Pari e baronetti canadesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera della Nuova Francia dal 1663 al 1763
Bandiera del Canada dal 1868 al 1921

L'insieme dei pari e baronetti canadesi costituisce il sistema nobiliare vigente in Canada, mutuato a sua volta da quello odierno del Regno Unito di cui lo Stato è una dipendenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nobiltà britannica
Crown of Saint Edward (Heraldry).svg

Parie
Divisioni
Non ufficiali

Jacobite Standard (1745).svg Parìa giacobita

† parìa creata dagli Stuart in esilio e non riconosciuta dal governo degli Hannover né dai loro successori
Storia
Flag of the United Kingdom.svg Portale Regno Unito
Modifica

Il Cardinale Richelieu introdusse il Sistema Signorale nel 1627. Quasi tutti i canadesi francesi che divenivano ufficiali nell'esercito o che ricoprivano incarichi importanti nella colonia, provenivano dai ranghi della Nobiltà francese. Sotto l'Ancien Régime, molti di questi si erano trasferiti direttamente in Canada dove erano stati elevati o promossi nei ranghi della Parìa di Francia. Dall'inizio del Settecento, divenne comune concedere ai governatori generali della Nuova Francia il titolo di marchese. Tutti, ad eccezione del marchese de Vaudreuil e del marchese de Beauharnois, rimasero in Canada solo per pochi anni per poi fare ritorno in Francia e pertanto non furono personaggi fondamentali per la storia canadese.

Il Baronettaggio di Nuova Scozia (titolo ereditario britannico, ma non una parìa) era stato istituito da re Giacomo VI di Scozia nel 1624 per quanti si erano insediati in Nuova Scozia. Ad eccezione di Sir Thomas Temple, quasi nessuno di questi pari rimase successivamente in Nuova Scozia ed essi ad ogni modo vennero indicati come nobili inglesi, non canadesi.

A seguito della Conquista inglese della Nuova Francia nel 1763, personaggi come Lord Amherst e Lord Dorchester vennero elevati nella Parìa di Gran Bretagna per la loro parte nella conquista del Canada e come governatori generali, pur non essendo comunque canadesi. Col crescere della colonia sotto il governo britannico in termini economici e geografici, il baronettie iniziarono ad essere conferite anche a diversi politici canadesi, a comandanti militari ed a uomini d'affari. Nel 1891, Lord Mount Stephen divenne il primo canadese ad essere elevato nella Parìa del Regno Unito col concetto che l'immigrazione avesse giocato un ruolo importante nel Canada e che quindi molti degli arrivati fossero distanti discendenti dei nobili anche inglesi. Le perdite significative subite durante la Prima guerra mondiale, colpirono anche molti aristocratici dell'epoca e i rimpiazzi vennero trovati in Canada e pertanto diversi canadesi, come sudditi inglesi, vennero autorizzati a succedere a tali titoli.

Dopo la controversa elevazione dei lords Atholstan e Beaverbrook nella Parìa del Regno Unito, la Nickle Resolution venne presentata alla Camera dei Comuni canadese nel 1917 chiedendo al sovrano di non concedere ai canadesi cavalierati, baronettie e parìe. Questo portò al Dibattito sui titoli canadesi e creò un sistema separato di ordini, decorazioni e medaglie per il Canada. I canadesi che dopo questa data avrebbero voluto ottenere delle onorificenze britanniche, avrebbero dovuto ottenere la cittadinanza inglese, come nel caso di Lord Thomson della Flotta. Ad ogni modo, il successivo Canadian Citizenship Act ha stabilito inoltre che i canadesi che avessero acquisito altri legami stranieri ad eccezione del matrimonio avrebbero rinunciato alla loro cittadinanza canadese.

Nobiltà canadese nell'aristocrazia francese[modifica | modifica wikitesto]

Esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Baroni de Longueuil, detentori dell'unico titolo coloniale francese attualmente riconosciuto dalla regina Elisabetta II

Estinti[modifica | modifica wikitesto]

Il marchese di Vaudreuil-Cavagnal fu il primo canadese ad essere nominato governatore generale della Nuova Francia. Egli era primo cugino del padre del marchese di Lotbinière
Il marchese di Lotbinière fu il primo canadese ad essere elevato al marchesato nella Parìa di Francia. Questi era zio del visconte di Léry; primo cugino del marchese di Fresnoy; e suo padre era cugino di primo grado del marchese di Vaudreuil-Cavagnal
Il Visconte di Léry fu l'ingegnere capo canadese delle armate di Napoleone. Egli sposò la figlia del duca di Valmy e fu nipote del marchese di Lotbinière

