LCCN (ENn78057465 · GND (DE119474301 · BNF (FRcb12305305q (data) · NLA (EN35848376 · NDL (ENJA00476674 · WorldCat Identities (ENn78-057465