Nobiltà canadese nell'aristocrazia del Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Parìe concesse prima della Nickle Resolution[modifica | modifica wikitesto]

Lord Strathcona, soprannominato "Uncle Donald" da Edoardo VII in riferimento alla sua filantropia. Egli era primo cugino di Lord Mount Stephen.
Lord Mount Stephen, il genio finanziario che creò la Canadian Pacific Railway e primo cugino di Lord Strathcona. Nel 1891, fu il primo canadese ad essere elevato nella Parìa del Regno Unito.
Agnes Macdonald, I baronessa Macdonald di Earnscliffe, fu l'unica donna canadese ad aver ottenuto un titolo di parìa in vece del defunto marito, Sir John A. Macdonald, primo Primo ministro del Canada dopo la creazione della Confederazione canadese del 1867.
Lord Atholstan l'unico canadese membro della Parìa del Regno Unito ad essere nato e vissuto per tutta la sua vita in Canada, ma anche il più controverso dei pari canadesi.

Esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Estinti[modifica | modifica wikitesto]

  • Barone Mount Stephen, di Mount Stephen nella Provincia della British Columbia e del Dominion del Canada, e di Dufftown nella Contea di Banff. Creato nel 1891 per George Stephen, I barone Mount Stephen. Questi fu presidente della Bank of Montreal e genio finanziario dietro la creazione della Canadian Pacific Railway, uno dei maggiori sistemi di trasporto al mondo dell'epoca. Egli fu inoltre il primo canadese ad essere elevato nella Parìa del Regno Unito e primo cugino di Lord Strathcona. Lui e suo cugino di primo grado sono ricordati in particolare per le loro opere filantropiche che li spinsero a donare milioni di sterline in opere di carità. La sua casa a Golden Square Mile è attualmente sede del Mount Stephen Club e dal 1888 egli si trasferì permanentemente in Inghilterra dove visse a Brocket Hall. La sua seconda moglie, nipote di Lord Wolverton, fu amica e confidente della Regina Mary che la madre aveva servito come dama di compagnia. La figlia adottata dalla coppia, Alice, sposò Henry Northcote, I barone Northcote. Lord Mount Stephen non ebbe eredi maschi e pertanto il suo titolo si estinse alla sua morte avvenuta a Brocket Hall nel 1921.
  • Baronessa Macdonald di Earnscliffe, nella Provincia dell'Ontario e nel Dominion del Canada. Creato nel 1891 per Agnes Macdonald, I baronessa Macdonald di Earnscliffe, vedova di Sir John A. Macdonald, primo Primo Ministro del Canada dopo la creazione della Confederazione canadese nel 1867. Il suo titolo venne reso ereditabile dagli eredi maschi, ma l'unica a sopravvivergli fu una figlia e pertanto il titolo si estinse alla sua morte avvenuta in Inghilterra nel 1920.[13] Il suo ultimo figlio, di cui ella era la seconda moglie, venne sopravvissuto da uno dei suoi figli avuti dal suo primo matrimonio, Sir Hugh John Macdonald, ma egli non poté ereditare il titolo dalla matrigna.
  • Barone Haliburton, di Windsor, nella Provincia di Nuova Scozia e nel Dominion del Canada. Creato nel 1898 per Arthur Haliburton, I barone Haliburton. Nato a Windsor, sede della sua famiglia dal 1763. Dopo la sua educazione si recò in Inghilterra dove si impegnò al servizio dello Stato sino a divenire Sottosegretario di Stato per la Guerra e Deputy Lieutenant di Londra. Pur sposatosi, morì senza eredi ed il titolo si estinse con lui.
  • Barone Pirrie, della Città di Belfast. Creato nel 1906 per William Pirrie, il quale venne elevato alla vicecontea nel 1921 (vedi poi).
  • Barone Atholstan, di Huntingdon nella Provincia di Quebec e nel Dominion del Canada e della Città di Edimburgo. Creato nel 1917, per Hugh Graham, I barone Atholstan, strenuo imperialista, nonché uno dei sostenitori principali del paritto conservatore canadese. Fu proprietario della Montreal Star. Nato a Huntingdon, Québec, dopo la scuola visse il resto della sua vita a Montreal. Fu l'unico canadese ad essere elevato nella Parìa del Regno Unito a vivere tutta la sua vita in Canada. La sua elevazione nella parìa, ad ogni modo, ottenuta grazie alle macchinazioni dei suoi amici Lord Beaverbrook e Lord Northcliffe, fu controversa in Canada ed incontrò l'opposizione sia del governatore generale che del primo ministro dell'epoca.[12] Fu padre di una figlia ma non ebbe eredi maschi e pertanto il titolo si estinse alla sua morte avvenuta nella sua casa di Golden Square Mile nel 1938.[14]

Parìe concesse dopo la Nickle Resolution[modifica | modifica wikitesto]

Esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Estinti[modifica | modifica wikitesto]

  • Visconte Pirrie, della Città di Belfast. Creato nel 1921, per William Pirrie, I visconte Pirrie, nato a Québec da genitori irlandesi. Ritornò in Irlanda dopo il matrimonio. Divenne consigliere della Harland and Wolff e prestò servizio come sindaco di Belfast. Il titolo si estinse alla sua morte nel 1924.
  • Visconte Greenwood, di Holbourne nella Contea di Londra. Creato nel 1937, per Hamar Greenwood, I visconte Greenwood, nato a Whitby, Ontario da padre gallese e madre lealista. Sedette in parlamento nelle file die liberali per la costituente di York, per Sunderland e per Walthamstow East, periodo durante il quale fu anche ministro nel governo di coalizione. Venne creato baronetto nel 1915. Il titolo si estinse alla morte del terzo visconte nel 2003.
  • Visconte Bennett, di Mickleham nella Contea del Surrey e di Calgary e Hopewell nel Dominion del Canada. Creato nel 1941 per Richard Bedford Bennett, nativo del New Brunswick e XI primo ministro del Canada. Si ritirò dopo il suo servizio in Inghilterra ed il titolo si estinse alla sua morte a Mickleham, nel Surrey, nel 1947.[15]

Parìe a vita[modifica | modifica wikitesto]

Una parìa a vita non è un titolo ereditario e pertanto perdura in concessione unicamente per la durata della vita dell'assegnatario. Gli eredi dell'assegnatario possono fregiarsi del prefisso di honourable ma non possono prenderne il titolo.

Esistenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Barone Black di Crossharbour, di Crossharbour nel London Borough di Tower Hamlets. Nel 2001, Tony Blair propose alla regina Elisabetta II di conferire a Conrad Black una parìa a vita col titolo di Barone Black.[16] Sebbene il primo ministro canadese Jean Chrétien evidenziando come, sulla base della Nickle Resolution del 1919 un cittadino canadese non poteva ricevere titoli onorifici britannici, Black a sua volta ribadì come egli all'epoca avesse sia la cittadinanza britannica che quella canadese. Dopo che la Corte Federale del Canada si espresse negativamente sul caso Blake, Black rinunciò alla sua cittadinanza canadese nel 2001, rimanendo cittadino del Regno Unito.[17] The decision to grant or reject his application would be at the discretion of the federal Cabinet.[18] Nel 2007, a Chicago, Conrad Black venne imprigionato per sei anni dopo una condanna per frode. Dopo tre anni, nel maggio del 2012 è stato rilasciato in Florida.[19][20] Per questi motivi egli è stato espulso dal Queen's Privy Council for Canada e rimosso dell'Ordine del Canada, ma non è stato privato dei propri titoli.
  • Barone Wasserman, di Pimlico nella Città di Westminster. Creato nel 2011 per Gordon Wasserman, assistente sottosegretario di stato in pensione dell'Home Office. Lord Wasserman siede attualmente alla Camera dei Lords nelle file dei Conservatori.

Estinti[modifica | modifica wikitesto]

  • Barone Molson, di High Peak nella Contea di Derby. Creato nel 1961, per Hugh Molson, Consigliere Privaot e Membro del Parlamento. Sebbene nato e cresciuto in Inghilterra, egli era membro della famiglia Molson di Montreal, dove suo padre e suo fratello maggiore erano nati. Egli era discendente del tenente colonnello John Molson (1787–1860), di Belmont Hall, Montreal.
  • Baronessa Lestor di Eccles, di Tooting Bec nel London Borough di Wandsworth. Creato nel 1997 per la laburista e membro del parlamento Joan Lestor, baronessa Lestor, nata a Vancouver dal giornalista e scrittore marxista Charles Lestor. Dal 1966, Lestor ha seduto per la costituente di Eton e Slough e poi per Eccles, periodo durante il quale ebbe incarichi ministeriali, prima di ritirarsi a vita privata.

Baronettie canadesi[modifica | modifica wikitesto]

Chief Justice Sir John Beverley Robinson, nativo di Québec, dominò la politica dell'Alto Canada e fu capo indiscusso del Family Compact.
Generale Sir William Fenwick Williams nativo della Nuova Scozia dove si guadagnò fama con la sua partecipazione alla Guerra di Crimea e poi servendo come Vice Governatore della Nuova Scozia.
Il Castello di Dundurn fu l'abitazione costruita in Ontario da Sir Allan Napier MacNab, primo ministro del Canada, prima della costituzione della Confederazione canadese.
Sir William Osler fu un canadese soprannominato "padre della moderna medicina". È inoltre il più noto medico canadese.
Sir Vincent Meredith, membro di una nota famiglia canadese, fu il primo canadese presidente della Bank of Montreal, la banca nazionale del Canada.

Sebbene il titolo di baronetto non costituisca parìa, esso è un titolo ereditario britannico che è stato concesso anche a diversi canadesi.

Esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Quiescenti[modifica | modifica wikitesto]

Estinti[modifica | modifica wikitesto]

Pari canadesi per matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rachel Grant biography at: Copia archiviata, su rachelgrant.com. URL consultato il 16 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2013).
  2. ^ George Edward Cokayne, The Complete Peerage of England, Scotland, Ireland, Great Britain and the United Kingdom, Extant, Extinct or Dormant, VIII, Gloucester, A. Sutton, 1982, pp. 126–7. originally published by the St Catherine Press Ltd, London, England from 1910–1959 in 13 volumes; reprinted in microprint, 13 volumes into 6
  3. ^ Template:Cite DCB
  4. ^ Famille de Juchereau de Sany-Denys, Juchereau du Chesnay/Duchesnay
  5. ^ Template:Cite DCB
  6. ^ Template:Cite DCB
  7. ^ a b Famille de Vaudreuil
  8. ^ Les Seigneuries de Vaudreuil et de Soulanges Archiviato il 13 febbraio 2012 in Internet Archive.
  9. ^ Template:Cite DCB
  10. ^ a b Notables of Annet-sur-Marne Archiviato il 11 luglio 2012 in Internet Archive.
  11. ^ Napoleon's Generals
  12. ^ a b The Order of Canada: Its Origins, History, And Development By Christopher McCreery
  13. ^ The London Gazette (PDF), nº 26192, 14 August 1891, p. 4378.
  14. ^ The London Gazette (PDF), nº 30120, 8 June 1917, p. 5639.
  15. ^ The London Gazette (PDF), nº 35225, 22 July 1941, p. 4213.
  16. ^ The London Gazette (PDF), nº 56379, 5 November 2001, p. 12995.
  17. ^ Dylan C. Robertson, Conrad Black mulls over applying for citizenship, in Toronto Star, 21 maggio 2012. URL consultato il 22 maggio 2012.
  18. ^ David Frum, David Frum: Lord Conrad Black... of Canada, in National Post, 24 luglio 2012. URL consultato il 22 maggio 2012 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2012).
  19. ^ Conrad Black released from prison – Daily Telegraph, May 4, 2012
  20. ^ House of Lords
  21. ^ Cacrofts Peerage Archiviato il 4 novembre 2013 in Internet Archive.
  22. ^ The Gentleman's Magazine, vol. 167, p. 206.
  23. ^ Sir George-Étienne Cartier, 1st Baronet
  24. ^ Amy Tuteur, Listen to your patient, The Skeptical OB, 19 novembre 2008. URL consultato il 9 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2012).
  25. ^ P H Starling, The case of Edward Revere Osler (PDF), in Journal of the Royal Army Medical Corps, vol. 149, nº 1, March 2003, pp. 27–29, DOI:10.1136/jramc-149-01-05, PMID 12743923. (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2012).
  26. ^ Canadian Encyclopedia entry for Sir Gilbert Parker
  27. ^ Points of Interest Along Lost Streams: Toronto Pork Packing Plant. Lostrivers.ca. The Toronto Green Community and the Toronto Field Naturalists. Retrieved 2007-12-03.
  28. ^ a b Steve Bartlett, From Placentia to the Palace, in The Telegram, 8 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.